Google+

Yemen. I bambini sono le prime vittime dell’orrore della guerra

marzo 28, 2017 Redazione

Quasi mezzo milione di bambini soffre di malnutrizione acuta grave, 1.546 i bambini uccisi, 2.450 mutilati, 1.572 minorenni reclutati nei combattimenti

tratto dall’Osservatore Romano – Sana’a, 28. Oltre 7200 morti, 42.000 feriti e milioni di sfollati in quello che è uno dei paesi più poveri del Vicino oriente: in Yemen si trascinano da anni scontri, violenze, combattimenti. Una guerra dimenticata. Infatti sono pochi i quotidiani che dedicano spazio e attenzione a questa carneficina. Quasi mezzo milione di bambini che soffre di malnutrizione acuta grave, 1.546 i bambini uccisi, 2.450 mutilati, 1.572 minorenni reclutati nei combattimenti, oltre due milioni di bambini che non frequentano le scuole. È uno degli aspetti del brutale conflitto nel paese secondo l’ultimo rapporto dell’Unicef.

Le famiglie yemenite devono ricorrere sempre più a misure estreme per sostenere i loro bambini, sostiene il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia nel rapporto pubblicato quando la guerra entra nel suo terzo anno. Il numero di persone estremamente povere e vulnerabili è altissimo: circa l’80 per cento delle famiglie ha debiti e metà della popolazione vive con meno di due dollari al giorno. I meccanismi di adattamento sono stati gravemente erosi dalla violenza, che ha trasformato lo Yemen in una delle più grandi emergenze al mondo per quanto concerne la sicurezza alimentare e la malnutrizione. Le famiglie mangiano molto meno, scelgono cibo meno nutriente o saltano i pasti. Quasi mezzo milione di bambini soffre di malnutrizione acuta grave — in aumento del 200 per cento dal 2014 — e aumenta il rischio di carestia.

Visto che le risorse delle famiglie diminuiscono, sempre più bambini vengono reclutati dalle parti in guerra e spinti a matrimoni precoci. Oltre due terzi delle ragazze si sposano prima dei 18 anni (prima dello scoppio della crisi la percentuale era del 50 per cento). E i bambini sono sempre più utilizzati dalle parti in conflitto come combattenti. Inoltre, il sistema sanitario dello Yemen è sull’orlo del collasso: quasi 15 milioni di persone non hanno accesso alle cure sanitarie; un’epidemia di colera e diarrea acuta legata all’acqua nell’ottobre 2016 continua a diffondersi, con oltre 22.500 casi sospetti e almeno 106 morti.
Circa 1600 scuole non possono più essere utilizzate, perché sono state distrutte, danneggiate, o perché ospitano famiglie sfollate o sono occupate dalle parti in conflitto; almeno 350.000 bambini non vanno a scuola a causa delle dirette conseguenze del conflitto; complessivamente due milioni di bambini sono fuori dall’istruzione scolastica.

In questo quadro sempre più drammatico, non si fermano i combattimenti tra le forze lealiste del presidente Abd Rabbo Mansour Hadi, riconosciuto dalla comunità internazionale, e i ribelli huthi. A causa del conflitto rafforzano anche le loro posizioni i terroristi di Al Qaeda nella penisola arabica e i miliziani del cosiddetto stato islamico (Is). Un attentato suicida, attribuito ad Al Qaeda, è stato compiuto ieri nella provincia di Lahj, nel sud del paese causando la morte di sei soldati e quattro civili.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana