Google+

Troppo tardi per il pentimento di Erdogan

giugno 29, 2016 Rodolfo Casadei

L’attentato all’aeroporto di Istanbul, il più punitivo per il presidente turco, arriva proprio all’indomani del suo tentativo di riparare i troppi errori politici

Passengers embrace each other on the entrance to Istanbul's Ataturk airport, early Wednesday, June 29, 2016 following its evacuation after a blast. Two explosions have rocked Istanbul's Ataturk airport Tuesday, killing several people and wounding scores of others, Turkey's justice minister and another official said. A Turkish official says two attackers have blown themselves up at the airport after police fire at them. Turkish authorities have banned distribution of images relating to the Ataturk airport attack within Turkey. (AP Photo/Emrah Gurel) TURKEY OUT

Erdogan e il suo governo lo avevano visto arrivare. Di tutti gli attentati compiuti in Turchia negli ultimi tempi, quello contro l’aeroporto internazionale di Istanbul è la tragedia che più sanziona la politica estera turca riformulata cinque anni fa nel pieno tumulto delle Primavere arabe, quello che più inchioda il capo di Stato turco al ruolo di apprendista stregone travolto dalle forze che ha incautamente evocato. L’establishment di Ankara aveva appena preso coscienza dei tragici errori compiuti nel quinquennio alle sue spalle e aveva appena iniziato a correggerli, ma ormai troppo tardi: la nemesi di quegli errori si è abbattuta implacabile, e il peggio deve ancora arrivare.

Nella settimana che è alle nostre spalle il governo turco ha riallacciato le relazioni diplomatiche con Israele rotte nel 2010 dopo l’uccisione di alcuni militanti islamisti turchi in navigazione verso Gaza; il presidente Erdogan ha inviato sette mesi dopo i fatti una lettera di scuse al presidente Putin per l’abbattimento di un aereo militare russo e la morte dei due piloti, contenente una proposta di collaborazione nella lotta al terrorismo e per la soluzione del conflitto in Siria; il primo ministro Binali Yildirim ha dichiarato che il suo governo persegue la normalizzazione dei rapporti anche con l’Egitto di al-Sisi e persino con la Siria.

turchia-attentato-istanbul-2-ansa-ap

All’indomani della caduta dei leader di Tunisia, Egitto e Yemen, e col regime di Damasco sotto pressione per l’insurrezione armata sostenuta da Arabia Saudita e Qatar, la Turchia di Erdogan e del ministro degli Esteri poi primo ministro Davutoglu si è candidata alla leadership regionale in un’ottica islamista e neo-ottomana. Ha appoggiato i partiti fiancheggiatori dei Fratelli Musulmani in Tunisia ed Egitto e poi i governi e i presidenti usciti vincitori dalle elezioni; in Siria ha puntato le sue fiches sul Libero Esercito siriano e sulla sua ala politica, ma quando essi si sono rivelati incapaci di abbattere il regime del presidente Assad ha stretto patti diabolici con Jabhat al Nusra (al Qaeda) e con l’Isis.

Nel giro di pochi mesi ha rotto le relazioni costruite con anni di diplomazia con tutti i governi della regione: Israele, Siria, Egitto, Iran e Russia. Si è ritrovata con lo storico alleato Usa al fianco dei curdi siriani fratelli gemelli del Pkk curdo di Turchia, la più importante minaccia all’unità territoriale del paese. Aspirava a stendere la sua egemonia sulla Siria, in particolare sulla regione di Aleppo, e ora si ritrova con quasi tutta la frontiera turco-siriana controllata dalle Forze democratiche siriane la cui componente più importante è il Pyd/Ypg, fratello gemello del Pkk, con la benedizione degli Usa. Costretta a partecipare alla coalizione internazionale contro l’Isis per non perdere l’appoggio della Nato di cui è parte, ora si ritrova bersaglio delle rappresaglie dei jihadisti prima usati e oggi traditi.

turchia-erdogan-ansa-ap

Erdogan ha infine capito che il modo migliore di sventare la minaccia del Pkk e della sua gemmazione siriana e insieme di portare a casa qualche risultato in termini di influenza strategica dal coinvolgimento nella sanguinosa guerra civile siriana non è certo quello di sostenere apertamente o segretamente i ribelli islamisti e jihadisti delle varie tendenze, ma di cercare l’accordo con la Russia. Ha pure capito che la strada più veloce per fare meglio comprendere le proprie esigenze a Washington è quella di riannodare i rapporti col più forte e stabile alleato degli Usa nella regione, cioè Israele.

Ma gli spiriti del male usciti dalla bottiglia sono ormai liberati, e il risultato del flirt clandestino con l’Isis è il radicamento dell’estremismo dei fautori del califfato in terra turca con la prognosi di stragi e destabilizzazione nei prossimi mesi. Il riavvicinamento con la Russia richiederà tempo, durante il quale le forze curde turco-siriane faranno progressi politici e militari difficili poi da smontare. Erdogan raccoglie quello che ha seminato, e il fatto che si sia pentito degli errori non elimina in nessun modo le conseguenze in atto e quelle che verranno.

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Ferruccio says:

    Come per il comunismo e per gli altri ismi la debacle è dovuta al tentativo di realizzazione di un’utopia, in questo caso il neo-ottomanesimo. Se Erdogan avesse amministrato con il più tradizionale approccio moderato a quest’ora avremmo già la Turchia in Europa.

  2. Incammino says:

    Voglio ricordare che la soluzione della situazione Siriana ed il ribaltone a sfavore degli alleati del Califfato sono arrivati grazie alla Russia di Putin.
    E per fortuna che è andata così.

    • uber says:

      Detta così è propaganda neosovietica. O nazitrollesca (che in realtà non ama né Putin, né i russi in quanto cristiani).

      • Ferruccio says:

        Ha ragione lui, senza l’intervento di Putin a quest’ora avremmo la Siria smembrata da fazioni jihadiste che si contendono il potere facendo a gara a chi ha la sharia migliore con l’approvazione di Washington e la fine del cristianesimo.

  3. Incammino says:

    @Uber
    Se il tuo intervento è rivolto a me scusami ma non ho capito.
    La situazione in Soria non è forse cambiata quando è intervenuta la Russia?
    Tra l’altro gli Usa avevano ordinato alla Grecia di vietare i voli degli aerei Russi.

    • Menelik says:

      E’ vero. Sono stati i Russi a sbloccare la situazione, altrimenti l’isis avrebbe già vinto.
      E la politica miope di Obama gli ha fornito anche armi moderne, indirettamente, comunque all’isis sono arrivate.

      • Ferruccio says:

        Bravo. dobbiamo stare con gli occhi aperti perchè di questi tempi sottovalutare i giochetti di Washington è più mortale per il Cristianesimo di una bomba atomica sganciata su Roma. La parola d’ordine per il cristiano del 21° secolo è candidi come colombe e astuti come serpenti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download