Google+

Troppi “se” nell’emergenza presidi. E l’inizio dell’anno si avvicina

agosto 9, 2012 Carlo Candiani

Può il collegio del Consiglio di Stato smentire il proprio presidente? Il caso del concorso per dirigenti bloccato, e (provvisoriamente )riabilitato, non sembra avere fine.

«Questa è la vittoria della scuola e di un Paese, che, qualche volta, nonostante tutte le pecche ancora evidenti si scopre normale, con la capacità di dare peso al bene comune». Così aveva dichiarato sabato 4 agosto sulle pagine di Avvenire Roberto Pellegatta, il presidente dell’associazione di dirigenti scolastici Disal: Giorgio Giovannini, a capo del Consiglio di Stato, aveva accolto poche ore prima il ricorso dell’Ufficio scolastico regionale contro la decisione del Tar del 17 luglio, che aveva a sua volta annullato il concorso per dirigenti scolastici, 355 nuovi presidi che da settembre si sarebbero dovuti insediare in altrettante scuole della Lombardia.

Tutto era partito dalla contestazione indirizzata al Tribunale amministrativo di circa un centinaio di candidati bocciati, che avanzavano dubbi sulla legalità del concorso, poiché le buste contenenti i nomi dei partecipanti alla gara risultavano trasparenti. Continuava Pellegatta nel suo intervento su Avvenire: «In forza di questa sentenza (la revoca della sentenza del Tar; ndr), tutte le 1.200 scuole statali della regione potranno cominciare l’anno scolastico con un dirigente nominato. È stata sventata la paralisi del sistema scolastico lombardo».

Il presidente di Disal illustrava la nuova situazione che sembrava essere definitiva, o quasi: «Dopo la sentenza del Tar, infatti, almeno 400 scuole non avrebbero più avuto il preside e altrettante lo avrebbero avuto part-time. Praticamente, i due terzi delle scuole non avrebbero avuto una guida certa, per fortuna non sarà così e dal 1° settembre, tutte le scuole avranno il dirigente». Le tappe della vicenda erano chiare: «Ci siamo mossi tempestivamente, e, grazie all’impegno di otto colleghi, che hanno aderito al nostro ricorso, ora tutti potranno beneficiare di questo straordinario risultato. Che è la vittoria dell’onestà, tempestività e insistenza con la quale l’associazione ha sempre dall’inizio perseguito l’obiettivo del bene delle scuole, delle famiglie, degli studenti e dei docenti vincitori del concorso».

Ma l’articolo che appare oggi sulla “Cronaca di Milano” del Corriere della Sera dipinge la “situazione presidi” in maniera diversa. Si comincia col definire la decisione del Consiglio di Stato come “provvisoria”: le nomine del concorso sarebbero in bilico, dopo che questo è stato stoppato dal Tar e ora riabilitato “soltanto” provvisoriamente. Restano così nel limbo i 406 candidati idonei per 355 posti, che l’Ufficio scolastico regionale ha pubblicato ufficialmente lunedì 6 agosto. Si attende  la conferma dell’ultima sentenza, che si conoscerà il 28 agosto e arriverà sempre dal collegio del Consiglio di Stato stesso. «Se, come speriamo, il Consiglio di Stato, non sconfesserà la decisione del suo presidente, l’emergenza presidi si ridurrà in modo consistente», sono le parole al Corriere del direttore dell’Ufficio scolastico regionale Giuseppe Colosio. «Se invece il concorso verrà bloccato, lo scenario sarà terribile: un altro anno di presidi con incarichi multipli».

I “se” quindi si sprecano, mentre monta la polemica tra chi ha passato il concorso e chi si è rivolto al Tar. Il Corriere si affida ad un’anonima professoressa dell’hinterland milanese: «Ci stanno isolando, ci stanno accusando di aver difeso il nostro interesse a scapito del benessere collettivo. I ragazzi non hanno bisogno di vedere i loro insegnanti farsi la guerra». Se non è guerra, certo le posizioni, sono piuttosto distanti; mentre sempre sul Corriere, uno dei cento candidati bocciati che hanno ricorso al Tar, Lorenzo Valentino, spiega: «Siamo preoccupati anche noi per l’assenza dei presidi nelle scuole, ma riteniamo che il concorso così come è stato sostenuto abbia leso un nostro diritto, e che sia giusto proseguire nella ricerca della verità»; e annuncia «una mediazione con l’Ufficio scolastico regionale attraverso i legali che ci seguono, in cui chiederemo di sostenere quattro mesi di tirocinio e un esame finale che ci permetta di ottenere il titolo di dirigente». Nell’intervista già citata di Avvenire, riguardo alla sentenza prevista, come detto, per il 28 agosto, Pellegatta concludeva: «Nell’attesa di tale sentenza, l’Ufficio scolastico regionale lombardo è tenuto a pubblicare le graduatorie e tutti gli atti preliminari alle nomine. Se non lo facesse, i dirigenti vincitori del concorso potrebbero citarlo per danni. Tutto ciò, mentre il ministero dell’Economia e delle Finanze ha autorizzato l’assunzione di 1.213 neodirigenti scolastico e quindi le altre regioni possono già procedere alla definizione dei contratti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.