Google+

«Spero che Albertini prosegua in Lombardia il lavoro per la parità scolastica»

novembre 1, 2012 Chiara Rizzo

Maria Grazia Colombo (Agesc): «Mi auguro porti avanti l’esempio positivo della Lombardia, dove si dà libera scelta nell’educazione alle famiglie»

Maria Grazia Colombo ex presidente dell’associazione dei genitori scuole cattoliche (Agesc): personalmente ha deciso di sostenere l’appello dei 100 per la candidatura di Albertini alle prossime elezioni regionali lombarde.

Colombo, perché ha aderito? Cosa secondo lei potrebbe fare Albertini, per le famiglie e per la scuola cattolica?
Preciso che il mio è un sostegno a titolo personale: sono però certamente anche una persona attenta alla questione educativa, della famiglia e della scuola. Leggendo l’appello, mi sono ritrovata nell’esperienza positiva del governo regionale di Formigoni, nel senso che ho ritrovato una sintonia con le richieste che noi politicamente avanziamo e l’esperienza lombarda vissuta sin qui. Nell’appello, in più punti, viene rimandata la questione della libertà e della libera iniziativa che ha molto a che fare con la scuola e il pluralismo scolastico. In questi anni, la Regione Lombardia si è presa carico in modo sussidiario delle mancanze dello Stato, ad esempio introducendo il buono scuola che ha dato le possibilità a molte famiglie di scegliere nel campo scolastico opportunità altrimenti non contemplabili. Mi auguro di non sbagliarmi in questo riconoscimento di continuità.

Formigoni è stato spesso accusato di favorire “troppo” le scuole private. Ci spiega perché lei si augura che questa esperienza al contrario possa continuare?
La spiego così: a livello nazionale la nostra associazione affronta diverse situazioni e quasi sempre incontra un sistema nazionale dell’istruzione che, sia per le paritarie sia per le statali, resta ingessato. L’autonomia è solo sulla carta e si interpreta questo tema solo ideologicamente, etichettandolo come favoritismo delle private. Ma il pluralismo scolastico è il futuro della scuola. Anche il ministro Francesco Profumo insiste su due punti cardine: autonomia e valutazione. Questi due punti, se messi in atto, scatenano un meccanismo innovativo e i genitori, che sono i primi ad averne diritto, hanno la possibilità di scelta tra le istituzioni e le offerte formative della singola istituzione. Da questo punto di vista, abbiamo toccato con mano in Lombardia questa possibilità di scelta per i genitori. Ho un grande timore che si faccia ora un passo indietro, e che si pensi che questa differenziazione tra le scuole porti ad uno squilibrio nei confronti delle scuole statali. Al contrario, porta una sana competizione tra il sistema statale e quello privato, e bisogna semmai risolvere il problema dei finanziamenti alla scuola in generale che sono sempre più esigui. Tutte le scuole sono pubbliche, private e statali, lo dice la legge Berlinguer del 2000, non lo sosteniamo noi o Formigoni. L’esempio della Lombardia ha solo reso giustizia ai genitori. Come Agesc stiamo preparando un ricorso alla Corte costituzionale per risolvere una volta per tutte il problema nei confronti dei cittadini: le scuole dell’obbligo statali sono pagate con le tasse e le finanziarie, per quelle paritarie alle tasse bisogna aggiungere anche la retta. Non è giusto, e non per i genitori delle scuole cattoliche, ma per tutti i cittadini. Questa è un’idea di politica che non sia al servizio di qualcuno, come privilegio, ma che dia giustizia ed equità.

Pensa che Albertini abbia la forza di raccogliere consensi sufficienti in un momento in cui il Pdl è sempre più in crisi?
Non so esprimermi su questo: la nostra associazione è anche apartitica, ognuno ha la propria idea. Mi piace parlare per conto delle famiglie, che sono un soggetto politico oltre che sociale: è vero che noi famiglie, di fatto, facciamo la politica dando un voto. Ma guardo ad Albertini cercando anzitutto di capire cosa posso fare io che sono società civile e non un partito, e quindi ho prima di tutto il compito di rilevare le indicazioni della società a cui il politico deve guardare. Possiamo aiutare la politica ad essere più seria in questo momento fragilissimo: abbiamo bisogno di dare vivacità alle persone, che in questo momento sono molto sfiduciate nei confronti della politica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana