Google+

Speranza per Meriam, la donna cristiana condannata a morte in Sudan: «Non possono impiccarla prima di due anni»

maggio 16, 2014 Leone Grotti

Per l’avvocato della donna, «la legge impedisce di eseguire la sentenza prima che il bambino nasca e venga allattato dalla madre per due anni. Faremo ricorso»

sudan-Meriam-Yehya-IbrahimCi sono segnali di speranza per la sorte di Meriam Yahia Ibrahim, la madre cristiana ortodossa del Sudan, che ieri è stata condannata da una corte di Khartoum all’impiccagione per apostasia e a 100 frustate per adulterio. La donna è in prigione dal 17 febbraio scorso insieme al figlio di 20 mesi ed è incinta di otto mesi.

PARLA L’AVVOCATO. Come spiega l’avvocato della donna Muhanned Mustafa alla Bbc, «ci sono limiti legali che impediscono l’esecuzione della sentenza, perché è incinta. Secondo la legge, nessuna punizione è permessa fino a quando il bambino non nasce e non viene allattato dalla madre per due anni».

«FAREMO RICORSO». L’avvocato esprime anche la sua intenzione di ricorrere in appello: «La nostra strategia sarà quella di recarci alla corte di appello, alla corte suprema e a quella costituzionale. Il suo caso è unico, perché a parte un processo politico contro Mahmoud Muhammad Taha [nel 1985], ci sono stati processi a persone che dicevano di essere Dio e così via, ma mai niente di simile al caso di Meriam».

«HA DIRITTO A ESSERE CRISTIANA». Ieri davanti alla corte gruppi di persone hanno protestato pro e contro la condanna di Meriam. Alcuni hanno esposto cartelli con scritto: “Meriam ha diritto a essere cristiana” e “Ho il diritto di scegliere la mia religione”. Gruppi islamici invece hanno esultato alla notizia della sentenza gridando «Allahu Akbar», Dio è grande.

LA PRESUNTA APOSTASIA. Ibrahim è stata cresciuta come cristiana dalla madre, visto che il padre musulmano se ne è andato quando lei aveva sei anni. Ma un uomo l’ha accusata di essere stata allevata come musulmana e di essersi poi convertita al cristianesimo.
Al processo diversi testimoni hanno affermato davanti alla corte che Ibrahim è sempre stata cristiana ma i giudici non hanno preso in considerazione neanche il certificato legale di matrimonio, in cui c’è scritto che lei è cristiana.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. domenico b. says:

    Il titolo dell’articolo, “Speranza per Meriam..” deve far molto riflettere: essere costretti a “sperare” che una persona, in questo caso una donna madre di famiglia, non venga uccisa solamente perchè è Cristiana, perchè vuole essere libera di professare la propria religione, vuol dire che viviamo in un mondo che è ancora schiavo del male. Mi chiedo perchè I musulmani hanno così paura dei cristiani da arrivare ad ucciderli, mi chiedo che male abbia fatto questa donna, che dobbiamo “sperare” che non venga impiccata, ma magari soltanto frustata e imprigionata per qualche anno…Frustata e imprigionata.Per cosa?
    E’ questo l’islam? cos’hanno da rispondere I musulmani “moderati” ai quali noi facciamo ponti d’oro per riceverli, e ai quali costruiamo moschee in ogni parte del nostro paese?

    • Raider says:

      Vede, caro Domenico B. e forse, vedrà che, anche dopo questo post, nessuno di quelli che gemono come vittime verrà qui a fare la fila a dire la sua per una – una – cristiana – cristiana. Non la fanno per milioni di cristiani massacrati nell’omertà generale, a partire dagli storici specializzati nella criminalizzazione dell’Occidente e dunque, del Cristianesimo, che avrebbe esportato il virus dell’imperialismo da cui gli altri popoli, culture e civiltà erano, evidentemente, immuni; non hanno versato nessuna firma, non hanno sparso una sola goccia di sudore da passeggiata ecologica per i milioni di bambine abortite in Cina e India (e se fossero stati gay uccisi prima di nascere?); non hanno nulla da dire riguardo le migliaia di minorenni spariti ogni anno in Paesi tecnologicamente super-svilupati che sanno tutto di tutti, all’occorrenza e dove tutto va bene e ognuno fa i cavoli propri, a meno che squillino allarmi mediatici o vippettari e riflessi politicamente condizionati.
      Sembra di sentire, come sottofondo/sottinteso a certe distrazioni davvero di massa e si potrebbe sospettare, un tantino interessate, il solito refrain: forse che stanno togliendo qualcosa a me, negando o limitando un diritto a qualcuno di noi che siamo così presi dal nostro orticello? No. E allora… Finirà come nella barzelletta che raccontava Totò, con un tizio che viene preso a sberle e sganassoni da uno che lo scambia per un altro, Antonio, mi pare fosse il nome sul copione; e all’amico cui raccontava ridendo delle mazzate prese allegramente e che gli diceva come mai non avesse reagito, il bastonato spassoso rispondeva con nonchalance: e che me ne frega, a me! Mica sono io Antonio (cristiano)…

  2. Sono vent’anni almeno – da quando ne ho notizia – che in Sudan sono gravemente perseguitati i cristiani del sud del paese, missionari riuscirono a far arrivare già allora notizie di cristiani e cristiane crocifissi agli alberi, le donne prima violentate, e di chiese bombardate con i fedeli dentro da aerei governativi; solo ora i media laici cominciano a parlarne, meglio dopo che mai ma resta il loro trascorso silenzio e il non sufficiente indagare e riferire oggi.

  3. Markus says:

    Questo dovrebbe fare riflettere i beoti buonisti che ci stanno facendo invadere. Atteso che l’Islam prevede la possibilità di avere più mogli e quindi un numero esagerato di figli, tra qualche decennio saranno maggioranza etnica, come già preannunciato da Oriana Fallaci . L’unica mia speranza e’ che a quel punto la legge islamica venga applicata anche per le varie benpensanti ex femministe di sinistra, ad iniziare dalla Boldrini, per finire alle varie Gruber e Concita Di Gregorio..! Un po’ di chador farebbe bene a queste” pollastrelle” radical chic

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.