Google+

Sotto l’ombrellone vale la regola “dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei”

luglio 4, 2012 Daniele Ciacci

Piccolo memorandum estivo per riconoscere i lettori della Szymborska, di Pagliarani, di Transtromer e di Bukowski. E, possibilmente, starne alla larga.

Tempo di vacanze, tempo di libri sotto l’ombrellone. Oltre alla nutrita folla di lettori di bestseller ugrofinnici e delle urlate anticasta di Marco Travaglio, una sparuta minoranza si dedica alla poesia. Ecco un rapido memorandum per riconoscere dalla copertina il libro, e dal libro il lettore.

Wislawa Szymborska. Il lettore-da-spiaggia-che-legge-l’emerita-”Swinzborska” è assiduo frequentatore del mondo poetico dal lontano primo febbraio 2012, quando il Nobel polacco passò a miglior vita e resuscitò nell’inchiostro dei critici più progressisti – e, in quanto tali, sempre atti a razzolare le antiche ceneri. Da quel momento, il lettore-da-spiaggia-che-legge-la-”Suimborska” ha fatto la fortuna di Adelphi passando da La gioia di scrivere a Discorsi all’ufficio oggetti smarriti, e si è portato al mare Vista con granello di sabbia, giusto per rimanere in tema. Sa tutto della mondo poetico slavo e orientale, e non disdegna gli haiku. Conviene starci lontano, però. Il lettore-della-”Swinborsa” è razza infida e ingannatrice: ti ammalia con massime d’effetto e s’intrattiene a indovinare il tuo oroscopo o a discutere del genocidio del Darfur (è difficile che il lettore-della-Szymborka non sia appassionato di conflitti etnico-sociali). Un pregio: il lettore-della-”Zymborka” è l’unico a conoscere come si scrive il cognome della “Swimborka”.

Elio Pagliarani. Solitamente, chi legge in spiaggia Elio Pagliarani non ha la necessità di riposarsi. Il lettore medio di Pagliarani è stato licenziato dai ranghi della Fiat di Pomigliano. Ma non è tra i 145 operai riassunti. Chi legge Pagliarani è tra i 145 operai costretti a dimettersi dopo che Marchionne è stato obbligato a riacquisire i primi 145. Perché in fabbrica ci sono certi equilibri che vanno rispettati. Così, le vacanze del lettore di Pagliarani sono lunghe ma discrete, in zona Napoli per restare vicini a casa, con bottiglie d’acqua in buste frigo per abbassare l’impatto economico. Il lettore di Pagliarani segue due must: ha una laurea in Lettere e lavora in fabbrica. Due eventualità che, ultimamente, vanno a braccetto.

Thomas Transtromer. Chi legge Transtromer in spiaggia è probabile che lo conoscesse ben prima che i filantropi dell’Accademia svedese lo innalzarono all’Olimpo dei poeti. Da questo dato, le conseguenze: difficilmente chi legge sconosciuti poeti svedesi degli anni Trenta può vantare una vita sociale dignitosa. Pallido, smunto, immusonito: il lettore del Nobel 2011 è solito sudare più di tutta la restante fauna costiera per ovvie ragioni di abitudine fisiologica. Ombrellone, canottiera, bianco di crema protezione 50, il lettore di Transtomer è solito osservare dall’ombra le maye desnude che passeggiano sul bagnasciuga. Se le studia con discrezione, ma non attacca. Perché, si sa, il nord è nostalgia. E rimpianto.

Charles Bukowski. Prendere la descrizione del lettore di Trastromer e ribaltarla di 180 gradi. Risultato: chi legge Bukowski in spiaggia non è un lettore di Bukowski, perché il vero lettore di Bukowski è sempre troppo ubriaco per leggere Bukowski in spiaggia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

1 Commenti

  1. Felisa Balcorta scrive:

    I simply want to tell you that I am beginner to blogging and site-building and actually liked this web page. Most likely I’m likely to bookmark your website . You amazingly have fantastic posts. Thank you for sharing your web site.

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Da prototipo da 20.000 sterline a prodotto di serie, il passo sarà breve? No, ma la strada è segnata e le potenzialità della nuova tecnologia 3D ancora poco esplorate

Se noi siamo un popolo di navigatori, gli americani sono sicuramente un popolo di viaggiatori in aereo e, come tali, si ingegnano di conseguenza…

La vettura di serie più simile a una Formula 1 mai realizzata dalla Casa di Maranello. Erede di F40, era mossa da un V12 4.7 da 520 cv e adottava una struttura monoscocca in carbonio. Nata nel 1997, oggi vale oltre 1 milione di euro

È una monovolume, è a trazione anteriore, ma è anche... una BMW! Si differenzia dalle rivali per il carattere sportiveggiante e la cura delle finiture. Per nulla sottodimensionato il 3 cilindri 1.5 turbo benzina da 136 cv. Prezzi da 26.950 euro

Speciale Nuovo San Gerardo