Google+

Sindaco ungherese scrive alla Francia: «Non volete la statua di Giovanni Paolo II? Nella mia piazza c’è posto»

maggio 15, 2015 Redazione

Un giudice ha ordinato di rimuovere il monumento dalla città bretone di Ploërmel. Michl, sindaco di Tata: «È scandaloso. Come se ci fosse un problema con le radici cristiane dell’Europa»

francia-statua-giovanni-paolo-ii-ploermel

«Se la Francia, paese della libertà, non vuole la statua di Giovanni Paolo II noi saremmo felici di averla qui, nella nostra città». È questo l’appello che giovedì Jozsef Michl, sindaco di Tata, città ungherese a 70 km da Budapest, ha rivolto alla Francia, riferendosi alla vicenda di Ploërmel.

«CROCE OSTENTATA». Due settimane fa un giudice del tribunale amministrativo di Rennes ha ordinato la rimozione della statua del Papa polacco, eretta nel 2006 in una piazza pubblica della città bretone. La sentenza è arrivata perché «la statua di papa Giovanni Paolo II è circondata da un arco con sopra una croce, simbolo della religione cristiana che, per la sua disposizione e le sue dimensioni, ha un carattere ostentato». Il monumento, insomma, violerebbe la Costituzione e la legge del 1905, laddove stabiliscono la separazione tra Stato e Chiesa.

«VOGLIO SALVARE LA STATUA». La statua dovrà essere smontata entro sei mesi ma il sindaco di Tata è deciso a «salvarla», per questo ha scritto una lettera al suo omologo di Ploërmel: «È scandaloso che fatti simili possano avvenire nel 21esimo secolo», ha aggiunto Michl. La statua verrebbe posta al centro di una piazza a Tata, intitolata proprio a papa Wojtyla. «È come se in Francia ci fosse un problema con le radici cristiane dell’Europa», conclude il primo cittadino. Se ne sono accorti perfino in Ungheria.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana