Google+

Simone Spada e la sua opera musicale scritta «sul sicomoro per guardarLo»

settembre 2, 2016 Vito Piepoli

I canti per la Messa composti da un giovane pianista di Taranto e ispirati a “figure della misericordia”. Da Zaccheo al figliol prodigo, dall’adultera a don Giussani

filippo-santoro-simone-spada-taranto

In un giorno indimenticabile, come dice lui, Simone Spada, giovane docente e pianista di Taranto, «abbiamo incontrato il Papa da sposi novelli e, oltre ad una lettera, gli abbiamo donato l’opera su Santa Rita che ho composto due anni fa».

«L’anno Giubilare della Misericordia, che il Santo Padre Francesco ha donato alla Chiesa tutta – aveva affermato Simone nella presentazione alla sua nuova opera Il tuo sguardo Signore io cerco – è, secondo me, una buona occasione per rinvigorirci, partendo dal punto in cui ci siamo incagliati: una sorta di ritorno all’origine, una modalità per gustare la bellezza dell’umano».

La mattina del 29 agosto, Simone Spada è stato ricevuto anche da monsignor Filippo Santoro, arcivescovo metropolita di Taranto, a cui ha donato il suo nuovo lavoro musicale di musica sacra, edito dalla Casa Musicale Eco di Monza, per voce solista, coro ed organo. Con gioia e ammirazione questa opera sulla Misericordia è stata subito abbracciata da Sua Eccellenza già sul nascere, infatti il fascicolo si apre proprio con il commento che monsignor Santoro ha voluto scrivere dando il suo contributo umano e spirituale, all’opera meritoria di Simone Spada.

In questo cammino alla santità, in cui ciascuno di noi, nessuno escluso, è immesso, risuonano le parole dell’arcivescovo, il quale, sempre attento alle necessità di ognuno, e alle sue passioni, ha accolto, con paterno affetto, il fascicolo, persuaso che esso «potrà aiutare le comunità ad una più viva partecipazione al Mistero Eucaristico». D’altronde, le parrocchie sarebbero un vero e proprio faro, l’oasi da cui ripartire e in cui ricercare quello sguardo di cui siamo assetati, che si moltiplica nel dono di sé agli altri che incontriamo.

L’attenzione alla Bellezza, quella che fa vibrare il cuore e che rende l’uomo pieno di stupore, è propria di Dio. La Bellezza, l’essere generati e il dipendere dalla volontà di colui Che è il datore della vita, Cristo stesso è ciò che questa opera vuole riconoscere. Il tuo sguardo Signore io cerco, rappresenta l’anelito dell’uomo alla ricerca dell’Infinito, quell’Infinito, nel quale, solo si appaga e si compiace l’animo umano, in cui ogni contraddizione del reale trova la sua perfetta sintesi.

«Con umiltà e desiderio di conversione quotidiana, dedico quest’opera, incentrata su alcune figure di misericordia evangeliche, a tutti coloro che salgono sul sicomoro come me, per guardarLo», ha riferito il giovane autore. Il fascicolo Il tuo sguardo Signore io cerco si compone di sei canti, adatti alla Messa e all’Adorazione eucaristica, i quali, traendo spunto dai Salmi e dalle pagine neotestamentarie, si propongono come utile sostegno al popolo di Dio, che vuol rendere Gloria a Cristo.

Ogni canto riprende una figura di misericordia del Vangelo. L’ultimo canto è dedicato alla figura di don Giussani e prende il nome dall’esclamazione della mamma del sacerdote, in un mattino mentre andava a messa portando per mano il piccolo Luigi: «Com’è bello il mondo e come è grande Dio».

Il tema della debolezza umana accompagna, come un sottile filo rosso tutti i canti, proprio perché in essa ogni uomo sperimenta la capacità di peccare e, soprattutto, la possibilità di essere redento. Il canto che dà il titolo al fascicolo trae ispirazione dall’umanità di Zaccheo, attraverso le parole dell’evangelista Luca. Zaccheo, nel suo dichiararsi “astemio” all’ebbrezza della Grazia che ci raggiunge, viene vinto dalla fragranza del Bene.

il-tuo-sguardo-signore-io-cercoGli altri canti che formano il fascicolo sono: Inno alla misericordia (riguardante il figliol prodigo), Kyrie eleison (riguardante l’adultera), Salmo 26 (la fiducia nel Signore), Il tuo sguardo Signore io cerco (riguardante la figura di Zaccheo), Misericordia io voglio (riguardante la figura di Matteo), Com’è bello il mondo e come è grande Dio (riguardante la figura di don Luigi Giussani).

Altrettanto centrale nell’economia dell’opera è la parabola del figliol prodigo, musicata nell’Inno alla Misericordia che riguarda il ritorno di quel figlio, il più giovane, che tutti tacceremmo di incoscienza e immaturità, visto che va via di casa, in modo ignobile. Nel suo gesto si manifesta tutta la libertà dell’uomo e tutta la sua fragilità.

Il Kyrie eleison, Christe Eleison è la supplica fiduciosa per la nostra ricaduta, per il nostro inciampare, certi che Cristo ha vinto la morte. Non è casuale la scelta della pagina evangelica di Giovanni al capitolo otto. In quella donna sorpresa in adulterio, possiamo riguardarci, come in uno specchio, tutti noi.

Se la legge del mondo decreta la sua e nostra condanna a morte per il suo e il nostro peccare costantemente, la legge di Dio ammaestra senza giudicare, perché sonda nel profondo del nostro cuore. Peraltro, non poteva certamente mancare la figura di Matteo, un pubblicano fra tanti, ridestato nel suo essere curvo sul suo interesse, su ciò che determina solo un piacere momentaneo e caduco. Dio sceglie proprio lui come testimone della sua Misericordia, quasi che la grandezza del peccato fosse commisurata e proporzionale all’amore di Dio.

Il Salmo 26, tipico salmo penitenziale, raffigura la fiducia incondizionata dell’uomo in Dio. In ogni circostanza della sua vita, sia che è assalito dai nemici, sia che contro di lui divampi la battaglia, il Signore ne è sempre luce e salvezza, oltre che difesa.

Come abbiamo già detto, chiude la raccolta l’inno alla figura del Servo di Dio, Luigi Giussani. «Non è inutile vivere – riferisce Alberto Savorana nella Vita di don Giussani – non è inutile fare, lavorare, soffrire; non è negativo morire, perché c’è un destino! Com’è grande Dio! Il grande a ciò a cui tutto finisce, il Destino».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download