Google+

Se siamo tutti Amanda Hocking, a che serve un editore?

febbraio 2, 2012 Daniele Ciacci

Amanda Hocking ha pubblicato autonomamente un ebook, “Switched” e in due anni ha guadagnato due milioni e mezzo di dollari. Ma scavalcare l’editore non riempie il mercato di opere di dubbio valore? Tempi.it ne discute con Angelo Guerini, direttore della casa editrice “Guerini e associati”.

Caso “Amanda Hocking”. La giovane scrittrice del Minnesota ha da sempre avuto il pallino della scrittura. Tant’è che, a soli 27 anni, ha nel cassetto già 27 romanzi. In un’intervista rivela che già a sei anni aveva in mente progetti editoriali, a cui si applicò con una certa costanza solo al raggiungimento del ventiquattresimo anno di età. Tuttavia, il mondo editoriale sa essere crudele. La lunga trafila di «non ci interessa» e «non è il tema che trattiamo» si alterna a momenti di cinica disillusione. Ma la nostra “Cenerentola della letteratura” non si lascia abbattere. Finché Amazon e gli e-book non segnano definitivamente la sua carriera. Pubblica autonomamente un libro digitale, lo mette in vendita sulla piattaforma di Jeff Bezos e, nel giro di due anni, incassa due milioni e mezzo di euro. Un’ascesa travolgente. Il suo “capolavoro”, Switchedil segreto del ragno perduto, è appena uscito in Italia per i tipi di Fazi.
Il crescente fenomeno dell’autopubblicazione fa riflettere sulla funzione dell’editore e sulla necessità di una figura che sia capace di “filtrare” adeguatamente le opere che hanno valore da quelle che non ne hanno. Tempi.it ne parla con Angelo Guerini, direttore della casa editrice Guerini e Associati.

A cosa serve un editore?
È una bella domanda. Noi editori stiamo vivendo la fase finale di un processo di svuotamento dei contenuti che hanno storicamente caratterizzato la funzione. Un tempo, l’editore era garante esclusivo del valore di un testo, del suo allestimento, della sua commercializzazione. Di questi tre fattori, quello che resta ancora di nostra competenza è il primo: indicare al lettore cosa per noi è valido, attraverso un catalogo coerente con le attese del cliente. In pratica una casa editrice funziona come un brand, come un marchio che definisce le caratteristiche dei prodotti raccolti sotto il brand stesso.

È un bene che l’editore svolga una funzione di selezione rispetto agli autori. Per evitare che, nel mercato, ci siano opere di scarso valore.
Purtroppo, neanche gli editori riescono a svolgere sempre in modo infallibile questo compito. Le faccio un esempio. Uno dei libri più venduti negli ultimi decenni è Se questo è un uomo di Primo Levi. Quando l’autore ne propose la pubblicazione a Einaudi, questi rifiutò. Al che Primo Levi lo pubblicò a sue spese e il romanzo diventò il successo che tutti conosciamo. Solo a questo punto Einaudi tornò sui suoi passi e iniziò a pubblicarlo. Lo stesso accadde a una delle opere più importanti del nostro secolo: la Recherche di Marcel Proust. Gli editori non sono infallibili, anzi. Siamo una categoria molto soggetta agli errori. Si può anzi sostenere che molti capolavori hanno visto la luce nonostante gli editori.

Il fenomeno dell’autopubblicazione digitale la spaventa?
Non riesco ad avere un atteggiamento fondamentalista. Non credo che una sigla editoriale garantisca sempre un prodotto di qualità ineccepibile. E l’autopubblicazione non è un fatto nuovo. Sono sempre esistite case editrici specializzate nel rispondere al narcisismo dell’aspirante autore. Case che mettono in vendita il proprio brand, il proprio nome. La differenza rispetto all’oggi è che l’innovazione tecnologica ha reso straordinariamente semplice, anche per l’autore che si auto produce, allestire banchetti virtuali, dove mettere in mostra i propri prodotti digitali, spesso purtroppo in piazze deserte.
twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Cam scrive:

    Cinzia scrive:Giuliano + i 12 asssseori + i 2 garanti = 15. OK, siete la nostra squadra di rugby, pronta a giocare la partita! Del capitano sappiamo gie0 tutto, qualche fuoriclasse ci e8 ben noto, annoveriamo tra le promesse chi arriva dalla primavera.Rugby, sport duro e difficile ma leale per eccellenza, scuola di vita.Ampio spazio alle azioni di sfondamento, occhio alle mischie!Il pif9 caro augurio di buon lavoro a tutti voi, il pif9 caro augurio di buona collaborazione a tutti noi.CinziaP.S. Scusate, ma le metafore sono cosec contagiose

  2. taddei francesco scrive:

    l’autopubblicazione è un contatto diretto con il pubblico. esso decide se dare credito o no. grazie di esistere internet.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana