Google+

«Se non lo facciamo noi donne, chi custodirà la vita?»

agosto 30, 2012 Pippo Corigliano

Corigliano ripesca il libro di Costanza Miriano che smonta coraggiosamente il falso mito dell’emancipazione femminile. Per restituire al sesso debole la sua vera, potentissima libertà

Tempi le ha già fatto un’intervista il 3 febbraio scorso, ma vale la pena tornare a parlare di Costanza Miriano e del suo libro Sposati e sii sottomessa (Vallecchi) per il semplice motivo che è un libro imperdibile e che l’estate è il momento buono per leggerlo. L’autrice è spiritosa ma il suo umorismo ha radici profonde: si alimenta di un autentico rapporto con Dio, che è il solo capace di dare vera allegria. Perciò dire che questo è un libro divertente è una verità, ma è una verità parziale. Nella sostanza è un libro controcorrente e tostissimo: mena fendenti come el Cid Campeador, come Aiace Telamonio, come il Mazinga degli anni Settanta. Le tesi proposte sono quelle, ben conosciute, della dottrina della Chiesa sulla donna, sulla vita, il matrimonio, l’educazione, ma l’autrice non procede per princìpi primi, procede dalla propria esperienza personale: è questa, la propria esperienza, a convincere lei, e il lettore, che la felicità si ottiene vivendo in modo giusto.

A proposito delle donne Costanza dice: «Noi dobbiamo dare, difendere, appoggiare, sostenere la vita. Mi sembra invece che le donne della mia generazione che, per la prima volta nella storia, possono chiedersi se accettare o no questo ruolo, gli dicano di no con troppa fretta e leggerezza. Magari semplicemente perché è possibile dire di no. Salvo poi accorgersi quando è troppo tardi che forse non era quella la risposta che volevano dare. Salvo poi accorgersi che la donna si ritrova dandosi. Salvo poi accorgersi che quando c’è qualcuno da proteggere, una trova le forze per rimettersi in piedi da qualsiasi situazione personale, anche disastrosa. È una forza potente l’istinto materno…».

Sull’amore dà un consiglio definitivo a una sua amica traballante: «Vivere tutti gli amori non t’insegnerà sull’amore quanto viverne uno solo in profondità». Alle amiche femministe fa considerare «la nuova schiavitù in donne che credono di essere liberate e invece forse hanno sbagliato mira. “Verso tuo marito sarà il tuo istinto ma egli ti dominerà” dice la Genesi. Qui è nascosta una scintilla, una via per la felicità. Già qui, su questa terra. E quindi la donna obbedisce perché sa ascoltare, non perché si deprezza».

«L’indissolubilità del matrimonio ti chiude tutte le strade ma ti apre un’autostrada. Cominci a sforzarti di amare anche i difetti, non li rinfacci, ma li accogli. Non ti poni più il problema se la situazione ti vada o no, ma come farla funzionare, visto che deve andare, a tutti i costi. Allora cominci a vivere l’ordinario (compresi rotture di scatole, atteggiamenti che ti fanno venire i nervi, contrasti, noia) con amore, trasfigurandolo. E quando cominci a donarti, ti viene da pensare che è così bello vivere così, che quasi ti chiedi dov’è la fregatura. Non c’è». E a proposito della cosiddetta liberazione sessuale: «Io tutta questa felicità, in chi finalmente si è liberato, non la vedo proprio per niente… Credendo di emanciparci ci siamo svendute per un piatto di lenticchie: abbiamo adottato il modo maschile di concepire la sessualità. Eravamo le custodi della vita, non lo siamo più… in cambio della libertà ottenuta, le prime a soffrire siamo noi. Ne soffriamo noi e ne soffre tutto il mondo, perché se non lo facciamo noi, chi custodirà l’amore per la vita?».

E, a proposito dell’aborto, dice all’amica in dubbio: «C’è una persona molto piccola, che ha bisogno che tu diventi un po’ più grande, un po’ più forte e che la difenda. Che vuoi fare?». E a chi teme di perdere la propria autonomia suggerisce: «Non decidi più quando dormire, mangiare, fare la doccia. Non decidi più quando essere di cattivo umore e quando trascorrere una giornata svaccata e inconcludente. Non decidi quando leggere e quando telefonare. Eppure ho visto tante donne inquiete che in questa perdita di sé hanno trovato la pace. Non povere frustrate, con vite vuote e deprimenti che finalmente hanno trovato un perché, ma anche ingegneri, medici, avvocati, magistrati, docenti universitarie. Donne già realizzate e felici che a un certo punto, al bivio, passano dall’altra parte e cominciano a servire. Rinunciano ad essere brave in tutto, rinunciano ad avere mani in ordine e scarpe intonate alla borsa, pelli lisce e conversazioni aggiornate, e cominciano ad occuparsi di qualcun altro. Non perché non amino più le scarpe abbinate e la manicure, ma perché amano ancora di più la felicità di qualcun altro».

E di fronte all’emergenza educativa: «Non si sa perché si educa. A cosa si educa, se neanche i genitori sanno perché vivono e dove vanno? Se si toglie il timor di Dio, come si fa ad educare? Se si toglie l’idea del peccato originale e del bisogno di salvarsi, che cosa vuol dire educare? Se togli inferno e paradiso – considerati ridicola roba da donnicciuole da tutti gli intellettuali, a parte Camillo Langone – perché dovresti conquistarti l’eternità?».

È forte Costanza e inietta una buona dose di ferro nell’animo del lettore. Se la vedi in tv, o in qualche presentazione del libro, sembra quasi timida e con un’overdose di autoironia. Ma non bisogna lasciarsi ingannare. Costanza è uno dei personaggi forti di cui abbiamo bisogno oggi. Con il suo umorismo t’introduce ad uno stile di vita che è nientedimeno lo stile dei santi di oggi come Dio li vuole: persone che si nutrono dell’Eucarestia e del Vangelo e poi vivono la vita ordinaria con un amore straordinario. Non li noti subito ma la loro vita riscalda la tua: ti aprono una strada in un mondo che non ti capisce e che spesso ti è ostile. Per questo Costanza è importante: abbiamo bisogno di cristiani così per capire qual è la strada, e per liberarci dalla coltre di sciocchezze con cui la cultura dominante vuole soffocarci.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Giulia scrive:

    Ma ricoveratela a questa malata di mente delirante, puttana sottomessa!

  2. rossana scrive:

    é una povera pazza, che si vergogni
    spero che non abbia figli femmine
    non c’é niente di peggio di una donna misogina.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana