Google+

Rimandato voto sul ddl Cirinnà (per vedere l’impatto del Family Day?)

gennaio 27, 2016 Redazione

Rimandato il voto al 2 febbraio. I retroscena del Fatto, l’intervista a Nitto Palma. Per i sostenitori della famiglia, un motivo in più per mobilitarsi.

cirinna-ansa

Rimandato il voto sul ddl Cirinnà al 2 febbraio e il sospetto, più che fondato, è che si voglia vedere quale impatto avrà il Family Day del 30 gennaio al Circo Massimo a Roma. Per i sostenitori della famiglia, un motivo in più per mobilitarsi.
La notizia, innanzitutto: come scrive l’Ansa, «il voto sulle pregiudiziali e sulle sospensive presentate dalle opposizioni al ddl Cirinnà sulle Unioni civili slitta a martedì prossimo, 2 febbraio. Domani ci sarà solo l’incardinamento del testo e la discussione su sospensive e pregiudiziali. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. (…) Il voto sulle pregiudiziali e sulla richiesta di sospensiva al ddl Cirinnà si terrà martedì, presumibilmente, alle 16.30». Nessuna data è stata invece stabilita per il voto finale sul ddl.

DIPENDE DALLA PIAZZA. Ora, al di là, dei vari giochi parlamentari (voto segreto, libertà di coscienza sulla stepchild adoption, sostegno grillino e di Ala al Pd), va segnalato che ormai da diversi giorni il percorso del ddl appare molto più accidentato di quanto probabilmente era stato messo in conto dal presidente del Consiglio Matteo Renzi che, scrivono i giornali, una certa “opposizione” se la troverebbe anche fra le mura domestiche (si sospira di certi rimbrotti della moglie Agnese…).
A leggere oggi Il Fatto quotidiano, poi, si comprende quanto possa essere importante il Family Day di sabato. Secondo il giornale diretto da Marco Travaglio, infatti, se la piazza sarà tiepida, il Pd forzerà la mano, userà il cosiddetto canguro per saltare gli emendamenti e approverà la legge. Se, invece, sarà piena, ripiegherà su più miti consigli. «Così si aspetta sabato e il Family Day diventa il termometro delle scelte politiche di un governo di centrosinistra», scrive Il Fatto.

«MATTARELLA NON FIRMA». Oggi da leggere c’è anche l’intervista del Foglio al senatore Nitto Palma (Forza Italia), che si definisce «anarchico, laico e radicale» e favorevole a pieni riconoscimenti per le unioni omosessuali. Tuttavia, Palma, ex ministro ed ex presidente della Commissione Giustizia, ricostruendo il percorso parlamentare del ddl Cirinnà, è assai esplicito e sferzante. Sulla collega Cirinnà dice: «Certo, devo dire che adesso trovo divertente il fatto che la senatrice sia protagonista e sostenitrice della cosiddetta “stepchild adoption” e della maternità surrogata, proprio lei che a Roma, da delegata del sindaco per le politiche dei diritti degli animali, aveva prodotto un regolamento nel quale vietava espressamente il distacco dei cuccioli di animale dalla mamma prima dei due mesi di vita».
Poi Nitto Palma spiega anche perché il ddl Cirinnà è scritto male: «Credo che questa legge sia una sciocchezza, che sia completamente sbagliata: è incostituzionale, è irrazionale, ed è discriminatoria nei confronti delle coppie di fatto eterosessuali. (…) Così come è scritta, il presidente Mattarella non la firma. E questo è già chiaro. Guardi, è un matrimonio senza le pubblicazioni: viene officiato da un funzionario di stato civile, come il matrimonio. E si scioglie con un divorzio, come il matrimonio. Tutto ciò è “leggermente” proibito dalla Costituzione».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

13 Commenti

  1. Quercia scrive:

    Sarebbe bello che tutti gli elettori 5stelle che saranno al family day, e saranno molti, avessero una maglietta o cmq un segno di riconoscimento. Tanto x far riflettere anche i parlamentari pentastellati

    • beppe scrive:

      buona idea…

      • Quercia scrive:

        Grazie. Magari al posto della maglietta..che mettano un fazzoletto/bandana/bandierina legata al polso/collo/testa/zaino ecc. di un preciso colore..che so? rosso? Verde?

        La cosa mi è venuta in mente, perchè io andrò a Roma con altre 4 persone. Beh..in 5 persone che siamo, 2 hanno votato nel 2013 5 stelle.

    • Beppe scrive:

      Sei l’unico dei 5 stelle che si appresta a far parte di quella buffonata. Votare 5 stelle non significa andare un po’ da una parte e un po’ da un’altra. Se non segui la linea di pensiero del movimento puoi benissimo votare altrove.

      • Quercia scrive:

        Innanzitutto, dare della buffonata a qualcosa che non si condivide non è sintomo di pensiero democratico, nè della tanto decantata “democrazia dal basso”. Al massimo, da “abbasso la democrazia”.

        A parte questo, io non ho votato 5 stelle. Dico solo che nel mio piccolo gruppo che va al FamilyDay, più di un terzo ha votato 5stelle (nel 2013). Cosa prevedibile, visti i milioni di cittadini italiani che hanno votato 5stelle nel 2013. Se tanto mi da tanto, al family day ci saranno migliaia di elettori 5stelle (che tra l’altro, a seconda del comportamento dei pentastellati su questi temi, un paio di domande alle prossime elezioni dovranno pure farsele).
        Infatti, moltissimi nel 2013, sebbene fossero contrari anche allora alle politiche lgbt, hanno votato 5 stelle attirati dai cavalli di battaglia politici dei grillini, super-condivisibili (sprechi della politica, lotta alla corruzione, classe politica di cui non ci si fidava, novità del nuovo partito ecc).
        La linea di pensiero del movimento, da quanto ne so, la danno gli elettori, esprimendosi in vari modi: per esempio attraverso la rete. Se la rete cominciasse ad esprimere perlplessità riguardo le politiche lgbt..che facciamo? cacciamo tutti, perchè secondo te significa andare da una parte ad un’altra? Oppure secondo te, su questi temi c’è una specie di dogma su cui nessuno può discutere, sennò viene immediatamente espulso? In sostanza, decidi tu o i simpatizzanti del movimento, in varie maniere (fra cui la rete)?

        • giulia scrive:

          Come han fatto i cattolici a votar un partito che decide la sua linea valoriale DOPO e non prima è un mistero!
          Ma purtroppo tanti si fan infinocchiar dalla cavolata dell’onestà… mi domando allora perché non avessero votato Di Pietro i i Verdi che dicevano esattamente le stesse cose dei 5stelle!

          • Quercia scrive:

            Ottima domanda. Speriamo anche che i cittadini siano più attenti la prox volta e chiedano anche conto ai loro rappresentanti

  2. EquesFidus scrive:

    Bene, bene! Significa che i numeri ci sono tutti, e questo governo non eletto da nessuno (men che meno da me) lo sa benissimo! Tutti coloro che possano vadano a Roma domani, gli altri preghino per loro.

  3. EquesFidus scrive:

    Bene, bene! Significa che i numeri ci sono tutti, e questo governo non eletto da nessuno (men che meno da me) lo sa benissimo! Tutti coloro che possono vadano a Roma domani, gli altri preghino per loro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana