Google+

Riforma Lavoro, pochi cambiamenti. «La coperta è corta»

maggio 2, 2012 Massimo Giardina

Intervista a Luigi Bobba (Pd) sulla riforma Fornero. Poche le possibili modifiche parlamentari: «Qualcosa è migliorabile, ma non la ribalteremo perché non ci sono risorse»

Primo maggio: festa dei lavoratori. Il clima sull’argomento lavoro è piuttosto “vivace”. Dopo la presentazione da parte dell’esecutivo del disegno di legge sulla riforma del mercato del lavoro del ministro Elsa Fornero, tocca al Parlamento modificare e approvare la legge. Sono stati presentati dai partiti 1038 emendamenti: molti di essi ridondanti e ripetitivi, che avranno l’effetto di allungare il processo di approvazione. Tempi.it ne discute con il vicepresidente della commissione Lavoro presso la Camera, onorevole Luigi Bobba (Pd).

Onorevole Bobba, 1038 emendamenti presentati dai partiti sul discusso disegno di legge volto a riformare il mercato del lavoro. Si complica il processo d’approvazione?
Difficile fare una previsione sui tempi di approvazione della legge, perché bisogna guardare cosa c’è dentro ogni emendamento. Molti di questi sono stati presentati dai due partiti di opposizione con un’evidente funzione ostruzionistica. Invece, i partiti di maggioranza, si sono concentrati su alcune correzioni con lo scopo di migliorare quanto presentato dal ministro Fornero.

Rispetto alla proposta presentata al Parlamento, assisteremo a cambiamenti radicali?
No, non credo. Dobbiamo renderci conto che i mutamenti non potranno essere così radicali, considerando che le variazioni in termini di costi non potranno superare qualche centinaio di milioni, come ha reso noto più volte il Governo. In sostanza, non si può ribaltare un provvedimento sapendo che poi non ci sono le risorse. La coperta è troppo corta.

Non la preoccupano tutte le pressioni politiche e sociali cui stiamo assistendo?
In quindici anni di sostanziale immobilismo non si è fatto nulla per rivedere questo sistema di protezione sociale e, nel tentativo di cambiare il dualismo tra protetti e non protetti nel mercato del lavoro, il Governo ha avuto il merito di affrontare la battaglia. Non tutte le soluzioni ci convincono e sicuramente si potrebbero migliorare se ci fossero a disposizione maggiori risorse, ma, come le dicevo prima, la coperta è sempre corta.

Cosa si potrebbe migliorare?
Evitare un uso improprio dei contratti che celano un lavoro dipendente: abbiamo indicato una  quindicina di figure per le quali non si possono utilizzare contratti che non siano di lavoro subordinato.

Sono casi specifici o sono proposte più ad ampio raggio?
Sono ad ampio raggio: riguardano baristi e camerieri, badanti, autisti e autotrasportatori, addetti alle pulizie, eccetera. In questi casi sono contemplati solo assunzioni con la forma di lavoro dipendente. Un altro punto importante riguarda il salario reale dei lavoratori non dipendenti. Temiamo che l’aumento della contribuzione dal 27 al 33 per cento per i lavoratori non soggetti ad un contratto subordinato possa generare una diminuzione del salario reale. Per capirci, se aumentasse solo la pressione fiscale e non i salari lordi, ci rimette il lavoratore. Per questa ragione abbiamo introdotto un punto di riferimento: il salario effettivo non potrà essere difforme dai valori espressi nei contratti nazionali comparabili.

Nulla da dire sulla flessibilità in uscita?
Sulla flessibilità in uscita ci sarà un piccolo ritocco, ma niente di rilevante perché riteniamo buono il punto d’equilibrio politico raggiunto nel disegno di legge. Ci sono cose che non ci convincono del tutto, ma siccome il punto d’equilibrio è stato trovato, non va modificato.

Ma il Pdl ha fatto sapere che la soluzione sull’articolo 18 non è così soddisfacente.
Credo che anche il Pdl alla fine accetterà questa soluzione, in questi giorni assistiamo ad un’accentuazione originata più che altro dal momento elettorale.

Ci sono altri punti da migliorare?
Sì certo. Ad esempio l’introduzione per i contratti parasubordinati di una mini Aspi. Pagano di più in termini contributivi: perché non devono avere un minimo di tutela? Vede, anche in questo caso si riproduce un dualismo tra dipendenti e autonomi. Un altro punto riguarda i tirocini formativi. C’è una formula un po’ generica che parla di “non totale gratuità”. Vorremmo introdurre qualcosa di meno generico con dei paramenti minimi: ad esempio una soglia minima di 400 euro. Infine abbiamo riscritto la norma sulle dimissioni in bianco: una norma che avevamo già discusso nella commissione lavoro della Camera dove chiediamo che il dipendente confermi la volontarietà alle dimissioni presso la direzione provinciale del lavoro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.