Google+

Quelle materie inutili eppure indispensabili

marzo 29, 2017 Alessandra Randazzo

Ragioni un po’ più importanti di un curriculum scolastico “al passo coi tempi” per smettere di sottovalutare la classicità e le discipline umanistiche

libri-shutterstock_603957791

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – “Italiani popolo di santi, navigatori e… poeti”! Peccato che, secondo gli ultimi dati, l’interesse verso questo orgoglio nazionale sia decisamente calato. Ma del resto perché i giovani dovrebbero appassionarsi a cose distanti da noi millenni? Facciamo un passo indietro, partendo dai titoloni di alcune settimane fa sull’allarme lanciato da un gruppo di docenti universitari: “Gli studenti non sanno più scrivere, errori da terza elementare” e così via. Dare la colpa al sistema sarebbe sottrarsi come sempre alle responsabilità. Bisognerebbe fare invece una profonda analisi su quello che in questi ultimi anni abbiamo trasmesso ai nostri giovani e cioè che “con la cultura non si mangia”. Stiamo formando, cercando di andare al passo con i tempi, sempre più tecnici, esperti di informatica e di tecnologie all’avanguardia, ma giovani privi di quel substrato culturale che fa parte della nostra identità. Il non saper scrivere è solo la punta dell’iceberg, sotto ci sono anni di svalutazione del mondo umanistico, considerato poco utile per il mondo che avanza. Latino? Roba da antiquariato. I musei? Non sono nati per portarci gli studenti, solo roba per collezionisti e specialisti.

Dovremmo riflettere su questo scippo identitario e pensare che studiare latino e greco non è così inutile come sembra, né tantomeno, in un sistema di riforme scolastiche, sacrificabile. La scuola di oggi taglia e risparmia sulle basi della nostra cultura, ma a chi fa bene questo risparmio? Certamente non ai nostri giovani. Privarli della cultura classica li esporrebbe a un netto calo di esercizi di logica, ragionamento analitico e forma mentis, che il latino e il greco, con le loro strutture matematiche, forniscono allo studente. Si sottovaluta anche il potenziale di accrescimento linguistico che queste comportano, non solo di termini che derivano da queste lingue ma dell’italiano stesso, intessuto e pregno di classicità. Il mondo antico aiuta anche a guardare il moderno con occhi di distacco; nel nostro mondo globalizzato è impossibile avere un approccio asettico verso altre culture, i mass media fomentano il pregiudizio, mentre analizzare Greci e Romani che non sono toccati dai rumores aiuterebbe noi a fare analisi critica scevra da punti di vista inutili.

Il vocabolario della scienza
La capacità di analisi, acquisita solo da un approccio con il mondo classico nei suoi testi fondamentali in lingua, permetterebbe davvero di guardare il mondo moderno con distacco critico, e questo porterebbe a leggere la realtà con più lucidità. Sono dunque inutili le lingue classiche? Lungi dal pensare che questa sia l’unica palestra formativa, e che latino e greco debbano sapersi a memoria come le tabelline, ma forse potremmo avere ragazzi pensanti, in grado di avere un loro punto di vista personale con uno sguardo più attento sul presente e con un bagaglio culturale antico che non è un fantasma che appare ogni tanto, ma che fa parte e vive nel presente, anche se da adulti non ricorderanno mai che oἶδα è l’aoristo di ὁράω.

Il latino inoltre è parte del nostro Dna culturale, sta alla base della lingua italiana ed è stata la lingua di quei Romani su cui ancora oggi noi fondiamo usi, costumi, diritto e istituzioni. La schiera dei classicisti porta anche lucide analisi sull’influenza e i benefici del latino sul quotidiano. È innegabile che leggere e studiare i classici migliora e rafforza le capacità espressive e comunicative sia per i giovani che si orienteranno verso una specializzazione scientifica come biologi, medici, analisti finanziari eccetera, sia per chi si approccerà allo studio della comunicazione con precisione, efficacia argomentativa e rigore logico. Per non parlare dei giuristi. Concetti come ius, res, mos, causa sono all’ordine del giorno nelle aule dei tribunali e gli studenti di giurisprudenza che non sanno il latino, non hanno difficoltà a raccapezzarsi? Alla base delle scienze moderne, per anni il latino è stata la lingua di materie come medicina, filosofia, scienze, matematica e architettura. I vocaboli fondamentali di queste materie costituiscono il lessico giornaliero di medici e biologi con cui chiamano malattie e generi di piante e animali.

Se l’archeologo diventa un reperto
Il mal del classico sembra però colpire anche il Regno Unito, dove risulta che lo studio di materie classiche come l’archeologia non sia più produttivo. Cosa direbbe Carter, lo scopritore della tomba di Tutankhamon, della sua terra che rifiuta quelle materie che tanto lustro le hanno portato? Il paese dal 2018 cancellerà progressivamente i corsi di perfezionamento in archeologia rivolti agli studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria. La spiegazione è che non si riescono a raggiungere i livelli di occupazione sperati e che le materie classiche, cioè prive di pratica, siano improduttive per l’economia del paese, quindi da considerarsi non prioritarie per gli investimenti. Ancora una volta la politica che “con la cultura non si mangia”, ma questa volta made in Britain.

Quindi a cosa serve studiare i classici? Ci saranno sempre quelli pro o contro e non ci sarà mai una risposta esaustiva. Forse non ha nemmeno senso pretendere di dare una risposta a una questione nonsense, come suggerì con una formula vincente Italo Calvino: «Non si creda che i classici vanno letti perché “servono” a qualcosa. La sola ragione che si può addurre è che leggere i classici è meglio che non leggere i classici». 

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download