Google+

La presentatrice americana Sherri Shepherd affitta un utero e poi divorzia: «Non voglio più il bambino»

luglio 13, 2014 Benedetta Frigerio

Ha detto di amare il figlio, ma poi i piani sono cambiati e ha fatto ricorso chiedendo che le sia tolta la potestà genitoriale

Aveva detto di volere a tutti i costi un figlio, poi aveva annunciato il suo divorzio e infine di non voler più quel bambino che con lei «non avrebbe nulla a che fare». Così l’attrice e presentatrice americana Sherri Shepherd (nella foto a destra), sposata in seconde nozze con lo sceneggiatore Lamar Sally, ha fatto causa affinché il tribunale le revochi la potestà genitoriale.
L’odissea della coppia di vip era cominciata quando i due avevano raccontato di essersi sottoposti alla fecondazione assistita. Visto l’insuccesso, però, gli sposi erano passati all’eterologa, scegliendo di usare lo sperma di Sally e di comprare un ovulo per concepire un figlio da impiantare a pagamento nell’utero di un’altra donna. Ora, data la mancanza di legami genetici fra Shepherd e il bambino, e data la fine del matrimonio, la presentatrice ha spiegato di non volersi prendere la responsabilità di crescerlo.

IL CORTOCIRCUITO DEI DIRITTI. La vicenda mette in luce il cortocircuito di una pratica innaturale, che apre un’infinità di possibilità e quindi di conseguenze. Sopratutto per il fatto che la legalizzazione dell’utero in affitto permette la vendita di ovuli togliendo alle madri genetiche ogni responsabilità. Non solo, i genitori non biologici possono addirittura decidere di abbandonare il piccolo, interrompendo la gravidanza, come già successo in alcuni casi come quello denunciato da Crystal Kelley. Chi dunque si occuperà del bambino, dato che per la legislazione americana la gestante non ha alcuna potestà su di lui? Negli stati americani in cui l’eterologa e l’utero in affitto sono permessi ci sono diverse regole, in alcuni casi scritte, in altri lasciate alla prassi. Così in nome del sistema della common law, fondato sul diritto consuetudinario, si stia alimentando un mercato miliardario. Le leggi poi cambiano a seconda degli stati cosiddetti “surrogacy friendly” come la California, il Maryland, New York. In alcuni, il padre biologico e la moglie sono riconosciuti come genitori legali del bambino solo dopo la nascita, anche se la moglie non è geneticamente legato al bambino, in altri i contratti sono lasciati ai privati. Ma le regole mutano anche a seconda della provenienza della madre “surrogata”. Non si sa quindi cosa deciderà il tribunale nel caso specifico.

«BASTA SCROLLARE LA POLVERE». Non a caso il giudice che segue la causa di Shepherd le aveva detto che avrebbe potuto parlare pubblicamente e quanto voleva della fine del suo matrimonio, ma di non rivelare nulla sull’identità della donna che ha “affittato” il proprio utero. La presentatrice aveva quindi parlato a Us Magazine, spiegando che «quando ti accorgi che avevi fatto la scelta sbagliata», poi basta «fare un lavoro introspettivo e cercare di non fare lo stesso errore». Ma come affrontare le conseguenze? «Torna indietro, scrolla la polvere dai piedi e comincia a camminare in avanti». Poi pensando al “bene” di suo figlio aveva chiarito: «Non posso permettere che il mio bambino veda sua madre con un esaurimento nervoso. Non è nei miei piani». Peccato solo che i piani siano cambiati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

18 Commenti

  1. beppino scrive:

    Degna figlia di una società senza futuro…

  2. filomena scrive:

    Questo genere di articoli sono surreali, dove li andate a pescare? Perché qualche volta non pubblicate storie di bambini abusati nelle famiglie del Mulino Bianco, sono assai più frequenti come conferma anche oggi Papa Francesco nel suo colloquio con Scalfari.

    • EquesFidus scrive:

      Discorso riportato a memoria e, probabilmente, modificato per portare acqua al proprio mulino ideologico dal capoccia di “Repubblica”, esattamente come la prima intervista al Papa che poi risultò almeno parzialmente falsa. Certo, talvolta quest’ultimo ci mette del suo a confondere situazioni di per sé chiarissime alla luce della Santa Dottrina, ma non mi sembra questo il caso, né tantomeno quello di ritenere che questa “intervista” (pubblicata dopo che il Papa gli aveva detto di tenersela per sé, il che già indica cosa interessi davvero a Kakogenio Scalfari) abbia una qualsiasi valenza al di fuori della solita propaganda anticlericale, che mira ad insinuare il dubbio e l’eresia tra le membra della Chiesa.

      • filomena scrive:

        E’ incredibile ve la prendete pure col Papa pur di screditare i mass media e attaccarvi alla dottrina solo per difendere le vostre posizioni conservatrici. E’ inutile chi non vuole vedere la realtà si rifugia nei casi limite e semplicemente chiude gli occhi su tutto il resto.

        • EquesFidus scrive:

          Ragionamento irrilevante e fatto per screditare i cattolici il Suo, resta il fatto che nel discorso di Scalfari ci sono molti, troppi virgolettati; come ha ammesso nella sua precedente “intervista”, ha riportato le frasi a memoria e, plausibilmente, modificandole per adattarle al suo pensiero. Ma chi se ne importa dell’essere conservatori, l’unica cosa che importa è aderire alla Santa Dottrina: e questo, anche se un Papa dicesse il contrario, è la cosa più importante perché non si può amare il Cristo senza conoscerLo.
          Inoltre, non sono certo i cattolici che si rifugiano nei casi limite per usarli come grimaldello per scardinale l’etica e la morale pubblica.

        • Orazio Pecci scrive:

          Signora Filomena, ma lei è proprio così o la disegnano in questo modo?

    • Toni scrive:

      I bambini sono abusati non per via della famiglia del mulino bianco , ma per aver contribuito a mettere in piedi una cultura contro l’essere umano che lo ha ridotto ad essere solo un coacervo di desideri.
      Queste storie (che chiami surreali) invece sono indicative del tipo di mondo che volete costruire. Un mondo ovviamente coerente con le vostre premesse.

    • Sebastiano scrive:

      A parte che il giornalistucolo ne ha combinata un’altra delle sue (come fa a fare ancora il suo mestiere se ogni volta si becca smentite in diretta mondiale…), non capisco cosa intendi quando dici “Questo genere di articoli sono surreali, dove li andate a pescare?”. Ma ti dà fastidio che vengano pubblicati? O ti dà fastidio leggerli? O ti dà fastidio che esistano questi fatti? O ti dà fastidio che la tua stessa coscienza si ribelli a questa schifezza? Oppure vuoi dire che nessuno dovrebbe scriverli, cosi da mettere il silenziatore a questa scempiaggine e non essere costretti a riconoscere che la propaganda (vostra) dei “diritti ad ogni costo” ha questi effetti? E voi sareste quelli dalla “mentalità aperta”, “contro l’oscurantismo” e balordaggini varie in sequenza…

    • Giuseppe scrive:

      Filomena, aggiòrnati. Mulino Bianco è Barilla, quindi ormai – dopo la conversione del buon Guido – avvenuta nel campo di rieducazione mediatico all’uopo predisposto – le famiglie del Mulino Bianco sono tutte “davvero felici” con due papà oppure due mamme (e magari un bell’utero in affitto). Così come le tenere coppiette Findus (il vecchio capitano è andato in pensione; al suo posto c’è la mammina sorniona che “lo sapeva già” …..).
      Pazienza.
      [Tra l’altro, ci sono altre ottime marche di biscotti e surgelati, di produzione italiana, che non hanno nulla da invidiare alle due suddette, anzi! Provare per credere].

  3. TtoTM scrive:

    Povera donna ….. Ma soprattutto povero bimbo …. Usato come un pupazzo

  4. Gio CATTIVO scrive:

    Ma possibile che non ne azzeccate mai una? La “signora” in questione può fare questioni solo perchè ha intentato causa in uno stato che NON riconosce la maternità surrogata. Dove questa è regolementata ha nei confronti del bambino le stesse responsabilità che se fosse suo. Altre che “non ha nulla a che fare con me”

  5. Ale scrive:

    Da quello che so anche una madre naturale può partorire e non riconoscere il bambino, che poi viene dato in adozione, se ritiene di non volere o di non essere in grado di fare da madre a quel bambino. Quindi anche in questo caso meglio la sincerità “brutale” di questa donna e la possibilità del bambino di essere adottato da persone che siano in grado e che vogliano prendersene cura.

    • Toni scrive:

      @Ale
      Non la noti una certa differenza “qualitativa” rispetto ad una madre naturale che non vuole riconoscere il bambino?. Ti sembrano situazioni equiparabili? Personalmente la sincerità “brutale” di questa signora mi sembra più quella di una giocherellona. Io vedo un problema a monte, nella disposizione della signora, e poco conta se lo stato riconosce o meno la maternità surrogata . Che guadagno ci sarebbe imporre una maternità?

  6. martino scrive:

    Ragion per cui la maternità surrogata dovrebbe essere bandita.
    Altrimenti, rispetta il contratto che hai firmato.
    In realtà la signora s’è pentita, visto che con lei il nascituro non ha nessun legame biologico.
    È lo stesso dramma che vivono coloro che ricorrono all’eterologa.

    • Lele scrive:

      Veramente chiarisce che il matrimonio eterosessuale fondato sulla procreazione andrebbe bandito: fosse stata una donna qualsiasi avrebbe probabilmente abortito perché per gli eterosessuali i figli sono utili solo finché servono a tenere il partner nel contratto patrimoniale, poi diventano spazzatura.

      • Ale scrive:

        @Lele , fino ad oggi da eterosessuale donna e sposata ho sempre cercato di difendervi ( leggi tutti i miei interventi con relative risposte di Cisco, Menelik, Raider, ecc. ) prendendomi anche delle belle critiche e così faccio nella vita di tutti i giorni. Tu come altri sei gay o dai commenti che fai così sembra, ma oggi ti dico che sei caduto in basso dicendo che noi donne buttiamo i figli nella spazzatura. Vergognati.

      • Toni scrive:

        Sei un capolavoro! E credo che rappresenti una visione evoluta. Spero che farai altri interventi dove più incisivamente espliciterai il tuo punto di vista.

  7. beppe scrive:

    il mondo dei COSIDDETTI VIP è in realtà l’espressione del peggio che l’umanità riesca ed esprimere. quindi certe scelte non devono meravigliarci. ma la maggior parte del popolino perde ore ed ore a leggere gesta e detti di questi burini arricchiti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana