Google+

Per gli scienziati la libellula è il predatore più letale del mondo animale. Ma il come e il perché è misterioso

marzo 2, 2014 Leone Grotti

Due ricerche scoprono la complessità inspiegabile di un animale che esiste da 325 milioni di anni. «Non ci aspettavamo di trovare qualcosa di così sofisticato in un insetto così piccolo, non è chiaro come possa funzionare»

libellulaQual è il predatore più letale del mondo animale? L’orso, lo squalo, la leonessa? No, la libellula. L’insetto, tanto piccolo quanto maestoso, quando sferra i suoi attacchi è più rapido del migliore jet militare: è in grado di decollare, catturare la preda, mangiarla e tornare al suo posto in un secondo e mezzo.

ALTRO CHE ORSI E SQUALI. Grazie a una tecnica di caccia stupefacente e una precisione chirurgica, i suoi attacchi vanno a buon fine nel 97% dei casi. A confronto, le probabilità di successo nella caccia dell’orso bianco (36%), della leonessa (15%) e dello squalo (50%) impallidiscono. Com’è possibile tanta perfezione in un essere così piccolo?

COMPLESSITÀ IMPENSABILE. Due studi scientifici americani, uno di questi appena pubblicato sulla rivista Pnas, hanno scoperto che le libellule sono molto più complesse di quanto un uomo potrebbe immaginarsi. Grazie a un gruppo di 16 neuroni, l’insetto è capace, non solo di concentrarsi in modo selettivo sulla sua preda, ma anche di predire il movimento della sua vittima.
«È come se applicassero una vecchia tattica nautica», spiega il ricercatore Robert Olberg. «Se una nave viene avvistata da un’altra, sempre con lo stesso angolo di rilevamento, ma a una distanza via via minore, vuol dire che le due navi sono in rotta di collisione». Solo che questa teoria alla libellula nessuno l’ha mai insegnata: la conosce da sempre, è predisposta naturalmente al successo.

«COSÌ SOFISTICATO E COSÌ PICCOLO». Per scoprire le dinamiche che misteriosamente guidano la libellula, gli scienziati hanno impiegato macchinari e tecniche innovativi e dai nomi impronunciabili. Tutto per spiegare un meccanismo, un ordine, che guida il minuscolo insetto fin dai tempi dei dinosauri, cioè da circa 325 milioni di anni.
«Non ci aspettavamo di trovare qualcosa di così sofisticato in un insetto così piccolo», ha dichiarato il professore David O’Carroll.

INSETTO MISTERIOSO. E continua: «Non è ancora ben chiaro come tutto ciò possa funzionare», “come” operino i neuroni nel cervello della libellula. Soprattutto, non è chiaro “perché” funzionino in questo modo e non in un altro, tendendo a un fine sorprendentemente preciso. Chi ha fatto sì che nella sua millenaria evoluzione l’insignificante libellula diventasse il predatore più letale del regno animale? Per gli scienziati, non c’è ancora una risposta. Come Shakespeare mise in bocca ad Amleto: “Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia”. Anche in una libellula.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Shiva101 scrive:

    La risposta al mistero è semplice:
    è stato Dio, buono e misericordioso, a progettare micidiali tecniche di predazione e ad inserirle nella libellula trasformandola in un killer infallibile invece che in un pacifico insetto.

    Perche tutto questo? … per divertirsi un po, la pace dopo un po annoia.

  2. domenico b. scrive:

    Di fronte a questa e a tutte le altre meraviglie che il mondo ci offre, come si fa non vedere la mano di Dio, e a non lodarlo e ringraziarlo?…
    E pensare che se è bello leggere questi articoli e ammirare le meraviglie della natura, quanto sarà sicuramente ed enormemente più bello poter vedere ed ammirare ed anche amare un giorno Chi queste meraviglie le ha create per noi

  3. Enrico Z scrive:

    l’ingegno divino evidente sbugiarda ogni altra argomentazione…é inutile. Dio c’é e ha creato l’universo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana