Google+

Se papa Francesco è un sindacalista della Cgil e i cristiani di Garissa degli studenti «infedeli»

aprile 30, 2015 Emanuele Boffi

I giornali oscurano le parole del Pontefice su famiglia e matrimonio. Paolo Giordano travisa il senso della strage in Kenya

Due piccoli ma significativi esempi di come i media interpretino – diciamo così – le notizie che riguardano papa Francesco e le vittime cristiane dell’odio islamista.

PAPA FRANCESCO. La prima riguarda il modo con cui sono state riportate (soprattutto nei titoli ieri sui siti on line e oggi sui maggiori quotidiani) le parole pronunciate mercoledì dal Pontefice durante l’Udienza generale. È da un po’ di settimane, infatti, che papa Francesco conduce una serie di catechesi che hanno per oggetto la famiglia. E lo fa con parole forti, non ambigue e che vanno controcorrente rispetto alla vulgata mediatica che tende a dipingerlo come lassista sui cosiddetti temi “eticamente sensibili”.
Il 15 aprile ha parlato del gender definendolo «un’espressione di frustrazione e rassegnazione». Il 22 aprile ha esortato a riportare «onore» al matrimonio e alla famiglia. Ieri, appunto, ha ripreso il filo del discorso parlando della famiglia come di un «capolavoro».
Anche a un osservatore distratto non dovrebbe sfuggire il messaggio di Francesco. Eppure, utilizzando solo un passaggio della sua catechesi sulla necessità che uomini e donne abbiano diritto a «una uguale retribuzione per un uguale lavoro», i quotidiani di oggi ci presentano il Pontefice come un sindacalista della Cgil. Anzi, pure meglio, visto che la leader del sindacato di sinistra Susanna Camusso s’è sprecata in un applauso ribadendo che «per le donne l’Italia è ferma agli anni Cinquanta». Che è un fatto che si può pure discutere, ma è evidente l’operazione giornalistica di enfatizzare un particolare per oscurare il resto.

GLI «INFEDELI» DI GARISSA. La seconda notizia ce la racconta Paolo Giordano sul Corriere della Sera e riguarda una «performance» messa in scena all’interno dell’Università di Padova. Ottantaquattro studenti si sono sdraiati per terra nel cortile dell’ateneo nelle stesse posizioni delle vittime della strage di Garissa in Kenya. Nel suo articolo, lo scrittore spiega la genesi dell’idea, l’emozione e il grande valore di un gesto che vuole combattere l’indifferenza in cui è caduta la notizia della strage. Tutto bene, o quasi. Infatti Giordano non dice mai – a parte un generico «infedeli» riferito alle vittime – il perché quei ragazzi keniani siano stati uccisi. E conclude così il suo articolo:

In un certo senso, la performance di Padova è stata un modo di pregare per gli studenti kenioti, di pregare in maniera laica, adeguata a un tempio dell’istruzione e del sapere, uniti non da una fede ma dall’appartenenza comune all’idea di università – qualcosa che non ha veri confini territoriali né temporali, qualcosa di universale, come suggerisce la parola. Spesso la preghiera collettiva è servita anche a questo, ad allargare momentaneamente i limiti meschini della compassione individuale, per abbracciare qualcosa di più grande e, altrimenti, inafferrabile.

Ora, come tutti sanno e come sono piene le cronache dell’epoca (anche quella del Corriere su cui Giordano scrive), quei ragazzi non sono stati uccisi perché erano universitari, ma perché erano cristiani. La domanda che rivolgevano loro gli assassini per decidere se liberarli o giustiziarli non riguardava il loro piano di studi, ma la loro fede. Erano «infedeli» sì, nel senso che non erano musulmani come i carnefici islamisti di Al Shabaab. Tra l’altro, l’omissione di questo non piccolo particolare, non rende nemmeno onore a quegli studenti musulmani che hanno aiutato i loro coetanei a nascondersi in moschea, salvando loro la vita.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. sergio scrive:

    Casualmente pausa pranzo ho trovato il corriere sul tavolo. Forse l’unica cosa di leggibile oggi era il colophon per capire chi era il nuovo direttore. Il pezzo di Giordano è incredibile, nel senso che condivido in pieno il commento di tempi. Da non credere. Si può parlare di omertà in questi casi?

  2. Alma scrive:

    Forse il Santo Padre dovrebbe puntare su un concetto e ribadirlo molto chiaramente. Se mescola troppe idee è chiaro che viene estrapolato solo ciò che fa comodo oscurando tutto il resto.
    Spero che il Papa sia più attento a ciò che dice per far prevalere il messaggio più importante!

    • mery scrive:

      cara alma ad essere buoni si può dire che è un pasticcione. ad essere buoni….ma anche i buoni non sono fessi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana