Google+

Papa Francesco: Non si incontra Dio grazie alla meditazione o alla filantropia, ma baciando le piaghe di Cristo

luglio 3, 2013 Redazione

Per incontrare un Dio vivo e non sopra le nuvole, occorre baciare le piaghe di Gesù nei nostri fratelli affamati, poveri, malati, carcerati. Non una meditazione, non uno sforzo filantropico, non una mortificazione fine a se stessa. Ma un incontro umano

Papa Francesco, questa mattina nell’omelia alla Messa a Casa Santa Marta, ha detto che per incontrare Dio, un Dio vivo e non sopra le nuvole, occorre baciare le piaghe di Gesù nei nostri fratelli affamati, poveri, malati, carcerati. Non una meditazione, non uno sforzo filantropico, non una mortificazione fine a se stessa. Ma un incontro umano, vero, carnale.

IL DITO NELLA PIAGA. Il pontefice ha parlato dell’episodio in cui Gesù si rivela agli apostoli dopo la Resurrezione, quando non c’è san Tommaso (a lui, ha detto il Papa, ha voluto concedere una settimana in più: «Il Signore sa perché fa le cose. E a ciascuno di noi dà il tempo che lui crede sia meglio per noi»). Ai discepoli Cristo mostra le sue piaghe: «Tutto il suo corpo era pulito, bellissimo, pieno di luce, ma le piaghe c’erano e ci sono ancora» e quando verrà, alla fine dei tempi, «ci farà vedere le sue piaghe». Tommaso, ha proseguito il pontefice, «era un tipo testardo. Ma, il Signore ha voluto proprio un testardo per farci capire una cosa più grande. Tommaso ha visto il Signore, è stato invitato a mettere il suo dito nella piaga dei chiodi; mettere la mano sul fianco e non ha detto: “È vero: il Signore è risorto!”. È andato oltre. Ha detto: “Dio!”. Il primo dei discepoli che fa la confessione della divinità di Cristo, dopo la Resurrezione. E ha adorato».
L’episodio ci mostra «qual era l’intenzione del Signore nel farlo aspettare: prendere anche la sua incredulità per portarla non all’affermazione della Resurrezione, ma all’affermazione della sua divinità». Quindi il «cammino per l’incontro con Gesù-Dio sono le sue piaghe. Non ce n’è un altro».

GNOSTICI E PELAGIANI. Il Papa ha molto insistito sulla carnalità dell’incontro con Cristo. Anche nella Chiesa, a volte, alcuni hanno creduto di poterlo conoscere attraverso la «meditazione». Ma quello è un «cammino pericoloso», ha sottolineato papa Francesco. «Quanti si perdono in quel cammino e non arrivano. Arrivano sì, forse, alla conoscenza di Dio, ma non di Gesù Cristo, Figlio di Dio, seconda Persona della Trinità. A quello non ci arrivano. È il cammino degli gnostici, no? Sono buoni, lavorano, quello, ma non è il cammino giusto. È molto complicato e non ti porta a buon porto».
Altri hanno creduto di poterlo riconoscere solo attraverso la mortificazione, la penitenza, il digiuno. Ma anche quello è un cammino sbagliato, perché si riduce a uno sforzo volontaristico. «Neppure questi sono arrivati al Dio vivo, a Gesù Cristo Dio vivo. Sono i pelagiani, che credono che con il loro sforzo possono arrivare».

ANIMA, MA ANCHE CORPO. Invece, la strada è quella di un rapporto umano. Carnale, anche di sacrifico, ma umano. «Le piaghe di Gesù – ha detto il Pontefice – tu le trovi facendo le opere di misericordia, dando al corpo – al corpo – e anche all’anima, ma al corpo – sottolineo – del tuo fratello piagato, perché ha fame, perché ha sete, perché è nudo, perché è umiliato, perché è schiavo, perché è in carcere, perché è in ospedale. Quelle sono le piaghe di Gesù oggi. E Gesù ci chiede di fare un atto di fede, a Lui, ma tramite queste piaghe».
Per questo non è necessario fare «un corso di aggiornamento» o ridurre l’incontro con Lui a operazioni filantropiche. «Ah, benissimo! – ha chiosato con ironia il Papa -. Facciamo una fondazione per aiutare tutti quelli e facciamo tante cose buone per aiutarli”. Quello è importante, ma se noi rimaniamo su questo piano, saremo soltanto filantropici. Dobbiamo toccare le piaghe di Gesù, dobbiamo carezzare le piaghe di Gesù, dobbiamo curare le piaghe di Gesù con tenerezza, dobbiamo baciare le piaghe di Gesù, e questo letteralmente. Pensiamo, cosa è successo a san Francesco, quando ha abbracciato il lebbroso. Lo stesso che a Tommaso: la sua vita è cambiata!».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Antonio says:

    Mai lette tante baggianate in un articolo

  2. Franco says:

    MAI LETTE TANTE BAGGIANATE NEI COMMENTI……….

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.