Google+

Papa Francesco e i matrimoni falliti. Non guardate la casistica, ma a come Dio si è legato a noi

febbraio 28, 2014 Redazione

«Quanta vicinanza dobbiamo avere per i fratelli e le sorelle che nella vita hanno avuto la disgrazia di un fallimento nell’amore. Anche qui dobbiamo stare attenti che non fallisca l’amore!»

Papa Francesco, questa mattina nell’omelia alla Messa a Casa Santa Marta, ha parlato della bellezza del matrimonio. Commentando il Vangelo in cui i farisei pongono maliziosamente a Gesù delle questioni sul divorzio, il Pontefice ha osservato, innanzitutto, che questo modo di fare dei dottori della legge è ipocrita. Perché non mira veramente a conoscere il pensiero di Cristo, ma solo a cercare di screditarlo. Quel che essi gli propongono è una «casistica» per evidenziare, qualunque sia stata la sua risposta, una qualche contraddizione con la legge o la tradizione. «Il loro stile è sempre lo stesso – ha detto papa Francesco -: “È lecito questo o no?”. Sempre il piccolo caso. E questa è la trappola: dietro la casistica c’è sempre una trappola. Contro la gente, contro di noi e contro Dio, sempre! “Ma è lecito fare questo? Ripudiare la propria moglie?”».
Papa Bergoglio ha però fatto notare che la risposta di Cristo esce dall’angusto trabocchetto in cui quelli volevano infilarlo. E, infatti, «Gesù rispose, domandando loro cosa dicesse la legge e spiegando perché Mose ha fatto quella legge così. Ma non si ferma lì: dalla casistica va al centro del problema e qui va proprio ai giorni della Creazione. “Dio li fece maschio e femmina, per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne”».

CAMMINARE, NON CONDANNARE. Cristo ribalta il problema. Esce dal “precetto” e richiama l’uomo a fare i conti con quel che è, con quel che desidera, con quello per cui è fatto. Infatti Gesù richiamai farisei a fare i conti col «capolavoro della Creazione» quando Dio decise che non era cosa buona che l’uomo fosse «solo», lo voleva con la «sua compagna di cammino». Quello è «l’inizio dell’amore: andate insieme come una sola carne». Dio, quindi, «sempre prende il pensiero casistico e lo porta all’inizio della rivelazione». D’altro canto, «il Signore prende questo amore del capolavoro della Creazione per spiegare l’amore che ha con il suo popolo. E un passo in più: quando Paolo ha bisogno di spiegare il mistero di Cristo, lo fa anche in rapporto, in riferimento alla sua Sposa: perché Cristo è sposato, Cristo era sposato, aveva sposato la Chiesa, il suo popolo. Come il Padre aveva sposato il Popolo di Israele, Cristo sposò il suo popolo. Questa è la storia dell’amore, questa è la storia del capolavoro della Creazione! E davanti a questo percorso di amore, a questa icona, la casistica cade e diventa dolore. Ma quando questo lasciare il padre e la madre e unirsi a una donna, farsi una sola carne e andare avanti e questo amore fallisce, perché tante volte fallisce, dobbiamo sentire il dolore del fallimento, accompagnare quelle persone che hanno avuto questo fallimento nel proprio amore. Non condannare! Camminare con loro! E non fare casistica con la loro situazione».

CRISTO SCAPOLO. Per questo il matrimonio cristiano è un «cammino d’amore che Dio ha benedetto nel capolavoro della sua Creazione». Una «benedizione – ha aggiunto – che mai è stata tolta. Neppure il peccato originale l’ha distrutta!». Quando uno pensa a questo, dunque, «vede quanto bello è l’amore, quanto bello è il matrimonio, quanto bella è la famiglia, quanto bello è questo cammino e quanto amore anche noi, quanta vicinanza dobbiamo avere per i fratelli e le sorelle che nella vita hanno avuto la disgrazia di un fallimento nell’amore. Anche qui dobbiamo stare attenti che non fallisca l’amore! Parlare di un Cristo troppo scapolo: Cristo sposò la Chiesa! E non si può capire Cristo senza la Chiesa e non si può capire la Chiesa senza Cristo. Questo è il grande mistero del capolavoro della Creazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. francesco taddei says:

    giusto. ma a monte una maggiore attenzione a non trasformare la vita matrimoniale in opprimente no? un maggior rispetto tra i due coniugi e maggior disciplina ai figli? non lo dico per banalizzare, ma perchè vengo da una famiglia di divorziati e prima di consolare gli afflitti una maggiore luce lungo il cammino aiuterebbe.

  2. Paola says:

    casistica ? ma cosa dice ?non capisco l’ecclesiastichese di Bergoglio.
    Ribadire i comandamenti non significa condannare!ma quando mai la Chiesa ha condannato?
    Piuttosto rispettare la parola di Cristo please!
    o Bergoglio è l’interprete autentico e assoluto della parola di Cristo?
    sento qualche prete affermare che per il passato era così adesso con l’unto il nuovo messia (Bergoglio) non è più cosi
    invece la parola di Cristo è eterna è per tutte le generazioni
    Dov’è la Chiesa quando le famiglie hanno difficoltà?
    Piuttosto dovrebbe porsi il problema di come stare vicino alle persone prima e durante il matrimonio
    non ognuno faccia quello che vuole sfasci tutto e poi facciamo l’eucarestia democratica
    troppo tardi

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.