Google+

Ora gli industriali Usa della marijuana hanno un problema: gli effetti pesanti della droga “leggera”

maggio 14, 2015 Benedetta Frigerio

Al Marijuana Investor Summit di Denver si sono delineate prospettive allettanti per il mercato miliardario della cannabis legale. Ma non tutti i conti tornano

marijuana-usa-colorado-obama-ansa

Si sono riuniti per la prima volta per mettere a punto le strategie industriali, di marketing e di lobbying politica, nella capitale simbolo del nuovo business miliardario americano che sta attirando centinaia di imprenditori. Sì, perché il mercato della marijuana legale vale già miliardi di dollari. Si chiama Marijuana Investor Summit la grande convention che a fine aprile ha visto accorrere a Denver, Colorado, oltre 800 persone provenienti da tutti gli Stati Uniti, una tre giorni dedicata a dubbi e speranze di uomini di affari interessati a investire in un campo del tutto nuovo, ma che secondo le stime vale già 3 miliardi di dollari e che in un solo anno è cresciuto più di ogni altro settore dell’economia Usa.

«SALTATE SUL TRENO». Sono già 23 gli stati americani che hanno legalizzato la cannabis in qualche forma, e secondo David Friedman, direttore del Marijuana Investor News, co-sponsor dell’evento, è questo «il momento per posizionarsi nel mercato». Già, perché «non appena l’erba sarà legalizzata a livello federale e quindi sarà commercializzata fra gli Stati, le grandi compagnie con grossi fondi a disposizione – l’industria del tabacco e dell’alcol – prenderanno il nostro posto», ha spiegato, sicuro che prima o poi l’America assisterà a una “svolta” anche in questo senso. Fra i partecipanti c’era anche Dooma Wendschuh, facoltoso ex imprenditore dei videogiochi, passato al campo della cannabis nel novembre del 2012 quando il Colorado l’ha liberalizzata, «perché ho capito che le cose sarebbero cambiate per sempre. Il treno era partito e a quel punto o eri sul treno oppure sui binari».

EFFETTI INDESIDERATI. Proprio Wendschuh ha il merito di avere confermato, sebbene involontariamente, quanto possano essere dannosi per l’organismo umano gli effetti di una droga che la maggior parte dei suoi colleghi non esita invece a definire “leggera”. Illustrando un progetto di ricerca ispirato da suo padre e suo nonno (entrambi chimici organici) e inteso proprio a studiare e prevedere nei dettagli tali effetti, Wendschuh ha confessato alla giornalista del New Yorker Sara Davison: «Il nostro scopo è quello di eliminare gli effetti indesiderati dell’erba, come la fame compulsiva o la paranoia». La stessa cronista nell’articolo racconta di aver provato un prodotto a base di cannabis dell’azienda di Wendshuh, passando da uno stato di euforia iniziale a una fase di depressione. «Sì, ci dobbiamo ancora lavorare su», commenta l’imprenditore. «Stiamo cercando di rendere la [prima] sensazione costante». E nel caso in cui il suo team non riuscisse a eliminare i fastidiosi “effetti collaterali”? «Se non avremo successo su questo preciso particolare, allora avremo fallito». Anche se, certamente, «potrebbe volerci più tempo di quanto abbiamo previsto».

LA LOBBY PROCEDE. In ogni caso l’attività di lobbying continua. Il Washington Times ha raccontato che la settimana successiva al summit di Denver, il network di industriali della cannabis si era già riunito nuovamente in un ristorante storico vicino alla Casa Bianca per parlare di politica, questioni fiscali, sensibilizzazione dei media.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Guido scrive:

    Basta stabilire una quantità massima di THC ed una quantità massima di somministrazione. Con l’alcol infatti si conosce la frontiera tra consumo prudente, consumo ricreazionale ed abuso, basta fare la stessa cosa con la cannabis.

    • A quel punto l’articolo non interesserebbe più, perchè si fuma per drogarsi non per divertirsi, anche se poi si dice il contrario. Mentre con l’alcol si può assaporare, pasteggiare e gustare senza ubriacarsi.

  2. Martina scrive:

    «Se non avremo successo su questo preciso particolare, allora avremo fallito» Questa sarebbe la frase shock su cui è basato l’articolo? Quantomeno bizzarro, queste sono parole riferite ad un prodotto. Quella pianta è invece una risorsa naturale da sempre usata (e sì, anche fumata) Genesi 29:30
    Se dall’America, che mise per la prima volta la pianta al bando, parte il processo di liberalizzazione qualcosa vorrà pur dire no? Solo interessi politici ed economici secondo voi?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana