Google+

Nigeria. Esplosione autobus provoca 20 morti. Forti sospetti su Boko Haram

maggio 2, 2014 Redazione

Un altro attacco terroristico nella stessa stazione dove, due settimane fa, gli islamisti avevano ucciso 71 persone.

L’altra notte, una ventina di persone sono morte e altre sessanta sono rimaste ferite per l’esplosione di un autobus ad Abuja (Nigeria). Pare che l’attacco – il cui obiettivo era un posto di blocco della polizia -, sebbene al momento non vi sia ancora nessuna rivendicazione, sia stato opera del gruppo terroristico islamista Boko Haram.
Alcuni testimoni hanno raccontato di aver visto un uomo parcheggiare nei pressi della zona dove si trovavano i veicoli e poi fuggire qualche istante prima della deflagrazione.
L’esplosione è avvenuta nella stazione di Nyanyad, la stessa dove lo scorso 14 aprile si era verificato un doppio attentato, quella volta poi rivendicato da Boko Haram, che aveva provocato 71 morti e 124 feriti.

NAZIONI STRANIERE? In un comunicato inviato all’Agenzia Fides, la Caritas della Nigeria invita il governo ad individuare le radici del fenomeno Boko Haram: «Il governo federale non deve far ricorso alla politica di distrazione, mentre i suoi agenti si accusano a vicenda», quel che deve fare, afferma il documento, è verificare se Boko Haram non goda di appoggi esterni. «Il livello di sofisticazione e la quantità di armi e di supporto logistico dell’insorgenza fa intravvedere un’operazione ben finanziata e tecnicamente ben organizzata che va oltre le capacità di entità locali. Il governo nigeriano dovrebbe verificare le speculazioni secondo le quali alcune nazioni straniere non sono contente del potenziale della Nigeria e sono intente a smembrare il Paese sfruttando le prossime elezioni del 2015».

LA MARCIA PER LE STUDENTESSE. Quest’anno le milizie islamiste hanno già ucciso oltre 1.500 civili nei tre stati nel nord-est della Nigeria. Solo pochi giorni fa, nella stessa capitale, si era svolta la marcia di parenti e genitori delle 234 ragazze rapite a metà aprile a Chibok, nello Stato nordorientale nigeriano del Borno. Sulla sorte delle studentesse ancora non si sa nulla, ma i sospetti cadono ancora su Boko Haram. Pare che siano diventate loro schiave o siano state rivendute in Ciad e Camerun.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi