Google+

Nigeria, cardinale Tauran: «Non possiamo rinunciare alla nostra verità, che è Cristo»

luglio 9, 2012 Giuseppe Rusconi

Intervista al cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso: «Possiamo ben essere orgogliosi del coraggio di tutti i nostri cristiani. Io mi sento fiero di essere cattolico»

Stragi in Nigeria, attacchi ripetuti in Kenya, nuove violenze nell’Orissa indiana, chiusure di chiese in Indonesia, minacce continue in Siria: in diverse parti del mondo i cristiani soffrono e sono costretti a temere per la loro vita. Timori diffusi anche in Egitto, dopo l’elezione (più o meno) democratica – la prima in assoluto nella storia – di un esponente dei Fratelli Musulmani, Mohamed Morsi a presidente della Repubblica. È vero che le prime dichiarazioni e i primi atti del neo-eletto (la scelta di una donna e di un copto come vicepresidenti) spingono a un cauto ottimismo. Restano però le dichiarazioni del vincitore presso l’Università del Cairo durante la campagna elettorale: «Oggi possiamo introdurre la sharia perché la nostra nazione potrà raggiungere il benessere soltanto tramite l’islam e la sharia». Speriamo in bene.

Sull’argomento Tempi ha interpellato il cardinale Jean-Louis Tauran. (…) Il cardinale è stato recentemente (a fine marzo) in Nigeria. Ne era tornato assai ottimista, invece poi è stato tutto un susseguirsi di stragi. «Non pensavo che la situazione per i nostri cristiani in Nigeria peggiorasse in tal modo. Sono molto sorpreso, perché tutti i musulmani che ho incontrato nel mio viaggio mi avevano rassicurato sulla loro volontà di un futuro nigeriano condiviso con i cristiani. Evidentemente gli attacchi sono stati pensati e organizzati all’estero, da non nigeriani».

In ogni caso, però, il dialogo con i musulmani resta problematico. «Il dialogo interreligioso – rileva qui il porporato francese – incomincia sempre affermando ognuno la propria identità ed è così anche per i musulmani. Noi non possiamo rinunciare alla nostra verità, che è Cristo. È chiaro che sul modo di esprimere la verità c’è tutto un familiarizzarsi da fare, molto precario. Anche perché esistono diverse espressioni di islam e in più ci ritroviamo con gruppi terroristici, schegge impazzite, che uccidono i nostri cristiani».

Eminenza, in Nigeria – per restare agli ultimi tragici avvenimenti – i cristiani reagiscono. «Giustamente non possono essere considerati come agnelli sacrificali, pronti per il macello. Qui voglio evidenziare che, come diceva recentemente anche il Santo Padre, noi possiamo ben essere orgogliosi del coraggio di tutti i nostri cristiani. In una visita in Pakistan ho partecipato a cerimonie veramente sconvolgenti… Io mi sento fiero di essere cattolico».

stralci dell’articolo “Non possiamo rinunciare alla verità”, apparso sull’ultimo numero di Tempi 27 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Pippo scrive:

    «Oggi possiamo introdurre la sharia perché la nostra nazione potrà raggiungere il benessere soltanto tramite l’islam e la sharia». Speriamo in bene.

    la sharia vige automaticamente in ogni paese dove la maggioranza della popolazione è islamica e non signfica necessariamente morte e persecuzione dei cristiani e inoltre si può applicare in molti modi diversi. è come dire che in un paese occidentale non ci sia la costituzione. informatevi prima di scrivere

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana