Google+

Nigeria. «Boko Haram vuole creare un Califfato»

giugno 3, 2015 Redazione

«Se Boko Haram riuscisse ad islamizzare la Nigeria, l’intero continente africano sarebbe in pericolo». Parla Oliver Dashe Doeme, vescovo di Maiduguri

Tratto da Acs «Crediamo fermamente che Buhari possa mettere fine alle sofferenze dei nigeriani». Monsignor Oliver Dashe Doeme, vescovo di Maiduguri, ha espresso fiducia nel nuovo presidente della Nigeria durante un incontro con rappresentanti dell’Unione europea, organizzato da Aiuto alla Chiesa che Soffre lo scorso fine settimana a Bruxelles.

L’iniziativa è stata promossa nell’ambito della collaborazione tra Unione europea e Aiuto alla Chiesa che Soffre, che ha visto svolgersi a Bruxelles e a Roma altri colloqui tra le istituzioni europee e alcuni testimoni delle Chiese in difficoltà, quali quelle di Pakistan, Egitto e Siria.

Per il presule il carattere «inaspettatamente pacifico» delle recenti elezioni, prova il desiderio di cambiamento insito nella popolazione. «Il presidente uscente Goodluck Jonathan – ha spiegato – ha mostrato una particolare sensibilità, ritirandosi ancor prima che la sconfitta fosse ufficiale. In questo modo la delicata transizione non ha destabilizzato l’intero paese».

La prima sfida che il nuovo Capo di Stato dovrà affrontare è ovviamente quella della sicurezza, specie nel nordest a maggioranza musulmana, dove il governo di Abuja è praticamente assente e dove negli ultimi anni le autorità locali hanno instaurato relazioni con Boko Haram, con il preciso intento di rovesciare il presidente cristiano Jonathan. «I governi locali hanno così aperto un vaso di Pandora – ha affermato il vescovo – Se Boko Haram riuscisse ad islamizzare la Nigeria, l’intero continente africano sarebbe in pericolo. E dopo l’alleanza con lo Stato Islamico, l’intento di creare un califfato nel nostro paese è evidente».

Tuttavia nelle ultime settimane l’esercito nigeriano è riuscito a sferrare qualche colpo alla setta islamista, grazie al sostegno di una formazione congiunta composta da soldati degli eserciti di Ciad, Niger e Camerun. «La task force ha chiuso le vie di fuga che permettevano ai terroristi di riparare nei paesi confinanti. La facilità con cui si sono ottenuti questi risultati pone però molti interrogativi sugli sforzi del passato. Perché dei progressi raggiunti in alcuni mesi, sono costatati sette anni di violenze e spargimenti di sangue?».

Secondo il presule Boko Haram ha mietuto più di 11mila vittime e causato oltre mezzo milione di sfollati interni. «In ogni villaggio catturato, gli estremisti hanno obbligato i ragazzi ad arruolarsi con loro e costretto le ragazze a convertirsi e sposare membri della setta. Gli anziani invece sono stati lasciati a morire di fame».

Le violenze hanno gravemente colpito la diocesi di Maiduguri, capitale dello Stato nord-occidentale di Borno. Oltre 70mila fedeli sono fuggiti e 250 chiese sono state rase al suolo. «Dopo gli ultimi successi militari – ha detto monsignor Doeme ai rappresentanti del Parlamento europeo – gli sfollati iniziano a far ritorno alla proprie case. Ma le trovano vuote. I villaggi sono stati saccheggiati, gli animali rubati e i raccolti distrutti. Le nostre necessità sono immense».

Per sostenere l’opera di assistenza ai rifugiati della Chiesa locale, nel 2014 Aiuto alla Chiesa che Soffre ha donato alla diocesi di Maiduguri oltre 45mila euro. Il contributo totale offerto dalla fondazione pontificia alle 56 diocesi nigeriane è stato di oltre un milione di euro.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Leo scrive:

    I vescovi nigeriani sanno bene chi devono ringraziare per i loro problemi :

    Da Il Sussidiario del 20 febbraio 2015 :

    Se la Nigeria non cambierà la sua legislazione a proposito di omosessualità, pianificazione familiare e controllo delle nascite gli Stati Uniti non aiuteranno il paese africano a combattere i terroristi islamici di Boko Haram che stanno insanguinando la nazione. A dire così è Emmanuel Badeyo, vescovo nigeriano di Oyo, nuovo presidente della comunicazione dei vescovi africani. Intervistato dal sito Aleteia mentre si trovava a Roma, il vescovo ha parlato di “colonizzazione ideologica” come ha anche detto il papa a proposito delle pressioni americane per distruggere la famiglia. I paesi occidentali, ha detto ancora, sono intenzionati a fare di tutto per ridurre la popolazione africana: “L’Africa sta soffrendo grandemente di un imperialismo culturale che minaccia di erodere i nostri valori culturali” ha detto. La civiltà occidentale, ha aggiunto, “è una civiltà malata perché capace di guardare morire migliaia di persone in Nigeria e girarsi dall’altra parte”. Per quanto riguarda Boko Haram, il vescovo accusa decenni di corruzione e cattiva politica nigeriana per la sua nascita e sviluppo, un malgoverno che ha lasciato i giovani senza alcuna fiducia e speranza nel futuro tanto da finire vittime della propaganda dei fondamentalisti islamici. All’interno di Boko Haram, ha infine detto, ci sono elementi che provengono da altri paesi islamici, chiaramente connessi con Isis.

    • yoyo scrive:

      Quel che dici in questo caso è vero, ma chi i vescovi nigeriani devono ringraziare sono le lobby gay, che spadroneggiano nella amministrazione Obama, ma anche al ONU ed in altri organismi internazionali. Quindi, ancora una volta, un antiamericanismo a priori si rivela un boomerang. Gli Stati Uniti sono anche altro e di meglio di quella parte incarnata dal attuale governo. Ma questo voi islamisti non lo capirete mai.

    • Angelo scrive:

      @Leo

      Aggiungo quest’altra testimonianza di un altro vescovo degno di questo nome. Sempre più mi convinco che attualmente il pericolo più grande viene dall’occidente.

      da Il Sussidiario 10 aprile 2015

      Parole dure, non è la prima volta, quelle di monsignor Abegunrin, arcivescovo di Ibadan in Nigeria. In occasione di un incontro con la stampa, l’alto prelato ha nuovamente accusato l’occidente, Stati Uniti e Unione europea di cultura imperialista nei confronti del suo paese e dell’Africa in generale, protestando contro quella che ha chiamato imposizione nel promuovere aborto, omosessualità e confusione transgender. I diritti sessuali e riproduttivi, ha detto, sono solo un eufemismo per aborto, pianificazione familiare artificiale e cultura della contraccezione. Tale propaganda, ha aggiunto, “si sta facendo strada nel sistema educativo nigeriano da parte di lobby ben finanziate”. L’arcivescovo ha anche condannato il traffico di esseri umani, la prostituzione, la procreazione artificiale e il traffico di organi ed embrioni umani. Infine ha voluto ricordare ai nigeriani di continuare a sostenere la dignità umana della vita dalla concezione alla morte naturale, chiedendo che l’attuale legislazione in vigore dal 2013 nel suo stato, quello di Imo, che favorisce l’aborto, venga abrogata.

      • yoyo scrive:

        Vediamo le stesse cose, ma con letture di fondo profondamente diverse. Io tifo per una nuova amministrazione Usa di segno opposto, voi per la caduta del Occidente.

  2. yoyo scrive:

    No, voi volete il male dei popoli che governano, perchéin fin dei conti non volete il bene neanche degli arabi.

  3. Raider scrive:

    Yoyo, è inutile che gli dice “voi”, è uno solo, che duetta con se stesso: lo stile, il linguaggio, il metodo copincollista, sono identici e parlano da soli. E’ un caso di scrittura automatica e di paranoia autistica. E il multinick non trova di meglio che accusare delle politiche improntate al Pensiero Unico e imposte da agenzie internazionali e governi alla mr. Obama chi non la pensa come i filo-islamici, per es., sulla libertà di religione, che vuol dire libertà di conversione o apostasia rispetto alla “religione naturale dell’umanità”; ma gli esempi potrebbero continuare. Tralasciando di proposito che gli stessi centri di potere internazionale impongono allo stesso modo l’immigrazione e l’islamizzazione dell’Occidente, a cominciare dalla stessa America che, in alcuni Stati, già bandisce il Natale, ma santifica e onora il Ramadan. Su questo, i filo-islamici, per vietarsi imbarazzi, non si pongono neppure una sola domanda: e si capisce anche perché.
    La cosa che, comunque, spiega quanto ci sia da prendere sul serio le buffonate del multinick, del tutto in linea con l’Islam di cui è il dhimmi di riferimento su questo sito, è la pretesa di fare dell’Islam il modello del Cristianesimo: e insomma, di farne il vero Cristianesimo, come Maometto gli ha insegnato facendo – per non usare altri termini – di Cristo il precursore del “Sigillo dei Profeti.” Che si possa combattere il Pensiero Unico e il monoteismo islamico così trendy presso le alte sfere finaziarie, politiche, culturali, è una cosa che dà molto fastidio agli islamofili. Ma proprio perché cristiani occorre combattere il nichilismo materialista, politicamente corretto, massonico in tutte le sue forme – e non c’è complotto che tenga: anche le trame concordate nell’ombra devono uscire alla luce del sole, diventando programmi di governo, realtà storiche, scelte politiche: e noi le combattiamo come tali – e la trasformazione dell’Europa in Eurabia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana