Google+

Nigeria, altri novanta morti. Cinquanta carbonizzati in una chiesa. «Un genocidio»

luglio 9, 2012 Redazione

Weekend di sangue in Nigeria. Si contano oltre novanta morti tra civili, terrorristi e militari. In una chiesa del villaggio di Matsai sono stati trovati oltre cinquanta corpi carbonizzati.

Sono più di quaranta le vittime degli attentati che sabato hanno colpito alcuni villaggi attorno a Jos. Non si contano i feriti. È solo l’ultimo di una trafila di attentati di etnie nomadi musulmane che, in aperto conflitto con le autorità religiose della fascia meridionale della Nigeria, ad oggi contano più di trecento vittime, altrettanti sequestri e un una cifra incalcolabile di feriti. Tuttavia, se finora gli attentati erano stati rivendicati in gran parte dal gruppo islamico Boko Haram, quello di sabato aveva un altro mandante: i pastori di etnia fulani, una tribù nomadica che si estende dall’Atlantico fino al Mar Rosso. Ieri, altri blitz hanno causato la morte di novanta persone, e hanno convinto le autorità centrali a mobilitare una task force dell’esercito.

Tra le vittime un senatore federale, Gyang Datong, e il leader della maggioranza del parlamento locale, Gyang Fulani. Entrambi cristiani, sono stati ammazzati a sangue freddo mentre partecipavano a un funerale collettivo per le vittime degli altri attentati. Decine di fulani hanno attaccato con fucili mitragliatori raffinati e machete. «Alcuni di loro – spiega alla Reuters Mustapha Salisu, uno dei capi delle forze speciali – indossavano uniformi della polizia e giubbotti antiproiettile». Ieri, in una chiesa del villaggio di Matsai, all’estremo nord della Nigeria, sono stati trovati oltre cinquanta corpi carbonizzati.

Dure le critiche, rilasciate al Corriere della Sera, da parte di Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos: «Le autorità non fanno nulla per difendere i villaggi e la gente inerme. Non c’è protezione militare né  sicurezza, nessun lavoro di intelligence». Ed esemplifica: «Il male di tutto, in Nigeria, è la corruzione. Basta pagare e si ottiene tutto, anche la garanzia di ammazzare impunemente», invece «occorre metter fine alla corruzione e garantire migliori condizioni di vita della gente».

Anche Maurizio Lupi, vice presidente del Pdl alla Camera dei deputati, fautore, insieme a Franco Frattini, Andrea Riccardi e Walter Veltroni, di un appello per la mobilitazione, interviene in merito alle vicende africane: «Dalla Nigeria arriva la notizia dell’ennesimo attacco a villaggi cristiani e almeno novanta vittime si aggiungono al tragico bilancio di quello che, ormai a tutti gli effetti, è un genocidio. Ormai è chiaro che le istituzioni internazionali non possono perdere altro tempo prezioso. Occorre intervenire. Come Parlamento, in costante rapporto con il governo attraverso il ministro degli Esteri, siamo impegnati perché ciò avvenga. Dobbiamo fermare i massacri».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Fabio says:

    Al mondo occidentale filo-liberista non interessano i diritti umani. In occidente la vita stessa delle persone è considerata ormai un semplice oggetto di consumo.
    Hollande, Merkel, Obama… dove sono?
    Se non c’è di mezzo il petrolio o altri interessi tutti questi signori non si muovono… La violenza contro la vita dei cristiani della Nigeria resta per loro una realtà insignificante…
    Eppure è proprio questa mentalità massonica filo-liberista che ha portato l’Europa e l’Occidente al tracollo economico e ha condotto molte famiglie sul lastrico.
    Non è il caso che anche noi cittadini europei iniziamo a prendere coscienza che solo mettendo la dignità della persona al centro della politica si può veramente fare qualcosa per il bene comune?
    E’ quindi necessario fare pulizia nei governi occidentali attraverso il voto democratico ed occorre una vasta opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica attraverso internet…

  2. Alessandro says:

    Quando ci troveremo faccia faccia con Cristo ognuno sarà responsabile dei propri atti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download