Google+

Nigeria. Almeno 13 mila chiese bruciate dal 2000, 11.500 cristiani uccisi in otto anni

febbraio 25, 2016 Redazione

È questo il bilancio della violenza religiosa che colpisce i cristiani nel paese, secondo un approfondito rapporto di Open Doors/Porte Aperte

nigeria-dati-cristiani4

Almeno 11.500 cristiani sono stati uccisi tra il 2006 e il 2014, dal 2000 1,3 milioni sono stati costretti ad abbandonare la propri casa e 13 mila chiese sono state bruciate o rase al suolo. È questo il bilancio della violenza religiosa che colpisce i cristiani in Nigeria, secondo un approfondito rapporto di Open Doors/Porte Aperte.

NON SOLO BOKO HARAM. I fedeli nigeriani sono oggetto di attacchi e attentati soprattutto nel nord della Nigeria, a prevalenza musulmano, ma anche negli Stati della fascia centrale del paese. Non è solo l’islam radicale, e soprattutto Boko Haram, a causare le violenze ma anche «allevatori musulmani Hausa-Fulani e l’élite musulmana politica e religiosa del nord sono attori principali della violenza».

SHARIA IN 12 STATI. La Nigeria è un paese laico, la libertà di pensiero, coscienza e religione è garantita, ma nel nord, dove i cristiani rappresentano il 31 per cento della popolazione, la maggior parte degli Stati (12) ha adottato la sharia, rendendo la vita più difficile alle minoranze religiose, e anche negli Stati centrali dove la legge islamica non è stata approvata formalmente ci sono posizioni di potere che rendono la vita difficile agli “infedeli”. Secondo il rapporto, gli elementi scatenanti della violenza sono: protezione degli interessi a rischio dell’identità musulmana e della posizione “legittimata” dell’islam nel nord.

ALLEVATORI-AGRICOLTORI. In molti stati centrali della Nigeria la violenza è causata dalla migrazione degli allevatori musulmani Fulani in cerca di terra per il loro bestiame a causa della desertificazione e della siccità. Al loro arrivo, gli agricoltori cristiani o vengono uccisi o sono costretti con la forza ad abbandonare le loro terre. Centinaia di cristiani ogni anno muoiono in scontri simili.

nigeria-dati-cristiani3

DISCRIMINAZIONE. Anche la discriminazione religiosa è diffusa. I cristiani Hausa sono considerati coloni negli stati della sharia, se convertiti all’islam diventano indigeni con accesso alla terra e ai diritti politici. Inoltre, in tutta la Nigeria del nord, sia negli stati della sharia che in quelli della fascia centrale, è difficile essere promossi al lavoro, accedere alle borse di studio, a cure mediche, alle cliniche e agli ospedali del governo se non si è musulmani. Il dominio dei musulmani in politica, economia, cultura e media nel nord sta aumentando la pressione sui cristiani per convertirsi.

CRESCE LA FEDE. Di conseguenza, secondo il rapporto che ha condotto anche un sondaggio tra la popolazione, l’80 per cento dei cristiani ha visto peggiorare i propri sentimenti verso i musulmani. Il 66,6 per cento ha registrato una diminuzione delle attività delle chiese. L’80 per cento degli intervistati, però, ha affermato di sperimentare durante gli attacchi maggior fede e solidarietà nella Chiesa.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Amnesy Internescional. What else?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana