Google+

Clamorosa Merkel: «Se lo Stato italiano non paga le imprese, non si aspetti da loro onestà fiscale»

giugno 10, 2013 Redazione

Altro che rigore, secondo la Stampa la cancelliera starebbe spingendo Italia e Francia a fare subito le riforme per la crescita. Con argomenti sorprendenti

Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi potrebbe ritrovarsi a combattere la sua battaglia per il pagamento dei crediti statali alle aziende fianco a fianco con un alleato nuovo e determinante. Nientemeno che la cancelliera Angela Merkel. Secondo la ricostruzione di «un alto funzionario tedesco» proposta oggi dalla Stampa, infatti, la signora del rigore «“da un anno e mezzo” sprona a pagare gli arretrati alle imprese, ne ha parlato sia con Mario Monti che con Enrico Letta. “Sono 70 miliardi che dovete a piccole e medie aziende, è una questione di credibilità”».

CHI È IL FURBETTO? Soprendente il ragionamento che secondo la Stampa Frau Merkel avrebbe svolto davanti ai colleghi italiani. Non solo perché lei per prima avrebbe accantonato le preoccupazioni su possibili sforamenti del tetto del deficit pubblico in seguito alla restituzione dei miliardi dovuti («Si tratta si una spesa una tantum e possiamo spiegarla ai mercati globali», avrebbe assicurato la cancelliera). Ma soprattutto per la “filosofia” che avrebbe esibito agli attoniti Monti e Letta: «Non è possibile convincere le imprese a essere oneste con l’erario quando lo Stato stesso non onora i propri arretrati». Anche Angela amica degli evasori fiscali?

MAI SENZA ROMA E PARIGI. La paura di Berlino, spiega la Stampa, è che l’Italia e la Francia non riescano ad aprofittare di questi mesi di bassi tassi di interesse per fare le riforme di cui hanno bisogno, e quando il denaro sarà più caro «non si saprà come agire sull’economia e mantenere allo stesso tempo il deficit sotto il 3 per cento del Pil». Secondo il quotidiano torinese, insomma, anche la Germania abbandona la strada a senso unico dell’austerità e svolta in direzione crescita. «La cancelliera vuole riaccendere il motore antirecessivo e vuole essere in prima fila nel farlo. “Abbiamo bisogno d’una Francia competitiva”, dicono negli uffici sulla Sprea. La Merkel crede che, “seppure Grecia, Spagna e Portogallo dovessero restare indietro, in qualche modo possiamo farcela”. Tuttavia “senza l’Italia sarebbe molto difficile e senza Parigi impossibile”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. francesco taddei says:

    già e chi glielo spiega ai direttori generali dei ministeri, che dei ministri se ne fregano?

  2. marzio says:

    La merkel adesso fa la filantropa, ma uno dei problemi dell’ Italia è stato proprio l’operato dei governi tedeschi da kohl.in poi, Il suo incluso. La merkel può incantare chi non la conosce.

    • ragnar says:

      Beh qualcuno che evidentemente la conosce l’ha definita “signora decisamente corpulenta con la quale é obiettivamente impossibile giacere” (l’eufemismo é piú che ovvio).

  3. Silvio says:

    La Merkel scopre l’acqua calda che Monti e Letta non hanno ancora scoperto a loro volta.
    Certo che chi è inadempiente, esoso, ingiusto, retroattivo (cioè non rispetta i patti giuridici) non può pretendere che gli altri siano onesti e puntuali.

  4. Nino says:

    Questa serva del Gruppo Bilderberg e massonerie varie non la finirà mai di spadroneggiare in casa nostra?

    Prima ci dissangua con il rigore e ora ci prende per il **** sulle troppe tasse.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download