Google+

Mensa obbligatoria a scuola? No, grazie

luglio 19, 2017 Giacomo Bandini

Una proposta di legge in Senato mira ad abolire la libertà di scelta tra la mensa scolastica e la “schiscetta”. L’ennesimo, dispotico esercizio di paternalismo statale

mensa-scuola-ansa

C’è un ddl in discussione al Senato che vuole togliere la libertà ai cittadini di scegliere o meno un servizio ed eventualmente di risparmiare un po’ di soldi (che dal 2007 in poi, male non fa). Nel testo, la cui relatrice è la senatrice del Pd Angelica Saggese, viene introdotta l’obbligatorietà per gli scolari che frequentano il tempo pieno di usufruire del servizio mensa, ovviamente a pagamento.

Questa previsione, al vaglio della commissione Agricoltura del Senato, non tiene peraltro conto che il tribunale di Torino nel 2016 aveva dato ragione a 58 famiglie che reclamavano la possibilità per i propri figli di portarsi da mangiare a scuola da casa, senza dover per forza consumare il pasto preparato dal servizio mensa. Un giudice era stato chiamato a rimediare all’operato del legislatore, intervenendo a tutela delle libertà individuali e garantendo il pieno compimento della libera scelta.

Quella vittoria ottenuta dalle famiglie torinesi fu, in realtà, un successo di tutti i cittadini contro l’ennesima ingerenza dello Stato nella loro sfera privata. Più volte infatti abbiamo assistito ai tentativi da parte delle istituzioni di imporre usi e consumi dall’alto. Da ultimi numerosi ricorsi alla leva fiscale o alla gogna politico-mediatica per scoraggiare abitudini o promuovere stili di vita con pessimi risultati, come i casi dell’olio di palma e delle bevande zuccherate ci hanno ampiamente dimostrato.

Su questo atteggiamento statalista e dispotico esiste una letteratura folta sia in filosofia sia in economia. Con il termine paternalismo infatti si usa indicare una forma di giustificazione addotta da chi detiene il potere per perpetrare le proprie finalità di tutela e guida verso soggetti considerati deboli, vulnerabili e dalla razionalità limitata. Come scriveva il filosofo del diritto Gerald Dworkin: «È una delle ragioni che qualunque potere, sia esso allo stato nascente o consolidato, può invocare per farsi riconoscere e accettare, per costruire o rafforzare la propria legittimità». Questa smania della politica italiana di seguire la filosofia del nanny state, anglicismo che indica l’atteggiamento da balia dello Stato verso i propri cittadini, viene ormai calata sempre più spesso nella produzione legislativa con l’unica conseguenza di provocare irritazione e naturale repulsione nei cittadini.

Nel caso della sentenza di Torino del 2016, il ministero della Salute aveva considerato il ricorso delle famiglie al tribunale un preoccupante atto che va contro l’universalità del servizio mensa e la funzione pedagogica, sociale e di educazione alimentare di cui è portatrice. Oggi il Partito democratico, con questo articolo di legge sostenuto dalla senatrice Saggese, dimentica che le libertà individuali dovrebbero essere il vero fine da perseguire e senza la tutela di esse non esisterebbe la democrazia liberale in cui ci fregiamo di vivere e di cui esaltiamo e difendiamo i princìpi fondamentali a intermittenza.

La speranza, in questo caso, è che qualcuno nel partito di maggioranza si ravveda prima di proseguire con questo inutile atteggiamento moralista, altrimenti saremo costretti ad assistere all’ennesimo intervento del potere giudiziario che, di questi tempi, si sta occupando fin troppo di porre rimedio alle incapacità del legislativo. Oppure ci troveremo di fronte all’ennesima protesta in stile “vaccini”. E, sinceramente, non se ne sente affatto il bisogno.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download