Google+

Medjugorje. In attesa che la Chiesa si esprima, il Fatto ha già «convertito» il Papa

giugno 11, 2015 Correttore di bozze

Un sociologo ateo prova a spiegare perché «lo spirito del Vangelo» impone al Pontefice di censurare queste «forme retrive della religiosità popolare tradizionale»

papa-francesco-medjugorje-fatto-quotidiano-kSi sa che il Correttore di bozze è uno spregevole imbrattacarte prezzolato, si erge a paladino della dottrina più per servilismo che per convinzione, è il juke box del clero che sbarca il lunario opprimendo le anime libere, ma in fondo crede assai poco in quel che scrive. Tanto poco che lui stesso, cinico e amorale com’è, a volte prova un poco di invidia verso i colleghi che sanno invece dar prova di un convinto, limpido, integrale fanatismo religioso. E in questo di solito i professionisti dell’ateismo militante bagnano il naso a tutti.

Il professor Marco Marzano, per esempio, è un ateo dichiarato che crede a sé molto più di quanto un qualsiasi prete potrebbe credere in Dio. Celebre per accanirsi con appositi libri e “indagini sociologiche” su quella che egli stesso ritiene essere ormai una Chiesa cadavere, Marzano ha scritto ieri per il Fatto quotidiano un articolo al limite dell’infoiato a commento delle parole di papa Francesco su Medjugorje. Titolo: “Medjugorje, la conversione scettica del Papa”. Notare il termine “conversione”.

A dire il vero, il Pontefice nell’omelia a Santa Marta in questione non ha mai pronunciato la parola Medjugorje, ma perfino quel babbeo del Correttore di bozze è riuscito a cogliere il riferimento implicito. A volte – ha detto il Santo Padre secondo quanto riportato dall’Osservatore Romano – «cerchiamo Dio “con queste spiritualità cristiane un po’ eteree, ariose”. Tanto che, ha affermato il Papa, “ci sono degli gnostici moderni e ti propongono questo, questo: no, l’ultima parola di Dio è Gesù Cristo, non ce n’è un’altra!”. “Su questa strada”, ha proseguito Francesco, ci sono anche “quelli che sempre hanno bisogno di novità dell’identità cristiana: hanno dimenticato che sono stati scelti, unti, che hanno la garanzia dello Spirito, e cercano: ‘Ma dove sono i veggenti che ci dicono oggi la lettera che la Madonna ci manderà alle 4 del pomeriggio?’. Per esempio, no? E vivono di questo”. Ma “questa non è identità cristiana. l’ultima parola di Dio si chiama Gesù e niente di più”».

Fin qui, il Papa.

Poi c’è la Chiesa, che è guidata dallo stesso Papa di cui sopra, e che dall’alto della sua saggezza millenaria sa che un fenomeno come Medjugorje va trattato con tutta la cautela possibile, e se da una parte dispone indagini approfondite prima di esprimersi sulla “consistenza soprannaturale” o meno delle presunte apparizioni della Madonna in Bosnia (vedi per esempio questo articolo di Avvenire che spiega bene i criteri di valutazione seguiti dalla commissione istituita da papa Benedetto XVI per investigare sul caso, e sul cui lavoro Bergoglio si pronuncerà secondo alcuni entro il mese corrente), dall’altra però, nell’attesa, ammonisce con decisione che «i chierici e i fedeli non possono partecipare ad incontri, conferenze, o celebrazioni pubbliche in cui la credibilità di queste “apparizioni” venga data per certa» (vedi il richiamo ufficiale fatto giungere un anno e mezzo fa ai vescovi americani dalla Congregazione per la dottrina della fede).

Poi c’è il Correttore di bozze, che dal fondo della sua fede sciatta si tiene stretti tutti i suoi dubbi come preziosi bitorzoli sulla capoccia spelacchiata, e tuttavia conosce tanta brava gente che a Medjugorje ci è stata ed è tornata a casa comunque migliore di tanti sociologi atei.

Poi, infine, c’è il professor Marzano, che è appunto un sociologo ateo ma in quanto a verità ne ha in tasca più lui di un sedevacantista. E tra l’altro sono spesso minchionate.

papa-francesco-medjugorje-fatto-quotidiano-wojtylaScrive il sociologo: «Se la sentenza vaticana definitiva su Medjugorje fosse la bocciatura che questo passaggio dell’omelia di Francesco sembra evocare saremmo davvero di fronte ad una grandiosa novità storica, alla chiusura di una stagione contrassegnata dal favore vaticano verso le forme più retrive della religiosità popolare tradizionale, verso quella spiritualità miracolistica, sensazionalistica, in generale magica che piaceva tanto a Giovanni Paolo II». Il quale Giovanni Paolo, ottuso com’era, ha pensato male di prendere «la religiosità popolare, in tutte le sue forme», e di farne «un alleato irrinunciabile nella lotta quotidiana combattuta dalla Chiesa Cattolica contro la secolarizzazione e la scristianizzazione del continente europeo». Mentre se avesse avuto l’avvedutezza di ascoltare un furbone come Marzano magari adesso non saremmo tutti qui a rimpiangere i fulgidi esempi di modernariato che furono le democrazie sovietiche.

Ancora: «Se su questo delicatissimo versante Francesco invertisse la rotta saremmo dinanzi ad una Chiesa Cattolica che finalmente non si spaventa dei “segni dei tempi”, del cambiamento religioso del nostro tempo e che anzi immagina di poterci convivere serenamente, ribadendo il proprio messaggio e rifiutandosi di arruolare forze che provengono da un passato oscuro e premoderno. Forze che, facendosi agio dei bisogni emotivi di tanti, evocano la magia e la superstizione, rischiando di manipolare le coscienze dei più ingenui e allontanandosi così dallo spirito del Vangelo». Laddove lo spirito del Vangelo, ben inteso, di per sé sarebbe invece assolutamente in linea con l’ateismo sociologico moderno, a parte un paio di resurrezioni e una camionata di altri fatterelli “miracolistici”, e il professor Marzano ne è certamente un interprete migliore di qualunque esponente dell’infida “religiosità popolare”.

Cosa deve aspettarsi dal Vaticano, dunque, un insulso correttore di bozze sul caso Medjugorje? Chissà. La «bocciatura» totale in cui spera il prof Marzano? Un’approvazione acritica? Oppure una via di mezzo, per lasciare aperta la categoria della possibilità (del resto il fenomeno sarebbe ancora in corso) e insieme censurare gli atteggiamenti effettivamente strambi di certi “medjugorjani”? Forse. Così dicono. Boh. Però nel frattempo, se il Correttore di bozze non fosse l’inutile se stesso che è ma un colto professore ateo, pur con tutti i dubbi del caso si asterrebbe dal battezzare con disprezzo l’intera baracca come «miseri brandelli culturali di un antico mondo incantato». Scusi, ma chi è lei per giudicare? Il sommo pontefice? O sarà mica il tizio invasato che manda tutti i giorni una lettera alla Madonna alle 4 del pomeriggio per spiegarle come apparire più moderna?


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

35 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Buongiorno, lasciatemi mormorare un poco, a quanto pare oggi è il vizio un po’ di tutti che va per la maggiore! Ne dico tre, tre punti brevi, una piccola premessa, un po’ lungotta.
    Premessa. Chapeau a tutti i veggenti che fin dall’infanzia han dovuto sopportare fiumi di persone (grazie ai quali si son santificati) con pregi e difetti (milioni?) che là si son recati -non senza sacerdoti- a trovar pace e a PREGARE, a DIGIUNARE;quindi se non si son sentiti cadere la terra sotto i piedi ai tormenti dei comunisti e dei fedeli, non se la sentiranno di certo cadere per certe ostilità attuali…sereni fino alla morte!;loro il Paradiso ce l’hanno già dentro e sanno per certo che la Signora che vedono da oltre 30 anni non è una sconosciuta di passaggio..vanno in ESTASI!! (cercare il significato della parola estasi, per cortesia.
    1 – Se Medjugorje è opera del demonio la Chiesa non può che ringraziarlo: i fedeli che rispondono al prete in chiesa son stati quasi tutti a Medjugorje (e se possono ci tornano): e una volta tramontate tutte le teste bianche che là non si son recati (o che delle apparizioni a Medjugorje se ne sono infischiati-sorella morte, diceva San Francesco,è una ruota che gira, si sa), rimarranno solo quei fanatici malmessi.
    2 – Non è vero che la Madonna non dà gli appuntamenti, a Fatima aveva fissato LEI il tredici di ogni mese alla collina, ma si può vedere anche nelle altre riconosciute dalla chiesa, e dava anche delle direttive :”che si venga in processione” (Lourdes): non è la Regina del Cielo e della Terra? Allora le Regine son regine, fan quel che vogliono, loro regnano,punto. E i tempi son quelli che sono, ed è l’epoca dei cellulari e dell’elettronica..se appare tutti i giorni, DEO GRATIAS!!, io son solo felice!
    3 – Lo sappiamo tutti che non brilliamo di santità ma ce la stiamo mettendo tutta (grazie per averci giudicati, pensavamo che il giudice fosse Uno solo!, perchè un conto è dare delle indicazioni e avere pareri, un conto è puntare il dito e sentenziare…).
    Un poco offensiva? Ho cercato di fare del mio meglio.
    Distinti saluti. Regina della Pace, ora pro nobis et pro Ecclesia.

    • Orazio Pecci scrive:

      Amen e sottoscrivo.

    • Antonio scrive:

      Concordo. La Madonna sta venendo perchè c’è una certa urgenza e proprio per rimandare a Suo Figlio! Beati quelli (secondo me) che la ascoltano, leggono tutti i suoi messaggi e li mettono in pratica. Il resto son parole, di chi vuol minimizzare certe “cose”, perchè non ci CREDE (o non si impegna a capire le circostanze che l’hanno GENERATO)! c’è bisogno di più semplicità (in senso evangelico!) e più fede!

    • giovanni scrive:

      …..e poi, è ammesso ironizzare su tutto e tutti anche sulla Madonna… ma un po di ironia su coloro del “chi sono io per giudicare” no? No! Quelli vanno rispettati, loro soffrono, e poi finisce che ti accusano di omofobia e questo non va bene!

  2. L.R. scrive:

    Medjugorje è l’imbroglio mondiale con il quale un gruppo di ciarlatani si è arricchito alle spalle di tante persone sofferenti.

    • Giorgio scrive:

      Convertiti.

      • L.R. scrive:

        Eh, sì, aspetti che mi “converto” a quello che vuole lei! Io non sono credente e mi va benissimo così, le balle dei ciarlatani e delle varie religioni non mi interessano.

        • SUSANNA ROLLI scrive:

          Faccia quel che vuole, ma non giudichi gli altri, per favore..Qualcuno è venuto a prenderla per trascinarla in chiesa? Penso di no. Qualcuno della Chiesa le ha bussato chiedendole denaro? Può darsi, ma nessuno l’ha obbligata. Quindi, stia sereno, la saluto di cuore.
          Tempi non e La Repubblica equesto in particolare è un articolo che parla di Fede, se lei non ce l’ha pazienza, ma stia calmo e non spari, grazie.

          • L.R. scrive:

            Ancora lei? Ma chi l’ha cercata? Io ho solo commentato l’articolo e ho risposto a un’altra persona, non a lei. Stia calma lei, casomai. Contraccambio i suoi saluti di cuore.

            • giorgio scrive:

              Convertiti.

              • L.R. scrive:

                No, dico, l’italiano lo capisce? O forse le si è incantato il disco? “Convertiti, convertiti”: ma ci fa o c’è? Io non mi converto affatto alla sua fede. Si converta lei al mio ateismo: le piace? Non ho capito con quale diritto lei pretenderebbe che una persona, della quale oltretutto non sa nulla, si convertisse alla fede che garba a lei. Anche i musulmani vorrebbero che tutto il mondo si convertisse all’Islam. Eh no, grazie tante. Ognuno si tenga la sua fede e lasci che gli altri facciano liberamente le loro scelte. Come ognuno vive la sua vita e se crede o non crede in una religione è affare suo, non riguarda nessun altro. L’eventuale scelta di convertirsi a una fede spetta solo all’interessato e io non lo sono. La fede non mi interessa, io non sono credente e sto benissimo così. Non ho alcuna intenzione di convertirmi. “Convertiti, convertiti”: canta che ti passa!

        • Giannino Stoppani scrive:

          “Eh, sì, aspetti che mi “converto” a quello che vuole lei!”
          Se non ti vuoi convertire a quello che vuole Giorgio, almeno convertiti all’italiano.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Io ti regalerei -se l’avessi- il dente di Padre Jozo fattogli cadere con un pugno (leggiti la storia di tutto quel che è successo ai primissimi tempi!), così, come reliquia…Non glielo ha tolto il dentista! E tutto per difendere i sei ragazzi che si dicevano pazzi anti-regime. Parli di ricchezza..tu, mentre tutti hanno un tetto sulle spalle e un’auto sotto il sedere, godresti del fatto che a loro starebbe bene un bel gregge di pecore -ogni tanto salta su qualcuno che dice che Bernadette badava le pecore perchè era povera!-, pecore e capre da portare in giro sulle colline di Medjugorje?? Se poi per te il dio denaro vale piu’ del nostro Dio, sei fuoristrada; infatti, coloro che Lo hanno davvero incontrato -e sono parecchi- han mollato tutto! Ti dice qualcosa S. Antonio,S. Francesco (che pure si spoglio’ nudo, pernsa te), Padre Foucauld e tutti gli altri? Basta con ‘sta ricchezza, per favore!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Se ce l’avessi ti regalerei il dente che i comunisti hanno fatto cadere con un pugno a Padre Iozo solo perchè si era preso la briga di difendere i ragazzini -bambini che sfuggivano alle persecuzioni; così, come reliquia…Che razza di impostori, tutto ben architettato quei furbetti, tutto studiato a tavolino, le botte, la prigione, gli spilloni puntati -con tanto di foto ricordo- e chi eletrodi applicati sulle teste da psicologi e psichiatri..’mazza che razza di furboni!!

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        …e siccome “non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere e peggior sordo di chi non vuol sentire”, saluto tutti gli scettici, auguro loro un mondo di bene ma non intendo sprecare piu’ tempo, risorse (la luce per il computer) ed energie (le mie fisiche, mentali e spirituali) per cercare di spiegare a sordi e a ciechi; semplicemente perchè lo considero tempo perso. God bless everyone.

  3. yoyo scrive:

    Ricordiamoci comunque che, qualunque cosa verrà detta sulle apparizioni, non è Medjugorjie il cuore della rivelazione cristiana, riguardo anche il mistero di Maria.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Sì, sì, lo sappiamo: come so per certo che quelli che si son formati spiritualmente là continueranno ad andare, ne son certa, qlsiasi verdetto esca: cio’ che non nuoce, avvantaggia.Se ogni tanto salta su qlcuno che spara a zero sui fatti e sulle persone (i veggenti, poverini!) non mi dispero -avessero almeno il coraggio di dirle in faccia agli interessati le cose e non nascondersi dietro a due lettere maiuscole!; mi rattrista molto, invece, il fatto che nella chiesa (non mi riferisco propriamente a coloro che se ne devono doverosamente e per obbedienza occupare, fanno il loro dovere!) in tante anime cristiane aleggi -DOPO CHE PER TRENT’ANNI LA’ ci sia fermento e brulichio cristiano da ogni dove- un certo scetticismo che non saprei ben definirlo, scetticismo misto apatico-giudizioso-menofregoso- accidioso-sentenzioso e non so che, che mi fa venire una certa nausea..Quando, invece, ilmio cuore mi dice chiaramente che tutti potrebbero benissimo “leccarsi i gomiti”. Tutto qua.Dev’essere quel digiuno al mercoledì e al venerdi al quale ci invita la Mamma Celeste (presunta, per buona pace) che fa torcere un po’ il naso!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Yoyo, sì, e vero, è vero: avevo appena risposto ma non mi pubblicano..forse ne han fin sopra i capelli di me! Ciao

  4. AndreaB scrive:

    E’ proprio bello quest’articolo e sono belli molti commenti come quelli di Susanna Rolli… Mettono serenità, pace e allo stesso tempo sicurezza e forza nel cuore. Sì, è proprio vero, un modo banale quanto semplice per capire se una persona è in buona fede e’ vedere se parla e agisce per il suo ego o a costo di persecuzioni guadagnando solo sofferenza per testimoniare con Amore ciò in cui crede.
    Da alcuni altri commenti traspare invece arroganza mista a paura, forse più di se stessi che degli altri, ma soprattutto paura della verita’.

    Vorrei dire che alle persone le quali non accettano la verità perché sarebbe a loro troppo scomoda, le si può presentare dinnanzi la Verità stessa, ma essi si volgerebbero dall’altra parte fingendo di non vederla o, peggio ancora, autoconvincendosi di non vederla.

  5. stefano scrive:

    A parte quel che ha detto il professor Marco Marzano, condivido che non centra niente con quello che ha detto il papa, e’ pur vero che sinceramente le parole del papa screditano nei fatti Medjugorje, senza tanti rigiri ….

    Voglio anche essere ancora piu sincero … per la gente comune penso faccia confusione , tanto i messaggi della Madonna sono tutti incentrati su Cristo … si intende quindi che il caso Medjugorie e’ chiuso …. ?

    Cmq sia, grande papa Francesco, che dice in modo schietto cos’e’ la fede a tutti noi !

    • Giannino Stoppani scrive:

      Non mi prendete per sedevacantista, ma a me di un po’ troppo “schietto” mi pare ci sia solo il vino da messa tenuto nella sagrestia della cappella di Santa Marta…
      Che nostalgia di Ratzinger!

      • oikos31 scrive:

        Giannino Stoppani io diffido sempre della reale cattolicità di chi critica in modo più o meno velato il Papa

        Leggi di Più: Medjugorje, il Fatto «converte» papa Francesco | Tempi.it
        Follow us: @Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook

        • Giannino Stoppani scrive:

          Se ti riferisci alla reale cattolicità mia, fai più che bene a diffidare.
          Una curiosità: e della “reale cattolicità” di chi, come me, rimpiange Ratzinger che mi dici?

    • Dionige scrive:

      Chi è stato a Medjugorje e magari lì si è pure convertito sa la pace interiore che ha provato e prova. Non c’è bisogno d’altro, tutto il resto è nulla..

  6. Cisco scrive:

    Dopo le performance del Matematico Impenitente/Impertinente non mi sorprendo più delle figuracce degli ateisti moderni, cioè dei Cagliostri de Noartri che hanno inventato l’esoterismo e la magia (infatti accusano la Chiesa di “caccia alle streghe) e che ora pontificano contro i pontefici accusandoli di praticare e giustificare la magia. Poveracci.

  7. oikos31 scrive:

    Giannino Stoppani io diffido sempre della reale cattolicità di chi critica in modo più o meno velato il Papa

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Oikos, lei può diffidare benissimo, ma mi lasci dire: non siamo mica burattini!! Io non posso piacerle a forza: posso esserle simpatica, posso piacele o meno, che vuol dire? Cio’ vale per tutti, indistintamente..Il Papa è il Papa, ma non è esente da critiche….è un umano!!..: alti pelati -pur con educazione- hanno preso le distanze da certe affermazione del S. Padre, senza per questo metterlo all’indice…Che facciamo, li scomunichiamo perchè hanno espresso il loro pensiero -neanche tanto velatamente? Io -come lei credo- ho una mia idea del Santo Padre che e non son tenuta a palesare….Prenda pure le distanze!

      • Giannino Stoppani scrive:

        E se sapesse che son toscano come Socci, santa Caterina, e un sacco di altri rompiballe…

  8. yoyo scrive:

    Da quel che ho capito, anche se si escludera la soprannaturalita, verrà comunque tutelato il bene oggettivo che chi va riconosce. Il cardine di un invito alla penitenza rimarrà la proposta del santuario.

  9. SUSANNA ROLLI scrive:

    Un sacco di errori nel mio articolo: la casa sulle spalle e doveva essere un tetto sulla testa, la terra sotto i piedi doveva venir meno e invece è caduta, ed anche tanti ortografici; ma si è capito lo stesso, do la colpa alla fretta, scusate.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana