Google+

Per Hollande la Marianna di Francia ha il volto di Inna Shevchenko, leader delle Femen

luglio 15, 2013 Irene Pasquinucci

Il nuovo francobollo dedicato al simbolo della Repubblica ha il volto della leader delle femministe in topless.

Il nuovo francobollo dedicato alla Marianna, simbolo della Francia laica e repubblicana, è stato svelato domenica all’Eliseo da parte di François Hollande che ha sottolineato come l’effige sia l’illustrazione della gioventù, priorità del suo mandato.
Questo francobollo è stato disegnato da David Kawena e Olivier Ciappa. Quest’ultimo aveva realizzato una mostra di fotografie, vandalizzata due volte a Parigi, in favore del matrimonio omosessuale, “Le coppie immaginarie”, in cui metteva in scena personalità famose come fossero coppie omosessuali o famiglie “omoparentali” fittizie.

Olivier Ciappa ha riconosciuto su Twitter d’essersi ispirato a «molte donne ma soprattutto Inna Shevchenko».

La Marianna è il volto della Francia sui francobolli dal 1944 ma questa tradizione risale alla Rivoluzione francese e rappresenta la permanenza dei valori. Una prima rappresentazione si può trovare nel quadro di Eugène Delacroix, “La Libertà che guida il popolo”. Dal 1969, l’Association des maires de France (AMF) sceglie una bellezza francese per personificarla ad esempio Brigitte Bardot, Catherine Deneuve, Laetitia Casta.
Hollande ha voluto ancora una volta ribadire il suo pensiero ideologico decidendo di associare il volto della Francia a un artista pro-matrimonio gay e alla leader del movimento Femen che, tra gli innumerevoli altri atti osceni e blasfemi commessi negli anni, il 12 febbraio 2013 aveva manifestato nuda dentro Notre-Dame per “festeggiare” le dimissioni di Benedetto XVI, al grido di “pope no more” e la legge Taubira sui matrimoni omosessuali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

17 Commenti

  1. Gi_Gi scrive:

    la somiglianza c’è eccome, non si può negare….

  2. giuliano scrive:

    la fobia contro il Papa è l’unica malattia che i sodomiti chiedono che sia tutelata come patrimonio dell’umanità. Il loro partito di riferimento si chiama SEL ovvero Sodomia e Libertà

  3. Cisco scrive:

    La Marianna e’ la versione laico-massonica della Madonna, anche l’ideologia della Republique ha i suoi dei e le sue dee, ma ha perso la più importante: la ragione.

    • TomC scrive:

      Incredibile… Non sapevo che esclamare “eh la marianna!” quando si viene colti da sgomento fosse un francesismo…

  4. Luigi scrive:

    A proposito delle femen, sapete chi è che le sponsorizza? Chi ne sovvenziona il movimento? Chi le paga lautamente? Ecco, sarebbe interssante abbinare quel nome ai discorsi sulla libertà, uguaglianza e, sopratutto, fratellanza.
    C’è una tecnocrazia che vuole cotruire una società umana di uguali, io preferisco vivere con i miei simili, anche se fratelli.

  5. Giuseppe scrive:

    io sono Cristiano cattolico ultimamente siamo considerati i peggiori ma vorrei esprimere un parere non da Cristiano ma da persona intelligente e dire: io non vorrei un presidente che mette i valori inalienabili di una coppia che e per natura e non per diritto o leggi dell’uomo che procrea per me da persona intelligente considero tale coppia un insostituibile patrimonio dell’uomo e della vita ecco vorrei un presidente che distingue tutto ciò da diritti civili che l’uomo riconosce con quello che può cambiare e quello che non può cambiare perché quando si toccano tali diritti e mi parlano che e democratico io ci vedo solo una verità distorta e ingannata che ci vogliono propinare come democrazia

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto della prima vettura Apple senza conducente potrebbe cambiare radicalmente. A Cupertino non verrà sviluppata un’auto vera e propria, bensì un software per la guida autonoma da dedicare ai modelli di più costruttori.

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana