Google+

Ma per stare in Europa, l’Italia deve adottare l’agenda gay?

febbraio 22, 2012 Redazione

Il ministro Elsa Fornero e uno strano convegno in cui si teorizza che i bambini vadano educati sin da piccoli a comprendere la normalità dei diversi orientamenti sessuali. L’obiettivo è quello di mettere in cantiere una legge sull’“omofobia”, sulla falsariga di quella inglese?

Elsa Fornero, ministro del Welfare (con delega alle Pari Opportunità), giovedì 16 febbraio, ha organizzato con l’Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) un convegno nella sala della presidenza del Consiglio dei ministri. Solo qualche quotidiano e i siti cattolici labussolaquotidiana.it e culturacattolica.it hanno dato un certo rilievo all’evento. 
Presenti al convegno, oltre al ministro e a Massimiliano Monnanni, direttore dell’Unar, anche il senatore Pietro Marcenaro, presidente della Commissione dei diritti umani del Senato, Diego Brasioli, presidente del Comitato interministeriale dei diritti umani del ministero degli Affari Esteri, e Filomena Fotia, delegata dal ministero dell’Istruzione. Ma la lista non finisce qui. I rappresentanti presenti al summit erano anche europei: Ralf-René Weingaertner, direttore del Directorate of Human Rights and Antidiscrimination del Consiglio d’Europa, un rappresentante dell’Osservatorio per la Sicurezza contro gli atti discriminatori. Con loro poi c’era una lista infinita di associazioni Lgbt.

Idea di sottofondo dell’incontro: i bambini vanno educati sin da piccoli a comprendere la normalità dei diversi orientamenti sessuali (il ministro ha ribadito l’idea più volte). Non solo, secondo i partecipanti gli omosessuali dovrebbero godere di maggiori protezioni nel mercato del lavoro e sul piano dei diritti. L’obiettivo è quello di mettere in cantiere una legge sull’“omofobia”, sulla falsariga di quella inglese.

Che questo sia il prezzo da pagare perché l’Italia possa tirare il fiato, sottoposta com’è al pressing dei mercati finanziari, non l’ha nascosto nessuno. Anzi. Il presidente dell’Unar ha introdotto il convegno così: «L’Italia è il primo paese dell’Unione Europea ad aderire al programma del Consiglio d’Europa che mira ad offrire assistenza finanziaria e tecnica agli Stati membri del Consiglio d’Europa nell’implementazione di politiche di contrasto alla discriminazione nei confronti delle persone Lgbt».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. osturent60 scrive:

    spero che il grande monarca prenda possesso del suo regno al piu’ presto(re carlo di borbone)caterina emmerich l’ha profetizzato cosi’ non saremo costretti a restare nell’europa dei banchieri ma in europa con il regno delle due sicilie e credo che con i mezzi di oggi saremo ancora piu’ belli di prima w il papa w re carlo i due testimoni e difensori della chiesa cattolica

  2. paolo delfini scrive:

    CARLO DI BORBONE E’ UN GRANDE!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova generazione della compatta francese riprende alcuni elementi stilistici della crossover C4 Cactus e può contare su possibilità di personalizzazione sconosciute al vecchio modello. Balzo generazionale quanto a infotainment e dotazioni di sicurezza.

Sono passati 30 anni dalla prima vittoria alla Grande Boucle. Per festeggiare l'evento il brand francese lancia un'edizione limitata di 200 esemplari della sua punta di diamante e un concorso fotografico sui Social

Ispirata nel design alla 911, la seconda generazione della berlina sportiva tedesca cambia tanto nell’aspetto quanto nel layout dell’abitacolo e nella meccanica. Top di gamma la Turbo da 550 cv. Debuttano il cambio PDK a 8 marce e l’assale posteriore sterzante.

Nata per le competizioni, si è evoluta attraverso cinque generazioni e 30 anni sino a divenire una berlina dal fascino unico, ideale punto d’incontro di performance e stile. Ecco la storia della BMW M3.

L’edizione speciale della city car torinese, realizzata in collaborazione con i cantieri nautici Riva, può contare su di una ricca dotazione di serie e finiture pregiate in radica e pelle. Prezzi al lancio, sia per la versione chiusa sia per la cabrio, da 17.900 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana