Google+

«Ma come fanno a vivere così?». A essere rara non è solo la loro malattia, ma la loro voglia di vivere

febbraio 19, 2015 Elisabetta Longo

Robertina che danza con la sedia a rotelle costruita per lei dal papà, Valeria che fa shopping «con gli occhi di mia madre». Racconto e foto di Aldo Soligno

Robertina insegue il suo sogno

Robertina ha tre anni e per niente al mondo perderebbe una lezione di danza. Quando la maestra le ha annunciato che avrebbe chiesto alle bambine un esercizio non alla portata della sua sedia a rotelle, cioè camminare dritta con le braccia spalancate, lei ha risposto che l’avrebbe fatto ugualmente. «Ed eccola lì, concentratissima a spingere le ruote con i gomiti e al tempo stesso stare con le braccia spalancate. La maestra si è rivolta a me spiegandomi che non c’era verso, che Robertina faceva sempre quello che si metteva in testa di fare», racconta a tempi.it Aldo Soligno, fotografo di un progetto speciale. Si chiama Rare lives: il significato di vivere una vita rara, lanciato da Uniamo, la federazione italiana per le malattie rare, per la giornata nazionale di sensibilizzazione che si celebrerà il 28 febbraio.

RARE LIVES

«COME FANNO A VIVERE?». Aldo Soligno si era già occupato di reportage umanitari per l’agenzia fotografica Echo Photo Agency, dove lavora. Discutendo diversi progetti, è saltata fuori l’idea di raccontare con le immagini il piccolo spaccato di società rappresentato da chi ha una patologia rara. Per questo Aldo è partito per un viaggio che ha toccato varie regioni d’Italia, durante il quale ha conosciuto sei famiglie diverse, dopo essere stato messo in contatto con loro da Uniamo. «Quando ho cominciato a incontrare queste persone, le guardavo chiedendomi come facessero a vivere così tranquillamente la loro vita, sembravano sereni. Poi ho iniziato a notare che era tempestata di piccolissimi escamotage, conquistati con chissà quanti tentativi. Come quello che mi ha raccontato Giovanna, affetta da acondroplasia (nanismo), che ha trovato quindici anni fa in una bancarella di un mercatino altoatesino un cucchiaio, lungo mezzo metro. Le serve da uncino per prendere tutto quello che non è alla sua altezza, non se ne separa mai. Poi c’è Valeria, che fa shopping con gli occhi di sua madre, perché si stancherebbe troppo a farlo di persona. “Mia mamma va in negozio, fotografa tutto quello che vede e me lo manda sul cellulare, e poi io scelgo. Faccio shopping on line attraverso la mamma”, mi ha raccontato, come se fosse la cosa più naturale del mondo».

Serena e il suo Papà

IN GIRO PER L’EUROPA. Aldo ha passato una settimana, giorno e notte, con ogni famiglia incontrata. Da questa esperienza è nato un reportage molto toccante, pubblicato dal Venerdì di Repubblica. Poi il progetto si è allargato e Aldo ha fatto il giro dell’Europa, con il sostegno di Genzyme, società del gruppo farmaceutico francese Sanofi, focalizzata su terapie innovative per pazienti affetti da patologie rare e sclerosi multipla. Il progetto durato sei mesi ha coinvolto le famiglie di sei Stati europei e, se verranno raccolti i fondi necessari con il sistema del crowdfounding, ne usciranno anche un libro e una mostra.
«Lo scopo era quello di raccontare la differenza di vita tra un Paese e l’altro – continua il fotografo – e la differenza mi è apparsa evidente in tutta la sua brutalità. Ho incontrato due persone affette dalla Malattia di Fabry, che procura diverse problematiche al fisico. La prima era una ragazza olandese, che si sottoponeva a un ciclo di cure ogni settimana, per fermare il decorso della malattia. Le cure venivano sostentate dallo Stato e lei conduceva una vita normale. Stessa malattia ma Paese diverso, la Polonia: la vita del professore che ho incontrato era di tutt’altro genere. Nella sua nazione la Malattia di Fabry non è riconosciuta come invalidante, pertanto non riceve nessun aiuto. E si chiede ogni giorno per quanto potrà andare avanti».

FAMIGLIE SPECIALI. Le storie di questi malati non sarebbero le stesse senza le famiglie che hanno alle spalle. Il papà di Robertina non è un ingegnere, non è un medico, eppure è riuscito a costruire una carrozzina di ultima generazione, leggera e comoda, per la figlia affetta da Sma1, una malattia neurodegenerativa. La carrozzina è talmente bella che ne hanno richiesto un prototipo all’università di Pisa per replicarlo. Il papà ha cambiato la sua vita per fare stare meglio la figlia, fa i turni di notte per guadagnare qualcosa di più e quando smonta al mattino va con qualche collega a costruire una casa in campagna, quella in cui si trasferirà a breve con la famiglia. «Ha visto che sua figlia in piscina rinasce e vuole a tutti i costi costruirgliene una, se questo può renderla felice. Una volta stavamo parlando e si è addormentato per un attimo, di botto, per la stanchezza. Si è scusato tantissimo, ma cosa puoi dire a un papà così?».
Non solo genitori che aiutano figli malati, ma anche malati che diventano genitori. Come la ragazza di 25 anni di Lisbona, affetta da morbo di Pompe, che voleva diventare madre, prima che la malattia avesse la meglio su di lei: «Le ho fatto una foto mentre alza sua figlia, di pochi mesi. Mi ha raccontato che quella era la sua più grande vittoria, perché in breve tempo non avrebbe più avuto la forza per farlo. I medici le avevano assolutamente sconsigliato di avere figli, perché la possibilità di averli malati del suo stesso male era molto alta. Ma lei li ha sfidati, rifiutando anche i test di diagnosi prenatale, dicendo che l’avrebbe accettata così. La bambina è nata sana».

Credit Photo – Aldo Soligno/Echo

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana