Google+

Lui non lo sa, ma i medici hanno deciso che può morire anche se sta bene

maggio 10, 2012 Benedetta Frigerio

Londra. Una donna scopre per caso che i medici avevano deciso di non rianimare in caso di arresto cardiaco il papà di 77 anni. Anche se l’anziano sta bene e vuole vivere. Il dipartimento della salute si scusa e minimizza.

Il papà non sarà rianimato se avrà un arresto cardiaco. Ma la figlia, un’inglese residente negli Stati uniti, l’ha scoperto per caso, quando, in visita al genitore di 77 anni, le è capitata sotto mano la cartella clinica riportante la clausola “do not resuscitate act” (una sorta di testamento biologico che permette al paziente di dichiarare in anticipo la propria volontà di non essere rianimato in caso di arresto cardiaco). A darne notizia è stato il 6 maggio il quotidiano britannico The Guardian. Nella ricostruzione del giornale si riporta tutta la sorpresa della donna nell’apprendere l’inserimento di una clausola mai richiesta dal padre che vive nella periferia di Londra. Perché, ha rivelato, «per mio padre la vita è sempre stata preziosa». Nemmeno l’anziano signore era stato informato della decisione presa unilateralmente dai medici. «Mio padre  – ha detto la figlia – vorrebbe essere rianimato in caso sia necessario. E desidera avere accesso ai trattamenti salva vita».

Il medico di base dell’uomo si è giustificato dicendo che la donna non era reperibile e che la scelta era stata presa in seguito a riunioni e diagnosi accurate fatte in équipe. Il che suona ancora più strano, dato che il paziente «sta bene, non ha malattie degenerative, ha una buona qualità di vita». Perché tanta fretta dunque? La domanda è stata evitata dal Dipartimento della salute inglese che ha cercato di rimediare allo scalpore suscitato dalla vicenda con un generico ammonimento ai medici di base: «Abbiamo capito che è importante cercare di coinvolgere i parenti», scusandosi solo del fatto che non li si è cercati, come si dovrebbe, «anche se sono all’estero, anche se le visite non sono frequenti». E ringraziando la donna «perché la sua denuncia ci sensibilizza sulla necessità di applicare la legge fino in fondo».

Un altro caso, dunque, interroga l’Inghilterra. Recentemente una famiglia ha intrapreso un’azione legale contro l’ospedale Addenbrooke di Cambridge. In quel caso, era stato il marito a decidere per la sorte della moglie, senza averne il consenso. Il cortocircuito sta diventando sempre più evidente per una legge che, regolando anticipatamente le decisioni su vita e la morte, crea non pochi problemi alla libertà dei malati. Molte altre persone avevano denunciato casi simili l’anno passato e, scrive il Guardian, «tante altre famiglie ci hanno contattato recentemente per parlarci della breccia aperta dalla legge». Ma c’è un cortocircuito nel cortocircuito. Anche il dibattito sulla legge continua a vertere solo sull’opportunità o meno di dare l’ultima parola ai medici o ai famigliari. Nessuno si interroga sul senso della vita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. I just want to mention I’m beginner to weblog and seriously loved this blog. Almost certainly I’m going to bookmark your website . You surely come with very good writings. Thanks for revealing your webpage.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana