Google+

Lettera al mitico Buffon. «Caro Gigi, anche io mi sono separato da mia moglie, ma poi…»

settembre 16, 2014 Lettera firmata

«Anche io ho vissuto il tumulto della separazione da mia moglie». Una lettera “cuore in mano” al portiere della Juventus e della Nazionale

Riceviamo e pubblichiamo – Caro Gianluigi Buffon, ti scrivo queste parole a seguito di una foto che mi è capitata davanti su google. Ho sempre avuto questo pensiero interiore e ora ho preso il coraggio e ho voluto scrivere un mio personale pensiero sperando di non risultare poco rispettoso nei tuoi confronti, ma molto speranzoso che ti giungano queste mie parole davanti agli occhi e soprattutto nel cuore.

Anche io ho vissuto il tumulto della separazione da mia moglie (con un bambino di circa 3 anni al seguito) per motivi legati ad un apparente incompatibilità e altri motivi attinenti… Mi ero convinto di essermi innamorato di un’altra donna (molto bella e intelligente) ed ero pronto a lasciare mio figlio tra le buone mani di mia moglie (ex in quel momento) privandolo della preziosa e costante presenza del suo papà pur di seguire i miei desideri e quindi il mio fine egoismo che mi replicava dicendomi (lei ti trascura e non ti ama più, oramai non la ami più, tutti si separano e separarsi oggi è normale, i figli avranno comunque tutto ciò che potrò dargli, mi sono innamorato di questa donna ecc.) ma in fondo la vera cosa che dovevo dirmi quanto sei disposto ad offrire per amore di tuo figlio?

Quanto sei disposto a cambiare per far fede al giuramento di fedeltà fatto? Quanto ami veramente tuo figlio per dimostrarlo con un atto di vero altruismo? Piano piano il mio cuore cominciò a sentirsi sporco, la mia anima era triste, il mio egoismo mi accecava e mi toglieva speranza verso la famiglia, il mio orgoglio mi teneva legato alle mie scelte di puro egoismo…

Un giorno mi sono detto: ma se io oggi avessi avuto un papà che mi avesse tolto la famiglia nella quale sono nato per un’altra donna che mai potrò chiamare mamma, sarei stato contento di lui?

Ebbene: no! Ho cominciato a vergognarmi e ho cominciato a pensare che amare è soprattutto saper rinunciare. Così presi coraggio, desiderando di rimettere a posto la famiglia e ridare a mio figlio la sua mamma e il suo papà… Fu un periodo di purificazione che durò un paio d’anni e, in seguito a un pellegrinaggio a Medjugorje con mia moglie (dove andammo da separati), la Madonna ci mise la mano e oggi mi trovo qui a scriverti serenamente riunito con mia moglie e mio figlio che oggi è più grande e con un rapporto totalmente nuovo che è più intenso del primo periodo matrimoniale…

Prego il Signore affinché il tuo lato umano e paterno emerga dal tuo cuore e possa ridonare ai tuoi figli e al tuo matrimonio la pace e la serenità di cui necessitate!

Un tuo tifoso!

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. giuliano says:

    le morali dice Fabio Flx sono tante quante le persone nel mondo, e infatti se ne vedono i risultati !!!

    • Valentina says:

      Il punto di vista del Signor Fabio Flx non è del tutto sbagliato. A me è dispiaciuta la fine del matrimonio di Buffon e della Seredova, erano (o sembravano) una coppia molto bella e felice. Ma purtroppo è andata così. Meglio lasciarsi civilmente e in pace che portare avanti la finzione di un amore che non c’è più. Questo farebbe male a tutti, soprattutto ai figli che hanno diritto a crescere il più possibile serenamente.

  2. Valentina says:

    Non si può entrare in faccende così delicate e personali. Non è una decisione facile rimettere in piedi un matrimonio distrutto e non è detto che restare uniti fra litigi e rancori, quando l’amore non esiste più, sia sempre il meglio per i figli. Io mi metto anche nei panni della moglie che il marito ha tradito con un’altra donna: si può davvero pretendere che lei superi l’umiliazione e ritorni, come se niente fosse, con un uomo che le ha messo le corna?

  3. Valeria says:

    Sono d’accordo; certo, sono faccende delicate e personali, peró una cosa é verissima: nessun figlio é contento di vedere i propri genitori separarsi (accantonando i casi, per fortuna rari di genitori violenti o drogati). La speranza di vederli tornare insieme in armonia resta sempre lì.

  4. gipo says:

    Il punto è che possiamo perdonare e chiedere perdono solamente se il metro della nostra affettività non misura (esclusivamente) l’istinto (quella/o è chiùbbellaassaie) ma l’insieme dei particoalri che formano e danno sostanza al rapporto con l’altro.
    Ricordo una sfuriata di dimensioni siderali con mia moglie; al termine ci siamo guardati ed assieme abbiamo ricordato quanto ci diceva il nostro Don “sono sempre di più le cose che vi fanno stare assieme di quelle che, al momento, sembra possano dividervi. Guardate sempre a Colui che vi ha generato, solo così potrete amarvi”.

  5. Jens says:

    Sebbene la lettera abbia delle giuste ragioni, a me sa troppo di moralista. Le motivazioni basate su contenuti morali o simili non faranno mai presa. Alla fin fine, a uno che divorzia e va a stare con un’altra donna, cosa gliene frega che i figli stanno male?
    Se bisogna cercare le motivazioni per non divorziare, bisogna andare da tutt’altra parte. Bisogna chiedersi: cosa guadagno io ad lasciare mia moglie per un’altra?
    Ma questo si può fare solo dopo aver analizzato a fondo la propria situazione, nonché essersi fatti aiutare da quelli da cui si è voluti bene.
    Senza tutto questo, se uno mi dice: “io divorzio da mia moglie perché non sto più bene con lei e mi interessa un’altra”, io gli dico: “Non ti posso giudicare, saprai ben tu la tua situazione. Però, prima di fare mosse azzardate di cui potresti in futuro pentirti analizzala per bene. Se hai bisogno io sono con te”

  6. Cri says:

    Secondo me la lettera andava scritta anche alla Seredova (…).
    Mi piace comunque il tifoso che desidera che la bella cosa che è successa a lui accada anche al suo idolo portierone. Buona vita a tutti.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Altro che semplice restyling: la C4 Cactus 2018 ha una linea nuova per il 90%, adotta Airbump più piccoli e ora punta al cuore del segmento C. I prezzi partono da 17.600 euro

L'articolo Prova Citroën C4 Cactus 2018 sospensioni “magiche” proviene da RED Live.

La Casa americana invoglia i giovani all'acquisto della moto dei sogni proponendo i modelli Street 750, Street Rod e Sportster Iron 883 a condizioni vantaggiose. Le promozioni scadranno il 30 aprile

L'articolo Il mondo Harley alla portata dei giovani proviene da RED Live.

Il 24 e il 25 marzo, se siete in zona capitale, non prendete impegni: ci sono gli Honda Days 2018 all’autodromo di Vallelunga. Si possono provare auto, moto e non solo…

L'articolo Honda Days 2018: 24 e 25 marzo, tutti a Vallelunga proviene da RED Live.

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi