Google+

Lenin, un russo su quattro pensa che «abbia portato il paese sulla via del progresso»

aprile 23, 2017 Redazione

A 147 anni dalla nascita, i russi hanno ancora un’opinione positiva del leader comunista. La maggioranza, però, vuole che il suo corpo sia spostato dalla Piazza Rossa di Mosca

Ieri è ricorso l’anniversario della nascita di Vladimir Il’ič Ul’janov e a distanza di 147 anni Lenin, uno dei dittatori più crudeli e sanguinari di tutti i tempi, è ancora considerato in Russia una figura positiva che ha contribuito alla grandezza del paese.

IL SONDAGGIO. Secondo un sondaggio condotto dal Levada Center, nel centesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, il 26% degli intervistati ritiene che la sua memoria sarà conservata dai posteri, anche se nessuno seguirà la sua strada; il 23% pensa che Lenin abbia portato la Russia sulla via del progresso e della giustizia; il 21% ritiene che le sue idee siano state distorte dai suoi seguaci. Ancora, un russo su cinque (19%) è convinto che Lenin avesse le migliori aspirazioni e speranze per portare l’umanità verso un futuro luminoso, mentre appena il 15% crede che il dittatore comunista abbia portato il paese sulla falsa strada, causando una montagna di disgrazie e sciagure.

SPOSTARE IL CORPO. In tempo per l’anniversario della nascita, dopo due mesi di restauro, le autorità russe hanno riaperto il mausoleo dove è esposto il corpo imbalsamato di Lenin da quasi un secolo. Ma si fanno sempre più insistenti le richieste di spostare la salma dal centro della Piazza Rossa di Mosca. In particolare, è stata appena depositata una proposta di legge da parte di quattro parlamentari (due del partito di Putin, Russia unita, e due di un altro partito nazionalista alleato). La legge non prevede lo spostamento del corpo di Lenin, soltanto rimuove gli ostacoli legali perché lo si possa fare quando il governo lo riterrà opportuno.

CREMLINO O SAN PIETROBURGO. Secondo diverse testimonianze, il leader comunista chiese di essere sepolto di fianco a sua madre nel cimitero Volkov di san Pietroburgo. Sempre secondo il sondaggio del Levada Center, per il 32% dei russi dovrebbe essere seppellito vicino al muro del Cremlino, mentre il 26% ritiene che debba essere interrato a San Pietroburgo. Soltanto un terzo (31%) degli intervistati ritiene che la salma di Lenin debba essere lasciata all’interno del mausoleo.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.