Google+

Lenin, un russo su quattro pensa che «abbia portato il paese sulla via del progresso»

aprile 23, 2017 Redazione

A 147 anni dalla nascita, i russi hanno ancora un’opinione positiva del leader comunista. La maggioranza, però, vuole che il suo corpo sia spostato dalla Piazza Rossa di Mosca

Ieri è ricorso l’anniversario della nascita di Vladimir Il’ič Ul’janov e a distanza di 147 anni Lenin, uno dei dittatori più crudeli e sanguinari di tutti i tempi, è ancora considerato in Russia una figura positiva che ha contribuito alla grandezza del paese.

IL SONDAGGIO. Secondo un sondaggio condotto dal Levada Center, nel centesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, il 26% degli intervistati ritiene che la sua memoria sarà conservata dai posteri, anche se nessuno seguirà la sua strada; il 23% pensa che Lenin abbia portato la Russia sulla via del progresso e della giustizia; il 21% ritiene che le sue idee siano state distorte dai suoi seguaci. Ancora, un russo su cinque (19%) è convinto che Lenin avesse le migliori aspirazioni e speranze per portare l’umanità verso un futuro luminoso, mentre appena il 15% crede che il dittatore comunista abbia portato il paese sulla falsa strada, causando una montagna di disgrazie e sciagure.

SPOSTARE IL CORPO. In tempo per l’anniversario della nascita, dopo due mesi di restauro, le autorità russe hanno riaperto il mausoleo dove è esposto il corpo imbalsamato di Lenin da quasi un secolo. Ma si fanno sempre più insistenti le richieste di spostare la salma dal centro della Piazza Rossa di Mosca. In particolare, è stata appena depositata una proposta di legge da parte di quattro parlamentari (due del partito di Putin, Russia unita, e due di un altro partito nazionalista alleato). La legge non prevede lo spostamento del corpo di Lenin, soltanto rimuove gli ostacoli legali perché lo si possa fare quando il governo lo riterrà opportuno.

CREMLINO O SAN PIETROBURGO. Secondo diverse testimonianze, il leader comunista chiese di essere sepolto di fianco a sua madre nel cimitero Volkov di san Pietroburgo. Sempre secondo il sondaggio del Levada Center, per il 32% dei russi dovrebbe essere seppellito vicino al muro del Cremlino, mentre il 26% ritiene che debba essere interrato a San Pietroburgo. Soltanto un terzo (31%) degli intervistati ritiene che la salma di Lenin debba essere lasciata all’interno del mausoleo.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download