Google+

«Lasciamo ai ricchi per dare ai poveri. Non facciamo come Hollande»

settembre 10, 2012 Massimo Giardina

Intervista al direttore dell’Ibl, Carlo Stagnaro. E in Italia? «Addirittura abbiamo cambiato i termini: non diciamo più “chi investe”, ma “chi rimane”. Diamo per scontato che i futuri investimenti saranno lontano da noi».

Una bella botta per i super ricchi francesi: sopra il milione di euro di reddito si vedranno applicare dal fisco un’aliquota del 75 per cento. L’effetto Hollande promesso in campagnia elettorale si è trasformato in realtà, e per i portafogli un tempo felicemente gonfi sono arrivate le lacrime. L’uomo più ricco di Francia, Bernard Arnault, con i suoi 41 miliardi di dollari di patrimonio, ha fatto sapere di essere pronto a trasferirsi in Belgio, ma la notizia è stata parzialmente smentita dal magnate che ha affermato di non progettare una fuga dal fisco, ma di avanzare una richiesta di doppia nazionalità per portare a termine nuovi investimenti in Belgio.
Il governo francese ha programmato di incassare una parte del capitale necessario affinché il disavanzo pubblico nel 2013 non superi il 3 per cento. Tempi.it ne discute col direttore ricerche e studi dell’Istituto Bruno Leoni, Carlo Stagnaro, che chiarisce subito che «togliere ai ricchi non significa dare ai poveri».

Direttore, “lasciamo ai ricchi per dare ai poveri”, le piace di più?
Condivido interamente l’affermazione. Un’aliquota così alta restarà un dato simbolico perché coloro che hanno un reddito molto alto o se ne andranno nel paese vicino oppure ridefiniranno il loro reddito in modo da non essere colpiti dall’aliquota massima.

Credo non si riferisca a metodi “sommersi”.
Ovviamente no, si può fare in modo del tutto legale. Ad esempio intestando una parte dei redditi a società o riconvertendo alcune attività in redditi da capitale che hanno un altro trattamento fiscale. Il gettito di questa maxi-imposta varata da Hollande sarà notevolmente basso perché in pochi si metteranno nella condizione di avere una dichiarazione dei redditi che raggiunga un’aliquota così alta.

Quali effetti si creeranno?
Nasceranno dei comportamenti dannosi in due sensi. Il primo è che si costringono le persone o a scappare o a investire una parte delle proprie risorse per pagare il commercialista che prepari una dichiarazione dei redditi che non sorpassi il milione (ripeto: in modo del tutto legale). Secondo: se un paese diventa non attrattivo per gli individui ad alto reddito, perde in produttività. Nella prassi chi guadagna molto è un inividuo ad alta produttività, a meno che uno non sia un ricco ereditiere, ma di Paris Hilton ce ne sono poche. Se coloro che guadagnano vengono dichiarati i nemici pubblici della società, difficilmente si avvicineranno e questo impoverisce un paese nel lungo termine.

Qualche pericolo anche nel sistema italiano?
Pensi che nel caso italiano è cambiata anche la lessicologia: non diciamo più “chi investe in Italia”, ma “chi rimane in Italia”. Diamo per scontato che i futuri investimenti saranno legati a realtà già esistenti e difficili da spostare, cioè che chi deve decidere oggi dove investire, difficilmente sceglierebbe Francia o Italia.

Ne consegue che la soluzione elvetica si mantiene la migliore, ovvero quella di far pagare meno i ricchi. Proposta antipopolare in Italia, non trova?
Più volte le pubblicazioni dell’Istituto Bruno Leoni hanno dimostrato che con l’aliquota massima abbassata emergono più redditi, non redditi evasi, ma fonti di guadagno che prima venivano confezionati in modo diverso. Così facendo si genererebbe un effetto positivo perché aumenterebbe il gettito fiscale in termini assoluti insieme alla quota di reddito pagata dai più ricchi. Nel caso francese, un soggetto che ha un reddito di 2 milioni, dovrebbe pagare 750 mila euro sul secondo milione allo Stato. Anche se pagasse 650 mila euro al commercialista per trovare una soluzione meno onerosa, risparmierebbe alla fine dei conti 100 mila euro. Potrebbe accadere un altro fenomeno. Se un soggetto è consapevole che dopo il milione di euro, i tre quarti di ciò che incassa vengono prelevati dal fisco, si ferma prima, creando un ammanco produttivo nel sistema con tutte le sue conseguenze: meno lavoro, consumi, eccetera. È evidente che è un sistema che non funziona.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    in italia abbassando l’aliquota massima non emergerebbero più redditi. visto che gli imprenditori fanno la cresta anche sugli investimenti in sicurezza. così dovrebbero alzare la tasse sulle bollette e sulle case,
    imu docet.

  2. JC scrive:

    Fare la cresta sugli investimenti in sicurezza è illegale ai sensi del D.lgs 231/2001 e del D.lgs 81/2008 . per come l’hai scritta tu sembra una cosa lecita. Questo conferma che abbassare l’aliquota massima è un’ottima idea.

  3. luigi lupo scrive:

    “Più volte le pubblicazioni dell’Istituto Bruno Leoni hanno dimostrato che con l’aliquota massima abbassata emergono più redditi, non redditi evasi, ma fonti di guadagno che prima venivano confezionati in modo diverso”

    Fonti di guadagno che prima venivano confezionati in modo diverso? Se non parla di evasione di cosa sta parlando?

    Se si fà il ragionamento che abbassando l’aliquota massima si può ottenere più entrate è un ragionamento che ha una sua logica e lo si può, magari, anche condividere ma solo se si capisce che le maggiori entrate sono il frutto di dichiarazioni più veritiere e quindi sarebbe un recupero da evasione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana