Google+

La Spagna di Zapatero blocca i sussidi per il fotovoltaico

dicembre 31, 2010 Rodolfo Casadei

L’esecutivo aveva già deciso di tagliare del 30% i sussidi alle nuove centrali eoliche e termo-solari. Ora un nuovo provvedimento per il fotovoltaico applica la riduzione dei sussidi anche alle installazioni in funzione. Investitori come la HG Capital, che rappresenta un gruppo di 20 gestori di fondi pensionistici, annunciano che l’impatto sugli investimenti sarà devastante

Tempi duri per le energie rinnovabili. Dopo le polemiche sui costi dell’eolico negli Usa, arrivano le grida di dolore degli investitori e degli imprenditori internazionali che avevano puntato tutte le loro carte sul fotovoltaico in Spagna, e ora rischiano di andare in bancarotta per i tagli impietosi alle generosissime sovvenzioni al settore che il governo Zapatero prevede di attuare per contenere il deficit del bilancio statale.

Già nel luglio scorso l’esecutivo aveva deciso di tagliare del 30 per cento i sussidi alle nuove centrali eoliche e termo-solari,
mantenendoli per quelle già esistenti. Ora però il provvedimento in dirittura d’arrivo per il fotovoltaico prevede che la riduzione dei sussidi si applichi non solo alle nuove installazioni, ma anche a quelle già in funzione. Investitori come la britannica HG Capital, che rappresenta un gruppo di 20 gestori di fondi pensionistici britannici, americani e danesi, annunciano che in tal caso l’impatto della nuova normativa sugli investimenti sarà devastante e metterà in pericolo l’intero settore.

Il problema è sorto per la sconsiderata generosità dei sussidi spagnoli alla produzione di energia solare approvati nel 2004,
che in pochi anni hanno fatto sì che la Spagna da sola arrivasse a rappresentare il 45 per cento del mercato mondiale del fotovoltaico. L’energia solare prodotta in Spagna viene pagata ben 450 euro per kilowattora, dieci volte di più di quanto normalmente un’azienda di servizi pagherebbe l’elettricità prodotta da fonti tradizionali. La legge non aveva posto un limite alla produzione sovvenzionabile, e così oggi la Spagna si ritrova con 3.200 megawatt prodotti col solare sovvenzionato, sei volte di più di quanto si prevedeva di disporre nel 2010. E la bolletta per il Tesoro pubblico ha toccato la cifra record di 2,75 miliardi di euro. Ora il governo Zapatero ha deciso che l’energia solare sovvenzionata è un lusso che la Spagna non può più permettersi. A pagare il prezzo del ripensamento potrebbero essere i pensionati americani, britannici e danesi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download