Google+

La pillola dei 5 giorni dopo. Un problema di libertà ridotta a istinto

giugno 19, 2015 La Polis parallela

Alla radice di questa vicenda e, in maniera analoga, delle altre attuali questioni etiche, si riconosce oggi più che mai un profondo smarrimento su cosa sia veramente l’uomo

PILLOLA 5 GIORNI DOPO DAL 2 APRILE IN VENDITA IN FARMACIAUn gruppo si studenti universitari e giovani laureati di Torino vicini a Comunione e liberazione ci ha inviato il testo di questo volantino. Lo riproduciamo di seguito.

PILLOLA DEI 5 GIORNI DOPO. UN’ALTRA CONQUISTA DI LIBERTÀ?

Dal 9 maggio sono entrate in vigore le nuove disposizioni in materia di commercializzazione del farmaco contraccettivo EllaOne o “pillola dei 5 giorni dopo”, con cui l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha dato seguito alle direttive della Commissione Europea. Se fino a questa data la pillola era acquistabile dietro presentazione di ricetta medica non ripetibile, rilasciata dal medico dopo riscontro di test di gravidanza negativo, oggi EllaOne viene venduto in assenza di prescrizione medica (che è stata mantenuta per le sole pazienti minorenni).

EllaOne è un contraccettivo di emergenza capace di agire entro le 120 ore (5 giorni) successive al rapporto sessuale a rischio o al fallimento di altro metodo contraccettivo. Il principio attivo (ulipristal acetato) è un modulatore selettivo dei recettori del progesterone che agisce bloccando o ritardando il picco ormonale responsabile del rilascio dell’ovulo, impedendone la fecondazione da parte dello spermatozoo. Questo meccanismo, analogo a quello della “pillola del giorno dopo” (levonorgestrel), è efficace solo nel caso in cui la donna non sia già andata incontro a ovulazione nel momento dell’assunzione del farmaco.

Accanto a questa sicura azione antiovulatoria, è probabile (per quanto non ci siano ancora le sufficienti evidenze scientifiche) che l’effetto contraccettivo sia ottenuto anche tramite un’azione antinidatoria, capace cioè di impedire l’impianto dell’ovulo già fecondato alle pareti dell’utero e di causarne quindi la morte. L’azione antinidatoria è condivisa da un’altra molecola, appartenente alla stessa famiglia di EllaOne, chiamata Mifepristone (o RU486), che però, più che come contraccettivo, viene utilizzata soprattutto a dosi più elevate per indurre l’aborto chimico (cioè per determinare il distacco dell’embrione dalla parete dell’utero). Tuttavia nel caso di EllaOne non si potrebbe tecnicamente parlare di “farmaco abortivo”, visto che dal 1985 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) considera come inizio della gravidanza non più il momento della fecondazione ma quello dell’impianto in utero.

Sono tanti gli aspetti di questa vicenda che lasciano spiazzati, da quelli scientifici a quelli politici ed economici. Su tutto colpisce la superficiale leggerezza con cui l’Europa prima e l’Italia poi hanno deliberato in favore della libera commercializzazione di EllaOne, senza appellarsi a quel principio di prudenza che caratterizza tutta la scienza medica e che si applica in particolar modo ai farmaci, specie se venduti senza obbligo di ricetta. Nel caso in questione tale principio avrebbe dovuto almeno suggerire cautela, a maggior ragione per la tipologia di farmaco, alla luce dell’insufficienza di studi scientifici (fatti salvi quelli presentati dalla stessa casa farmaceutica, la francese Hra Pharma) riguardo ai possibili rischi abortivi e teratogeni per una gravidanza già avviata, causati da un’assunzione del farmaco a dosi superiori a quelle consigliate. Così la vendita senza obbligo di prescrizione di EllaOne, giustificata da un risparmio di tempo che garantirebbe una maggiore efficacia del farmaco, elimina qualsiasi tipo di valutazione medica e inoltre, in assenza di un registro di vendite comune tra le farmacie, rende impossibile controllarne l’acquisto e impedirne l’abuso. In nome del “diritto” all’autodeterminazione, si lascia la donna, spesso adolescente, a prendere decisioni così gravi da sola, senza alcun confronto medico e umano, in contrasto non solo con la tradizione etica medica ma con la stessa legge 194/78 sull’aborto.

Alla radice di questa vicenda e, in maniera analoga, delle altre attuali questioni etiche, si riconosce oggi più che mai un profondo smarrimento su cosa sia veramente l’uomo. Trionfa l’esaltazione del sentimento istintivo e la libertà viene intesa unicamente come diritto ad assecondare questo istinto senza impedimenti: una possibilità sempre più reale grazie ai progressi scientifici, da cui logiche economiche e di potere traggono profitto. E in questo senso anche l’atto sessuale viene ridotto a bieco sfogo edonistico, tanto più perché deresponsabilizzato delle sue conseguenze, considerate sgradite, grazie alla disponibilità di strumenti che ne riducono al minimo il rischio.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    ..”principi di prudenza che caratterizza tutta la scienza medica”..:vedansi VACCINI, obbligatori e non; e tanto altro ancora…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana