Google+

La pillola dei 5 giorni dopo. Un problema di libertà ridotta a istinto

giugno 19, 2015 La Polis parallela

Alla radice di questa vicenda e, in maniera analoga, delle altre attuali questioni etiche, si riconosce oggi più che mai un profondo smarrimento su cosa sia veramente l’uomo

PILLOLA 5 GIORNI DOPO DAL 2 APRILE IN VENDITA IN FARMACIAUn gruppo si studenti universitari e giovani laureati di Torino vicini a Comunione e liberazione ci ha inviato il testo di questo volantino. Lo riproduciamo di seguito.

PILLOLA DEI 5 GIORNI DOPO. UN’ALTRA CONQUISTA DI LIBERTÀ?

Dal 9 maggio sono entrate in vigore le nuove disposizioni in materia di commercializzazione del farmaco contraccettivo EllaOne o “pillola dei 5 giorni dopo”, con cui l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha dato seguito alle direttive della Commissione Europea. Se fino a questa data la pillola era acquistabile dietro presentazione di ricetta medica non ripetibile, rilasciata dal medico dopo riscontro di test di gravidanza negativo, oggi EllaOne viene venduto in assenza di prescrizione medica (che è stata mantenuta per le sole pazienti minorenni).

EllaOne è un contraccettivo di emergenza capace di agire entro le 120 ore (5 giorni) successive al rapporto sessuale a rischio o al fallimento di altro metodo contraccettivo. Il principio attivo (ulipristal acetato) è un modulatore selettivo dei recettori del progesterone che agisce bloccando o ritardando il picco ormonale responsabile del rilascio dell’ovulo, impedendone la fecondazione da parte dello spermatozoo. Questo meccanismo, analogo a quello della “pillola del giorno dopo” (levonorgestrel), è efficace solo nel caso in cui la donna non sia già andata incontro a ovulazione nel momento dell’assunzione del farmaco.

Accanto a questa sicura azione antiovulatoria, è probabile (per quanto non ci siano ancora le sufficienti evidenze scientifiche) che l’effetto contraccettivo sia ottenuto anche tramite un’azione antinidatoria, capace cioè di impedire l’impianto dell’ovulo già fecondato alle pareti dell’utero e di causarne quindi la morte. L’azione antinidatoria è condivisa da un’altra molecola, appartenente alla stessa famiglia di EllaOne, chiamata Mifepristone (o RU486), che però, più che come contraccettivo, viene utilizzata soprattutto a dosi più elevate per indurre l’aborto chimico (cioè per determinare il distacco dell’embrione dalla parete dell’utero). Tuttavia nel caso di EllaOne non si potrebbe tecnicamente parlare di “farmaco abortivo”, visto che dal 1985 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) considera come inizio della gravidanza non più il momento della fecondazione ma quello dell’impianto in utero.

Sono tanti gli aspetti di questa vicenda che lasciano spiazzati, da quelli scientifici a quelli politici ed economici. Su tutto colpisce la superficiale leggerezza con cui l’Europa prima e l’Italia poi hanno deliberato in favore della libera commercializzazione di EllaOne, senza appellarsi a quel principio di prudenza che caratterizza tutta la scienza medica e che si applica in particolar modo ai farmaci, specie se venduti senza obbligo di ricetta. Nel caso in questione tale principio avrebbe dovuto almeno suggerire cautela, a maggior ragione per la tipologia di farmaco, alla luce dell’insufficienza di studi scientifici (fatti salvi quelli presentati dalla stessa casa farmaceutica, la francese Hra Pharma) riguardo ai possibili rischi abortivi e teratogeni per una gravidanza già avviata, causati da un’assunzione del farmaco a dosi superiori a quelle consigliate. Così la vendita senza obbligo di prescrizione di EllaOne, giustificata da un risparmio di tempo che garantirebbe una maggiore efficacia del farmaco, elimina qualsiasi tipo di valutazione medica e inoltre, in assenza di un registro di vendite comune tra le farmacie, rende impossibile controllarne l’acquisto e impedirne l’abuso. In nome del “diritto” all’autodeterminazione, si lascia la donna, spesso adolescente, a prendere decisioni così gravi da sola, senza alcun confronto medico e umano, in contrasto non solo con la tradizione etica medica ma con la stessa legge 194/78 sull’aborto.

Alla radice di questa vicenda e, in maniera analoga, delle altre attuali questioni etiche, si riconosce oggi più che mai un profondo smarrimento su cosa sia veramente l’uomo. Trionfa l’esaltazione del sentimento istintivo e la libertà viene intesa unicamente come diritto ad assecondare questo istinto senza impedimenti: una possibilità sempre più reale grazie ai progressi scientifici, da cui logiche economiche e di potere traggono profitto. E in questo senso anche l’atto sessuale viene ridotto a bieco sfogo edonistico, tanto più perché deresponsabilizzato delle sue conseguenze, considerate sgradite, grazie alla disponibilità di strumenti che ne riducono al minimo il rischio.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    ..”principi di prudenza che caratterizza tutta la scienza medica”..:vedansi VACCINI, obbligatori e non; e tanto altro ancora…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse ma dopo che l’hai guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

COSA: LA LEGGENDA DI BASSANO, 500 km sulle Dolomiti  DOVE E QUANDO: Bassano del Grappa, Vicenza, 22-25 giugno “La Leggenda di Bassano” è una vetrina viaggiante di pezzi unici, una gara di regolarità riservata esclusivamente a vetture Sport-Barchetta costruite fino al 1960. Tra queste anche la Ferrari 250 Testa Rossa del 1958, che affronterà le più belle strade […]

L'articolo RED Weekend 22-25 giugno, idee per muoversi proviene da RED Live.

Sul mercato dal 2010 e aggiornata nel 2014, la Lexus CT200h iniziava a soffrire di uno sdoppiamento della personalità. A una meccanica moderna si accompagnava infatti una linea ardita sì, ma ormai un po’ datata. Una contrapposizione ora sanata dalla divisione di lusso Toyota che sottopone la propria berlina ibrida a un restyling sia estetico […]

L'articolo Lexus CT200h MY18: il cuore non si tocca proviene da RED Live.

Vernice opaca Verde Alpi, vetri posteriori oscurati e un’indole sportiveggiante: la Fiat 500X, una delle SUV compatte più apprezzate sul mercato, debutta nell’inedito allestimento S-Design, disponibile sia per la configurazione “cittadina” City Look sia per quella più fuoristradistica Off-Road Look. Prezzi da 19.950 euro. Vernice satinata a 1.300 euro La Fiat 500X, che condivide la […]

L'articolo Fiat 500X S-Design: urban look proviene da RED Live.

Il Festival della velocità si avvicina e, come ogni anno, la McLaren celebra il rito di Goodwood con una novità. Quest’anno tocca alla 570S Spider, vettura che va ad ampliare la gamma delle Sport Series in attesa dell’entrata a listino della nuova 720S, massima esponente della famiglia Super Series. Trasmissione a doppia frizione Non manca […]

L'articolo McLaren 570S Spider: io non ingrasso proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana