Google+

«La Libia diventerà il ponte per l’occupazione dell’Italia, con il permesso di Allah»

settembre 5, 2016 Redazione

Un filmato dello Stato islamico ritrovato a Sirte torna a minacciare Roma, ma i jihadisti sono stati quasi cacciati dalla loro roccaforte libica

«Arriveremo dalla Libia e conquisteremo Roma». È il succo di un video di sei minuti nel quale un terrorista dello Stato islamico, forse di origine tunisina, minaccia direttamente l’Italia. Il filmato è stato girato a Bengasi a inizio anno, ma ritrovato a Sirte, in una delle tante case occupate dall’Isis e ora liberate dalle milizie che combattono per il governo appoggiato dall’Onu di Fayez Serraj. La roccaforte dei jihadisti è stata ormai completamente presa e sotto la bandiera nera resta solo la metà del quartiere 3.

BOMBE USA. A farsi strada nel centro città sono state soprattutto le milizie di Misurata, aiutate dai bombardamenti americani e dalle forze speciali Usa e inglesi, oltre a quelle italiane (nelle retrovie). Tutto il Quartiere 1 è stato liberato, ma a costo di oltre 10 morti solo ieri. Nel filmato un ragazzo che dice di chiamarsi Abu Omar al-Maghrebi inveisce contro l’Italia, ma anche contro Stati Uniti e Inghilterra.

«PONTE PER L’ITALIA». «Infedeli vi raggiungeremo ovunque voi siate e vi faremo saltare in aria», attacca il jihadista. «La Libia diventerà il ponte per l’occupazione di Africa ed Europa, con il permesso di Allah». Come riporta la Stampa, «a conferma di quanto l’intelligence libica ha più volte detto, gli sgherri del Califfo puntavano su Misurata e Tripoli per sfondare in Tunisia e prendere il controllo di tutta l’Africa settentrionale. Poi l’Europa, l’Italia in primis». Seconda tappa dopo la conquista dell’Africa sarebbe dovuta essere la presa di «Andalusia e Roma».

DIVISIONI POLITICHE. Ora l’Isis dovrà cambiare obiettivo, dal momento che la Libia ormai è persa. È solo questione di tempo e gli ultimi jihadisti sono asserragliati in un piccolo quartiere di Sirte. La speranza è che una volta sconfitto lo Stato islamico, le fazioni libiche trovino un accordo ma non sarà facile. Il Parlamento di Tobruk continua a non riconoscere quello imposto dall’Onu e le milizie che hanno versato il sangue per cacciare da Sirte i terroristi islamici, chiederanno molto in cambio al premier Serraj.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    Non solo gli assassini dell’isis vogliono l’islamizzazione di Roma e dell’Europa,è il sogno di tanti mussulmani, purtroppo,anche di tanti “moderati”.I poteri forti nostrani invece fanno finta di niente, per loro certi discorsi sono solo “paranoie complottiste”!

    • Sebastiano scrive:

      Caro Filippo, i “moderati” stanno in silenzio. Da sempre, ogni volta che gli chiedi di esprimersi su questo o quell’imam che dice le peggiori fesserie, si trincerano in un comodissimo (e utilissimo) mutismo, o virano a parlare d’altro.
      Aspettano solo di andare al potere, in un modo o nell’altro, dopodiché mostreranno il loro vero volto: lo stesso di quelli che fanno finta di non conoscere.

  2. marina scrive:

    L’idea che tutte le religioni sono uguali, vera bestemmia oggi molto diffua, sta facendo guai a non finire.
    Non mi piace fare la Cassandra ma penso che molti se ne accorgeranno quando sarà troppo tardi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download