Google+

«La Libia diventerà il ponte per l’occupazione dell’Italia, con il permesso di Allah»

settembre 5, 2016 Redazione

Un filmato dello Stato islamico ritrovato a Sirte torna a minacciare Roma, ma i jihadisti sono stati quasi cacciati dalla loro roccaforte libica

«Arriveremo dalla Libia e conquisteremo Roma». È il succo di un video di sei minuti nel quale un terrorista dello Stato islamico, forse di origine tunisina, minaccia direttamente l’Italia. Il filmato è stato girato a Bengasi a inizio anno, ma ritrovato a Sirte, in una delle tante case occupate dall’Isis e ora liberate dalle milizie che combattono per il governo appoggiato dall’Onu di Fayez Serraj. La roccaforte dei jihadisti è stata ormai completamente presa e sotto la bandiera nera resta solo la metà del quartiere 3.

BOMBE USA. A farsi strada nel centro città sono state soprattutto le milizie di Misurata, aiutate dai bombardamenti americani e dalle forze speciali Usa e inglesi, oltre a quelle italiane (nelle retrovie). Tutto il Quartiere 1 è stato liberato, ma a costo di oltre 10 morti solo ieri. Nel filmato un ragazzo che dice di chiamarsi Abu Omar al-Maghrebi inveisce contro l’Italia, ma anche contro Stati Uniti e Inghilterra.

«PONTE PER L’ITALIA». «Infedeli vi raggiungeremo ovunque voi siate e vi faremo saltare in aria», attacca il jihadista. «La Libia diventerà il ponte per l’occupazione di Africa ed Europa, con il permesso di Allah». Come riporta la Stampa, «a conferma di quanto l’intelligence libica ha più volte detto, gli sgherri del Califfo puntavano su Misurata e Tripoli per sfondare in Tunisia e prendere il controllo di tutta l’Africa settentrionale. Poi l’Europa, l’Italia in primis». Seconda tappa dopo la conquista dell’Africa sarebbe dovuta essere la presa di «Andalusia e Roma».

DIVISIONI POLITICHE. Ora l’Isis dovrà cambiare obiettivo, dal momento che la Libia ormai è persa. È solo questione di tempo e gli ultimi jihadisti sono asserragliati in un piccolo quartiere di Sirte. La speranza è che una volta sconfitto lo Stato islamico, le fazioni libiche trovino un accordo ma non sarà facile. Il Parlamento di Tobruk continua a non riconoscere quello imposto dall’Onu e le milizie che hanno versato il sangue per cacciare da Sirte i terroristi islamici, chiederanno molto in cambio al premier Serraj.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Filippo81 says:

    Non solo gli assassini dell’isis vogliono l’islamizzazione di Roma e dell’Europa,è il sogno di tanti mussulmani, purtroppo,anche di tanti “moderati”.I poteri forti nostrani invece fanno finta di niente, per loro certi discorsi sono solo “paranoie complottiste”!

    • Sebastiano says:

      Caro Filippo, i “moderati” stanno in silenzio. Da sempre, ogni volta che gli chiedi di esprimersi su questo o quell’imam che dice le peggiori fesserie, si trincerano in un comodissimo (e utilissimo) mutismo, o virano a parlare d’altro.
      Aspettano solo di andare al potere, in un modo o nell’altro, dopodiché mostreranno il loro vero volto: lo stesso di quelli che fanno finta di non conoscere.

  2. marina says:

    L’idea che tutte le religioni sono uguali, vera bestemmia oggi molto diffua, sta facendo guai a non finire.
    Non mi piace fare la Cassandra ma penso che molti se ne accorgeranno quando sarà troppo tardi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download