Google+

La Camera ha riconosciuto le convivenze gay? È una balla cosmica

maggio 16, 2013 Carlo Giovanardi

Il senatore Giovanardi spiega cosa contenga il provvedimento approvato in parlamento. «La gestione del Fondo sanitario integrativo non grava in nessun modo sul Servizio sanitario nazionale»

Gentile direttore, chi ha letto i giornali italiani del 15 maggio ha appreso con sdegno che la famigerata “casta” dei parlamentari ne ha combinata un altra delle sue, estendendo l’assistenza sanitaria integrativa anche alle coppie gay, privilegio, sempre secondo la versione data dai giornali, negata al comune cittadino.

Vediamo, invece, la verità, come emerge dalla lettura degli atti dell’Ufficio di Presidenza della Camera, che naturalmente nessuno si è dato la briga di andare a consultare prima di scrivere:

  1. i parlamentari si pagano di tasca propria l’assistenza sanitaria integrativa, circa 6.000 euro all’anno che confluiscono in un fondo che ha natura privatistica e solidaristica;
  2. dal 2001 (presidenza Casini) era stata introdotta una norma che permette al parlamentare (pagando di più) di estendere i benefici del fondo anche al convivente “more uxorio”, qualora la convivenza si protragga da almeno tre anni e risulti da iscrizione anagrafica o atto notorio; l’on. Scalfarotto ha chiesto che il termine “more uxorio” (vivere come marito e moglie) fosse comprensivo anche del rapporto che intrattiene con l’uomo con il quale convive; martedì u.s. l’Ufficio di Presidenza della Camera ha cancellato dal regolamento il termine “more uxorio” ed ha introdotto il principio che il parlamentare può indicare come beneficiario dell’assistenza sanitaria integrativa un convivente da almeno tre anni;
  3. con questa modifica il Parlamentare può indicare un parente anziano, un fratello o una sorella, un amico o una persona con cui condivide una esperienza di laicato religioso, una persona di sesso diverso o dello stesso sesso con il quale può avere una relazione: la Camera non entra nel merito delle motivazioni ma si limita a constatare questa convivenza di solidarietà;
  4. la gestione del Fondo sanitario integrativo non grava in nessun modo sul Servizio sanitario nazionale; se ci saranno maggiori spese saranno i parlamentari a pagarle di tasca propria;
  5. in Italia esistono già altri fondi sanitari, come quello dei giornalisti che prevedono l’estensione al convivente e qualsiasi cittadino è libero di fornirsi di coperture sanitarie integrative di questo tipo.

Stando così le cose, è chiaro che non ho potuto che commentare positivamente la decisione dell’Ufficio di Presidenza della Camera, che introduce lo stesso principio contenuto nel disegno di legge che ho presentato al Senato con il titolo di “Contratti di solidarietà e convivenza” sottoscrivibili da tutti coloro che vogliono regolamentare davanti ad un notaio tutti gli aspetti patrimoniale ed assistenziali del loro rapporto, non necessariamente collegato a convivenze “more uxorio”, etero od omosessuali.

Sen. Carlo Giovanardi

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. pikassopablo says:

    cavoli è quasi convincente: quando dice che “i parlamentari pagano di tasca propria” intende di tasca nostra, visto che li paghiamo noi? quando dice “convivenza di solidarietà” intende una preghiera comune gay? quando dice “una persona con cui condivide una esperienza di laicato religioso” intende che il compagno di Scalfarotto sta facendo un’esperienza esistenziale extraterrena con Scalfarotto medesimo? oppure che Perego potrà beneficiare dell’estenione benefici casta-pro-lobby-gay visti i rapporti con Firmigoni? convincente Giovanardi, convincente 😀 ps: avete votato l’estensione benefici casta pro lobby gay, dai provateci ancora a dimostrare il contrario 😉

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.