Google+

«Come si chiama la madre di Maometto?». Il macabro quiz “rispondi o muori” dei terroristi islamici in Kenya

settembre 30, 2013 Leone Grotti

Durante l’assalto al Westgate di Nairobi, i guerriglieri di Al Shabaab hanno posto alle vittime 20 domande sull’islam per distinguere i musulmani dagli infedeli

Hanno chiesto di recitare la professione di fede islamica, di dire il nome della madre di Maometto e di salmodiare a memoria versi specifici del Corano. Chi non era in grado di rispondere veniva ucciso sul momento. È il macabro quiz comprendente 20 domande che i guerriglieri somali di Al Shabaab hanno posto a quanti si trovavano nel centro commerciale Westgate di Nairobi, dove i terroristi islamici legati ad Al Qaeda hanno fatto irruzione sabato 21 settembre uccidendo almeno 62 persone.

LE PRIME DOMANDE. L’Associated Press ha raccolto testimonianze dirette di superstiti, come Rutvik Patel, appena 14 anni: «Quando sono entrati hanno cominciato a sparare furiosamente e uccidevano tutti, tutti. Poi si sono calmati e sono andati dalla gente a fare domande. Se sapevi la risposta, ti lasciavano andare. Chiedevano il nome della madre del profeta o di salmodiare un versetto religioso».

LA SHAHADA. Un imprenditore ebraico di 33 anni era in banca quando ha sentito i primi spari. Appreso che i terroristi chiedevano di recitare la preghiera araba Shahada, «ho gettato immediatamente via il mio passaporto, mi sono scaricato da internet la preghiera e me la sono scritta sul palmo della mano, cercando di impararla a memoria».

«LECITO UCCIDERE FRANCESI E INGLESI». Come rivela un documento del 2011 redatto da religiosi islamici somali legati ai terroristi, il confine tra un musulmano e un infedele è molto ben definito. «Versare il sangue di inglesi e francesi e derubarli è lecito, dovunque siano – si legge – Nessun musulmano per nessun motivo deve cooperare con loro. Questo atteggiamento porta all’apostasia e all’espulsione dell’islam. I popoli di Uganda, Etiopia, Kenya e Burundi come gli inglesi e i francesi devono essere uccisi perché hanno invaso lo Stato islamico di Somalia».

LA RAGIONE DEL QUIZ. L’attentato al centro commerciale è anche giustificato da un altro documento degli Shabaab, questa volta del 2012, dopo l’affiliazione ad Al Qaeda dei terroristi che inizialmente erano stati rifiutati perché uccidevano troppi musulmani durante gli attentati: «Tutti i musulmani devono guardarsi dal nemico e stare lontani dai loro edifici per non diventare scudi umani quando verranno colpiti dai mujaheddin. Ma i mujaheddin devono separare il sangue dei fratelli musulmani da quello dei nemici di Dio in modo sincero». Ecco spiegata la ragione del quiz.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. ciccio scrive:

    gente… affrettatevi, due corani al prezzo di uno.

  2. maugraz scrive:

    più conosco gli ebrei e più sento che sono miei fratelli; oltretutto sono dei geni…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana