Google+

Kenya, musulmano convertito al cristianesimo viene arrestato senza motivo. «L’hanno denunciato per vendetta»

maggio 29, 2014 Benedetta Frigerio

Hassan Hussein Mohammed stava per diventare un leader islamico quando l’incontro con una comunità cristiana l’ha portato a convertirsi. Gli ex amici l’avevano già minacciato: «Ti pentirai di aver lasciato il profeta»

Picchiato dai suoi amici musulmani dopo essersi convertito al cristianesimo, Hassan Hussein Mohammed, 26 anni, si trova in carcere da un mese in Kenya senza accuse precise.

«VOGLIO SEGUIRE GESÙ». Tutto è cominciato lo scorso aprile quando Mohammed, che stava studiando nella città di Nyahururu per diventare un leader islamico, è stato inviato dai capi della moschea a Mogotio, piccola città di 15 mila abitanti nell’ovest del paese, per studiare presso la comunità locale.
Nella nuova città il giovane ha incontrato i fedeli della chiesa King’s Outreach, che gli hanno parlato di Gesù, fino a quando il 10 aprile Mohammed non si è incontrato con i leader della chiesa per comunicargli che «anch’io voglio seguire Gesù».

PICCHIATO DAGLI AMICI. Quello stesso giorno, secondo quanto riportato da Morning Star News, il ragazzo è tornato nella moschea di Mogotio per recuperare i suoi documenti, quando i capi religiosi gli hanno domandato di fermarsi a condurre la preghiera. Dopo un po’ di esitazione Mohammed ha accettato, ma quando è arrivato il momento di pregare non gli è uscita la voce e ha ammesso di essersi convertito al cristianesimo. A quel punto i fedeli in moschea l’hanno picchiato fino a ridurlo in stato di incoscienza. «Sono pronto a morire per Gesù e vi perdono per quello che mi avete fatto», avrebbe sussurrato loro Mohammed.

«TE NE PENTIRAI». Ripresa coscienza, il ragazzo si è nascosto in una fattoria vicina finché il 13 aprile è riuscito a raggiungere la chiesa dei suoi amici cristiani. Dopo aver raccontato loro quanto successo, uno dei leader della comunità, Johana Cheruiyot, l’ha invitato a soggiornare da lui. La notizia della conversione però si era ormai diffusa e il 14 aprile Mohammed ha cominciato a ricevere messaggi minacciosi sul telefonino: «Ti pentirai di aver lasciato il profeta».


«HO SCELTO IL CRISTIANESIMO». Dopo aver partecipato dal 18 al 20 aprile a un evento della comunità cristiana nella città di Eldoret, 300 chilometri da Nairobi, lo scorso 30 aprile 20 poliziotti si sono presentati a Mogotio a casa del pastore Cheruiyot, arrestandolo insieme a Mohammed e ad un altro responsabile della chiesa cristiana. I tre sono stati portati a Eldoret, dove la polizia era rimasta insospettita dalla presenza di un musulmano forestiero, per di più convertito al cristianesimo come Mohammed.
I due pastori sono stati interrogati sulla conversione del giovane e poi rilasciati l’1 maggio. «Durante gli interrogatori Mohammed continuava a ripetere una sola cosa: che aveva scelto di abbracciare la fede cristiana in piena libertà, sorprendendo quanti lo interrogavano», ha spiegato Cheruiyot, ricordando che il giovane è ancora in cella senza un’accusa precisa.

LA VENDETTA. Secondo Morning Star News, i continui attacchi nel paese da parte dei terroristi islamici somali di Al Shabaab hanno reso la polizia molto sospettosa nei confronti dei musulmani, che rappresentano appena il 7,1 per cento della popolazione. Come affermato da un giovane islamico, «noi musulmani siamo spesso associati ai terroristi». I due pastori arrestati e poi rilasciati, consapevoli che «ospitare un nuovo convertito non dovrebbe allarmare affatto la polizia», hanno avanzato questa ipotesi sull’arresto di Mohammed: i membri della moschea l’avrebbero denunciato alla polizia come fondamentalista per «vendicarsi della sua conversione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana