Google+

Iraq. La famiglia cristiana che sfida l’Isis per mantenere una promessa e custodire la tomba ebraica del profeta Naum

giugno 7, 2015 Benedetta Frigerio

Il cristiano Asir Salaam Shajaa non se ne andrà da Al Qosh, anche se lo Stato islamico è a 15 chilometri: «Quando gli ultimi ebrei se ne andarono, chiesero a mio nonno di custodire la tomba»

tomba-naum-al-qosh-wikipedia

L’avanzata dello Stato islamico lungo la piana di Ninive si è fermata a soli 15 chilometri da Al Qosh. Molti abitanti hanno abbandonato l’antica città assira ma il cristiano Asir Salaam Shajaa è rimasto, perché ha un compito: custodire la tomba del profeta ebraico Naum, famoso per aver predetto nel VII secolo a.C. la caduta di Ninive. Dopo 2.700 anni, l’Isis ha avverato quella profezia.

LA PROMESSA. «Quando gli ultimi ebrei lasciarono Al Qosh» nei primi anni 50, dopo la creazione dello Stato di Israele e l’inizio di una campagna violenta da parte dell’Iraq per cacciarli, «chiesero a mio nonno di custodire la tomba, così da mantenerla integra. Più di questo non so», ha spiegato Shajaa, intenzionato a mantenere come suo padre la promessa del nonno.

«È UN PROFETA». Una decisione coraggiosa, soprattutto se si considera che Naum non è un profeta cristiano: «Non è il nostro profeta, ma è un profeta, quindi dobbiamo rispettarlo. È un profeta, tutto qui, è semplice». Al Qosh è una città piena di tesori antichi di origine cristiana, assira ed ebraica. La tomba di Naum, che prima dell’esodo degli ebrei veniva visitata da migliaia di persone, essendo considerata un sito molto importante, ha continuato ad essere accessibile.

TUTTO FERMO. Oggi le mura della sinagoga dove è custodita la tomba sono sgretolate perché, come spiega Shajaa, «il governo non vuole ripararle usando lo stesso materiale con cui furono costruite, dicendo che non è sicuro farlo». E sebbene «alcuni ebrei benestanti volessero ricostruire le mura (…), lo Stato islamico ci ha attaccati e siamo vicini alla battaglia anche qui, perciò si è fermato tutto».

«CUSTODIREMO LA TOMBA». Lo Stato islamico non fa paura a Shajaa. «Non so quanto la mia famiglia continuerà a stare in Iraq», rivela ad Haaretz. «Mio fratello però ha detto che rimarrà comunque e che se la mia famiglia lascerà l’Iraq, lui e i suoi figli continueranno a custodire la tomba di Naum. Rimarrà della famiglia. A Dio piacendo».

Foto Wikipedia


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana