Google+

Anticipazione dell’intervista a Matteo Renzi: «All’Italia serve lo spirito del maratoneta»

agosto 23, 2014 Luigi Amicone

Difende il disegno di legge sull’omofobia («non minaccia la libertà di parola»), sfida l’Europa («siamo noi che la aiutiamo, non il contrario») e promette una rivoluzione a scuola («il 29 agosto vi stupirò»)

renzi-intervista-tempi«Io vedo l’Italia che ci sarà tra dieci anni e sono certo che torneremo ad essere la guida in Europa». Intervistato dal direttore del settimanale Tempi, Luigi Amicone, il presidente del Consiglio parla a tutto campo dell’azione del governo, di Europa, scuola, persecuzioni in Medio Oriente e ddl omofobia. La lunga intervista apparirà integralmente sul numero del settimanale in edicola settimana prossima (e in anteprima da domenica 24 agosto al Meeting di Rimini). Qui ne riportiamo alcuni stralci.

80 EURO. «Sono molto soddisfatto che prima della pausa estiva siamo riusciti ad approvare il nuovo Senato (…) e il decreto sulla Pubblica amministrazione che è l’inizio di un cambio di prospettiva per un Stato che stia accanto e non contro i cittadini». Il presidente del Consiglio si mostra soddisfatto su quanto fatto finora dal suo esecutivo che ha cominciato «a rispondere alle difficoltà economiche delle famiglie» e a fornire risposte a chi ha difficoltà («col decreto sul lavoro abbiamo salvato migliaia di posti a rischio»).
Renzi risponde alle critiche sugli 80 euro: «Vedo che ancora c’è chi ritiene che gli 80 euro mensili e per sempre a 11 milioni di persone non siano utili. Così come chi dice che tagliare l’Irap del 10 per cento alle imprese è troppo poco. Il solito vizio italiano. Certo, si può sempre fare di più, ma noi siamo i primi ad aver fatto il più imponente taglio strutturale delle tasse e la più grande operazione di redistribuzione della ricchezza da decenni e che sarà confermata anche nei prossimi anni. E spero allargata».
Secondo Renzi occorre «passare dalla logica del piagnisteo a quella della proposta. E toglierebbe il paese dalle mani dei soliti noti, quelli che vanno in tutti i salotti buoni a concludere gli affari di un capitalismo di relazione ormai trito e ritrito. Questa è la rivoluzione culturale che serve all’Italia: spalancare le finestre e fare entrare aria nuova».

MILLEGIORNI. In particolare Renzi si sofferma sui «Millegiorni» che «sono proprio la traduzione concreta di questo progetto per l’Italia». «Sono i tre anni di cui l’Italia ha bisogno per una strategia globale che la renda tanto semplice quanto solida». Elenca quindi i prossimi obiettivi: riforme costituzionali e legge elettorale; riportare l’Italia sullo scenario internazionale; la nuova Pubblica amministrazione; spending review. E poi riforma del lavoro, del fisco, del Terzo settore, della giustizia e lo “Sblocca Italia”, «un provvedimento ambizioso per mobilitare 43 miliardi di risorse già disponibili e che si occuperà anche di efficienza energetica, reti digitali e semplificazioni burocratiche».
«Tutt’altro che una serie di annunci spot», dice Renzi. «Del resto in questa estate l’Italia vince nella maratona, nel fondo a nuoto: ci vuole lo spirito del maratoneta. Chiarezza sull’obiettivo finale e passo dopo passo si va avanti a viso aperto. Alla fine di questo percorso sono certo che l’Italia, grazie alle straordinarie qualità dei suoi cittadini, tornerà ad essere la guida, non il problema, dell’Europa».

FISCAL COMPACT. «Noi manteniamo l’obiettivo del 3 per cento», assicura. «E ciò accadrà anche se altri fossero costretti ad allontanarvisi. Tutto il resto mi pare forzato e prematuro. Quando poi sento parlare di aiuto esterno mi scappa da ridere. L’Italia dà all’Europa più soldi di quelli che l’Europa dà all’Italia. E nel Fondo Salvastati noi abbiamo messo soldi che altri hanno preso. Solo l’atavica volontà di parte della classe dirigente italiana impedisce di prendere atto di una realtà: noi stiamo aiutando l’Europa, non è l’Europa che aiuta noi».
Al tempo stesso, Renzi è certo che «se abbiamo accumulato un debito pubblico enorme che fa da zavorra alla nostra capacità di sviluppo, non è colpa dell’Europa. Se non spendiamo o spendiamo male i fondi europei, non è colpa dell’Europa. Se da noi un processo civile dura decenni, non è colpa dell’Europa. Sappiamo bene che il fiscal compact è un accordo impegnativo, così come l’equilibrio di bilancio è un esercizio faticoso. Ma sappiamo anche che è venuto il momento di essere seri e di capire che non possiamo scaricare sui nostri figli gli effetti di politiche dissennate come accaduto in passato».

POLITICA ESTERA. Renzi si dice «molto preoccupato per la situazione in Libia» e nel Medio Oriente: «La questione è drammatica in molte zone non lontane da noi. Non si tratta di pensare a come ogni singolo Stato possa da solo mettere in campo iniziative. Quel tempo è finito. Queste sono sfide che o l’Europa è in grado di affrontare o l’Europa non è. Dai fenomeni migratori, all’esodo di profughi e rifugiati, alle persecuzioni per motivi religiosi, qui si parrà la nobilitate dell’Europa, il suo essere protagonista nel mondo globale».

SCUOLA E OMOFOBIA. «Sulla scuola stiamo lavorando, e seriamente, con il ministro Giannini e con la sua squadra. E il 29 agosto presenteremo una riforma complessiva che, a differenza di altre occasioni, intende andare in direzione dei ragazzi, delle famiglie e del personale docente che è la negletta spina dorsale del nostro sistema educativo. Che non è affatto vero sia un problema, ma un asset strategico del nostro Paese, che va valorizzato e messo in sicurezza. In ogni caso la sfida educativa è la mia priorità. Tra dieci anni l’Italia non sarà come l’avranno fatta i funzionari degli uffici studi delle banche o i politici di Montecitorio; l’Italia sarà come l’avranno fatta le maestre, i maestri, gli insegnanti».
Infine una battuta sul ddl omofobia presentato dal deputato Pd Ivan Scalfarotto: «Il ddl Scalfarotto non minaccia la libertà di parola. Ivan è stato duramente contestato anche da parte del suo mondo proprio per questo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

31 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Non sono assolutamente d’accordo con la visione ottimistica che Renzi ha del DDL Scalfarotto. Questo DDL ha come UNICO SCOPO quello di limitare gravemente la libertà di parola, se non dovesse raggiungere questo scopo, dal punto di vista della casta omosessuale, non avrebbe ragione di esistere. E’ preoccupante che una persona senza dubbio intelligente come Renzi voglia prenderci per i fondelli con affermazioni del genere.

  2. Cisco scrive:

    Mi auguro che nell’intervista completa siano state fatte a Renzi domande più precise sulla libertà di educazione.
    Riguardo al decreto Scalfarotto, il problema e’ come verrà interpretato dal primo giudice-zerbino a cui verrà fatto certamente di ricorso dalla banda radicale (Amedeo Santosuosso si sta già rimboccando le maniche).

  3. Malta scrive:

    Il solito imbonitore. Sei un cattocom alla prodi o pure peggio

  4. filomena scrive:

    Io credo che semplicemente sia giusto che la religione sia lasciata alla sfera individuale, le leggi dello Stato valgono per tutti non solo per i cattolici e non possono rispondere alla dottrina sociale della chiesa a meno che suoi rappresentanti in Parlamento non abbiano i numeri per far approvare leggi di tipo etico ma per il momento siamo ancora uno Stato laico dove le leggi non rispondono ai vangeli per fortuna.

    • GIovanna scrive:

      Per esempio la legge in cui si afferma che la scuola pubblica si declina in scuola statale e non statale, vero? Tu abbeverati pure al verbo femmnista-lesbico, con tutti i danni che ha fatto e continua a fare e che tu documenti con dovizia, soprattutto dal punto di vista di un disastro di umanità e di produzione di commenti a cavolo come questo, ma lascia agli altri la possibilità di abbeverarsi a fonti meno inquinate.

      Comunque, direttore, bel colpo, questa intervista, non vedo l’ora di leggerla per intero, alla faccia degli invidiosi e dei malmostosi che in questo momento rosicano alla grande !
      ( non mi riferisco ai commentatori, ma a certi giornalisti che hanno ricamato alla grande e a sproposito sull’assenza di Renzi al meeting )

  5. Rosaria scrive:

    Un decreto legge contro l’omofobia? Che senso ha proteggere la lobby più potente del mondo? Piuttosto si pensi a un decreto legge contro l’odio per la vita nascente.Rosaria

  6. mike scrive:

    un po’ mi fa sorridere tutto questo criticare il ddl scalfarotto. infatti noi italiani parliamo ma alla fine siamo solo in grado di adeguarci agli eventi, mai di produrli. tanto se quel ddl (che mamma mia certo che va contro la libertà di espressione e solo uno sprovveduto o un ipocrita dirrebbe di no) passa gli italiani se lo tengono. il popolo italiano se deve farsi sentire non si fa sentire, tra l’altro questo credo dipenda pure dal fatto che la % omosessuale nella società è ben più del 2%. ma è un altro discorso. e poi che pretendere da un popolo il cui 33% ha dichiarato di non vedere nulla di male nel sesso con minori? % di omosessuali a parte è che la società ormai tollera tutto. e conseguentemente fa di tutto (incredibile… turisti nudi a gallipoli).

  7. leo aletti scrive:

    In Italia come dappertutto siamo maschi o femmine. Basta con Scalfarotto. Molte cose mi sembrano virtuali, speriamo che non sia così. La scuola sia libera e non statale.

  8. leo aletti scrive:

    Siamo maschi o femmine, basta con la legge Scalfarotto. Molte proposte mi sembrano virtuali. La scuola deve essere libera non statale.

  9. Maurizio Lagomarsini scrive:

    Evidentemente Amicone e Vittadini, cosi’ come Renzi, sono lontani anni luce dalla realta’ italiana, che necessiterebbe di gente che parlasse meno e agisse di piu’. Tutto e’ fermo. Nulla si muove se non la lingua del Premier. La situazione del Paese e’ tragica, il ministro dell’ economia sbaglia di un punto la previsione di crescita, l’ India e L’ EU si fanno gioco di noi ( quindi internazionalmente siamo meno di zero ), la giustizia e’ una chiavica..ma noi abbiamo San Matteo..speriamo che il Signore ci salvi da questi imbonitori e dai loro cagnolini ubbidienti, che tollerano perfino un abominio come il ddl Scalfarotto x compiacere il potere.

    • beppe scrive:

      maurizio, vittadini e amicone non sono lontani dalla realtà, anzi , la conoscono molto meglio di tantissimi altri che vediamo ogni giorno in tv. sono lontani dal vero potere, quello che tolto ai SOLITI NOTI di cui favoleggia renzi, finirà nelle emani di PIF e della sua MOROSA, i PROSSIMI NOTI.

  10. martino scrive:

    Una sola domanda: chi sono i soliti noti?
    Se hanno un nome e cognome si abbia il coraggio di citarli, altrimenti devo dedurne che stiamo parlando delle solite caste di boiardi di stato che, occhio e croce, sono decine di migliaia.
    Il ddl Scalfarotto è fumo negli occhi, manovrato da quelli che comprano il nostro debito pubblico a colpi di miliardi di euro. E poi gli M5S pensano di essere pure vergini! Vedi il caso Singer vs Argentina.
    Buonanotte

    • beppe scrive:

      martino, scommettiamo che renzi non riesce nemmeno a sostituire la conduttrice de la vita in diretta ( ad es mettendo monica mondo, caro direttore). il vero potere ( della sinistra diffusa) parte dai talk show e arriva agli impiegati comunali comunali, ai capetti sindacalisti della PA, a chi scrive le fictions che demoliscono la famiglia da decenni, a chi mette l’ultimo arrivato ( un semplice migrante o peggio clandestino) davanti ad un CITTADINO italiano pensionato indigente. e siamo certi che toccherà poco o niente i milioni di parassiti che succhiando le risorse dello stato da politici e da dipendenti statali privilegiati hanno creato e amplificato il dedito pubblico. auguri.

  11. Enrico Z scrive:

    Renzi….ammazza quanto chiacchiera questo….e non si ferma….ogni giorno sforna una massima. A quando il libro per la sera?

  12. Enrico Z scrive:

    Renzi giá sa che dietro la carcerazione causata dal ddl scalfarotto (il minuscolo non é un caso) potrá appellarsi ad un ” le sentenze vanno rispettate”.
    Inoltre se il mondo di Scalfarotto lo ha duramente contestato pensa te che razza di mondo totalitario nazigay é il suo mondo.

  13. Enrico Z scrive:

    Ah…Renzi é un emerito buffone…dimenticavo.

  14. Enrico Z scrive:

    Renzi: “bene Draghi su flessibilitá” ….insomma Renzi promuove Draghi? Uhaz uhaz..insomma ora che Renzi l’ha promosso dormirá tranquillo he he he…patetico? Ridicolo? A me ricorda il conte Max.

  15. Filippo81 scrive:

    Lo spirito del maratoneta è una cosa buona, purchè il traguardo non sia quello che vuole la troika, altrimenti è meglio stare fermi.

  16. Raider scrive:

    Caro Direttore,

    su un tema qui più volte e aspramente dibattuto, il ddl Scalfarotto, mi sarei aspettato che Lei non avrebbe permesso a Renzi di cavarsela con una battuta, in cui Scalfar8, peraltro, viene fatto passare per vittima anche dei reazionari che il PD si cova in seno… La Renzite potrebbe essere, sembra, risulta già in fase discendente, cosa meno preoccupante dell’Italia in stato pre-agonico. Non facciamoci contagiare proprio adesso. E NO al ddl Scalfar8 e al gender nelle scuole.

  17. Filomena scrive:

    Penso che l’omofobia sia un’invenzione delle lobby gay per incassare finanziamenti pubblici e che il ddl Scalfarotto sia una legge liberticida indegna di una democrazia. Basta con la casta dei gay, basta con le leggi speciali

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

Dopo il lancio del Disc Brake Project, nel 2016, ecco prendere forma la prima ruota specifica per freno a disco. Reattività, leggerezza e affidabilità sono gli obiettivi del r&d Campy.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana