Google+

In morte di Salah Farah, il musulmano eroe che rischiò la vita per difendere i cristiani dai jihadisti

gennaio 21, 2016 Leone Grotti

Kenya. I miliziani di Al-Shabaab, saliti su un bus, avevano cercato di dividere i cristiani dai musulmani per uccidere solo i primi, ma lui si era opposto: «Uccideteci tutti o andatevene»

kenya-salah-farah

«Salah Farah è un vero eroe e sarà trattato con tutti gli onori». Non ha risparmiato elogi l’ispettore generale della polizia kenyana Joseph Boinnet quando si è trovato ad annunciare ai giornalisti locali la morte improvvisa dell’insegnante musulmano che rischiò la vita per difendere i cristiani. La sua storia aveva già fatto il giro del mondo.

«UCCIDETECI TUTTI». Quando il 22 dicembre scorso i jihadisti di Al-Shabaab sono saliti su un autobus, a pochi chilometri da Mandera, hanno cercato di dividere i cristiani dai musulmani, per uccidere i primi e risparmiare i secondi, seguendo il modus operandi della strage di Garissa. Ma sull’autobus la tattica non funzionò perché Salah Farah, invece di pensare a salvarsi, nascose i cristiani e sfidò i terroristi: «Uccideteci tutti o lasciateci in pace».

«SIAMO FRATELLI». Prima di scappare, gli Al-Shabaab uccisero due uomini e ne ferirono tre, tra cui Salah. Il vicepreside della scuola elementare di Mandera, dopo essere stato portato all’ospedale locale per una ferita alla gamba, venne trasferito il giorno di Natale a Nairobi, al Kenyatta National Hospital. Nei giorni seguenti Salah ha rilasciato diverse interviste, spiegando il suo gesto: «La gente dovrebbe vivere in pace. Solo la religione ci distingue dai cristiani ma siamo fratelli, per questo chiedo ai miei fratelli musulmani di prendersi cura dei cristiani e viceversa, così da vivere insieme in pace».

CINQUE FIGLI. Il 18 gennaio però, durante un’operazione di routine, Salah è morto. «Speravamo di salvare la sua vita perché lui era una testimonianza», hanno detto i medici. «Abbiamo fatto del nostro meglio ma quest’anima coraggiosa ha subito complicazioni». La polizia ha fornito alla famiglia un aereo per riportare il corpo dell’uomo a Mandera, dove sarà seppellito. Molte persone, riportano i giornali locali, si sono offerti di aiutare la moglie, incinta al nono mese, e i suoi quattro figli. Anche i genitori anziani vivevano grazie al suo stipendio.

«APPARTENIAMO AD ALLAH». «Stava andando tutto bene ma domenica è peggiorato all’improvviso», ha dichiarato il fratello. «Ma noi apparteniamo ad Allah e a lui ritorniamo. Spero che la sua morte serva a costruire l’armonia religiosa e a incoraggiare i kenyani a vivere insieme come un’unica comunità». È morto un «vero eroe».

Foto The Star/Joseph Ndunda


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Seconda avventura al trofeo enduro del nostro "tapascione", che questa volta ha dovuto vedersela con il maltempo...

Il restyling della supercar nipponica porta in dote interventi di dettaglio che rafforzano la vocazione granturistica della versione base, ora forte di 570 cv, mentre la variante estrema Nismo beneficia di superiori valori di deportanza e di un assetto pronto pista.

Il jet che ha fatto scuola. Semplice e stiloso, è un classico che non conosce età e continua a piacere, insensibile alle mode.

Parte il progetto “Unconventional Team”: 8 campioni in 6 sport di scivolamento interpreteranno i valori fondanti del marchio francese

Auto, bici ed elicottero. Un weekend sulle orme degli eroi del Giro d'Italia, lungo le favolose strade delle Dolomiti, soffrendo con lo Squalo

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana