Google+

«Il Premio Strega non avrà valore finché decideranno le case editrici»

aprile 19, 2012 Daniele Ciacci

Martedì scorso la mancata assegnazione del Pulitzer ha fatto scalpore. Per Ermanno Paccagnini, docente di Letteratura contemporanea all’Università Cattolica, in Italia non sarebbe mai successo. «Il Premio Strega – dichiara a tempi.it – è sorretto dalle case editrici, che usano ragioni extraletterarie e minano la qualità del prodotto».

Il Comitato esecutivo del Premio Strega ha selezionato la rosa dei dodici candidati che parteciperanno al concorso. È di due giorni fa la notizia del mancato conferimento del premio Pulitzer alla narrativa, il più importante riconoscimento letterario degli Usa. Nessuna delle opere finaliste – tra cui svettava Il re pallido di David Foster Wallace – era all’altezza di ricevere la preziosa medaglia. Tempi.it discute dei due premi con Ermanno Paccagnini, professore di Letteratura contemporanea all’Università Cattolica e giurato del Campiello.

Perché non è stato assegnato il Pulitzer alla Letteratura?
In realtà, le vicende sono più complicate di quel che sembrano, e bisogna conoscerne i tanti contenuti. Il mancato riconoscimento è legato non tanto al valore dell’opera in sé, ma alle caratteristiche del Pulitzer in quanto tale, sempre atto a premiare opere vicine all’attuale situazione americana. Secondo quanto ho sentito dagli esperti, il problema è che non ha convinto la lontananza dalla realtà. Almeno, questo è quello che mi è capitato di leggere.

Cosa pensa dello Strega?
Ho un’opinione negativa, almeno fin quando rimarrà il vizio di forma che vuole che le case editrici stesse decidano quali libri del loro catalogo partecipano. Di conseguenza, la scelta è viziata da una serie di ragioni extra-letterarie che minano la qualità. Spesso è capitato che le schede di presentazione dei libri fossero compilate dalle stesse case editrici e non dagli “amici della domenica”. Poi può esserci la fortuna, avvenuta in certi casi, che il vincitore sia anche un valido scrittore, ma è raro. Se la case editrici di medie dimensioni propongono il testo migliore, per le grandi aziende le scelte sono strettamente di mercato.

Ci vorrebbe una giuria popolare?
Il meccanismo dei premi è sempre balzano. Non basta una giuria popolare per riuscire a decretare l’oggettiva qualità di un testo. Una giuria di tal fatta può ribaltare le graduatorie previste, ma può anche valorizzare le opere brutte. Ogni tanto spunta qualche testo miracolosamente bello e apprezzato dal popolo. Certo, proponendo a una giuria popolare dei titoli preselezionati da una giuria di “addetti ai lavori”, limiti la scelta a opere ritenute valide. Al contrario, se la giuria è unicamente di “tecnici” – di letterati e di editori – c’è il rischio opposto, ovvero che si creino valutazioni che hanno come radice altro rispetto al merito.

twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana