Google+

Il particolare che manca ne “Il caso Spotlight”

febbraio 19, 2016 Luigi Amicone

«Perché il film non ci dice nulla in proposito, non ci offre ricerca, esemplificazione, profili di almeno qualcuno di questi preti accusati di pedofilia?»

Spotlight

Prima di andare a vedere il film fresco di primo week-end in tutte le sale cinematografiche italiane, film calorosamente consigliato dai preti – preti preti e preti laici – munitevi della recensione di Giuliano Ferrara e del titolo alla recensione apparso sulla prima pagina del Foglio di giovedì 18 febbraio, che basta e avanza: “Spotlight e la propaganda anticattolica”.

Per carità. Noi, come l’amico Giuliano, non vogliamo negare niente dei quindici anni di caccia ai violatori dell’infanzia dentro la Chiesa cattolica. Nessuna giustificazione per la pedofilia e nessuna conciliazione con i pedofili. Però neanche ce la sentiamo di attizzare roghi e aizzare Ku Klux Klan contro la Chiesa cattolica.

Ecco, una corretta e non propagandistica informazione (anche cinematografica) farebbe bene anche ai monsignori e ai loro estimatori. Tipo il nostro antico conoscente Paolo Rodari, collega molto più illustre di noi. Vaticanista talmente sensibile e talmente immedesimato con la lotta alla tragedia ecclesiale della pedofilia che, visto il film, ha sentito l’estasi di farsi Papa. E di conseguenza, lanciarsi in un tweet di questo petrino tenore: «Se fossi Francesco obbligherei vescovi e cardinali a vederlo». Non pago, il giornalista di Repubblica si è accompagnato al cinema con un vescovo. E mica un vescovo qualsiasi. Proprio uno «che puniva gli abusi» scrive il Rodari in un ennesimo tweet. Et voilà, twitta che ti twitta, bellezza dello spot urbi et orbi per Spotlight «la denuncia salverà la Chiesa, non l’omertà».

“La denuncia salverà la Chiesa”. Bella frase fatta, coniata alla zecca che fece ricco e famoso il napoletano di Gomorra. Cosa ci vuole a stampare e ripetere tutti i santi giorni, si parli del comune di Roma, della sanità lombarda o del bidet Vaticano, «la denuncia ci salverà»? Perfetto. Tant’è, sono decenni che va di moda lo sport della denuncia che fa ricchi i Saviani e le Iene. Ma Roma, la mazzetta e il bidet sono sempre lì. Dall’epoca in cui l’uomo entrò nella storia e la corruzione pure. Un po’ come dire, la denuncia salverà Abele. E raus, mai più Caino nella storia.

(E invece: dire che si deve fare quel che si deve fare, nel caso reprimere e punire senza troppo rumore, e che ci vuole però anche un po’ di educazione, che prevenire è meglio che curare, no? No. Tutte queste cose elementari se le sono dimenticate. Per costruire la tela del ragno, gli hastag e i megamegafoni dell’industria delle denuncia. La moltiplicazione dei pani della delazione sociale e dei pesci dell’industria chiacchiere&distintivi).

Tornando all’affare Spotlight, si capisce che ci dovrebbe essere una spiegazione se, come disse una volta a un giornale cileno (con poco garbo ma anche con un po’ di statistica) il buon cardinal Bertone, la stragrande maggioranza dei casi di pedofilia nella Chiesa cattolica vede come protagonisti sacerdoti a cui non piacciono le donne.
Può piacere o no, ma questo è un dato e, forse, pure un dato interessante dentro lo “scandalo pedofilia” nella Chiesa. Eppure, questo dato è stato (ed è) totalmente trascurato. Perché? Come mai su questo dato hanno taciuto i giornali del Grande Scandalo e tace adesso anche Spotlight?

Perché nessun giornalista o regista hollywoodiano ha cercato di dare una spiegazione al rapporto del John Jay College di New York, lo studio più autorevole che esista sul tema pedofilia nella Chiesa cattolica, secondo il quale negli Stati Uniti l’81 per cento delle accuse di abusi su minori rivolte ai sacerdoti riguardano i ragazzini e non le ragazzine? «Parliamo di maschi che abusano di altri maschi» ricorda Massimo Introvigne, direttore di un autorevole centro studi sulla religione e forse tra i maggiori esperti italiani in materia di sociologia della religione. «Anche in Irlanda gli abusi di sacerdoti su ragazzi sono circa il doppio di quelli sulle ragazze».

L’indignazione internazionale che travolse il povero segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone quando nell’intervista ai cileni fece balenare l’ipotesi che ci fosse un nesso tra omosessualità e pedofilia fu nient’altro che una studiata aggressione per consigliare alla Chiesa cattolica di tenere la bocca ben chiusa sull’argomento. La verità è che se il nesso fatto balenare da Bertone non aveva e non ha alcuna base scientifica, il fatto statistico rimane un fatto. Come dice Introvigne: «Certamente nessuno ha mai sostenuto che tutti i preti con tendenze omosessuali abusano di minori. Questa sarebbe un’accusa del tutto ingiusta. Che la maggior parte dei preti che abusano di minori, però, abusino di minori dello steso sesso invece è un fatto».

Cosa significherà mai questo “fatto”, almeno nell’ambito della Chiesa cattolica? È tutto da scoprire. Infatti, come mai questo “fatto” è stato sistematicamente scansato, non esaminato e infine nascosto dal giornalismo e dal cinema? Perché anche Spotlight non ci dice nulla in proposito, non ci offre ricerca, esemplificazione, profili di almeno qualcuno di questi preti accusati di pedofilia?

Ve la raccontiamo noi una storiella, minimalista forse, ma certamente istruttiva in proposito. E la storiella è quella di un amico e collaboratore di questo giornale che un giorno ci rivelò di essere stato in seminario. Voleva farsi prete. Ma poi incontrò una donna. Uscì dal seminario e si sposò. Ebbene, questo amico ci raccontò di aver sentito con le sue orecchie – quando ancora si trovava in un seminario in Veneto – un illustre vescovo vantarsi di aver fatto preti «tanti bravi ragazzi a cui non piacciono le donne». «Sapete – proseguì quel vescovo facendo calare un’ombra nell’animo del nostro amico – la Chiesa non può correre il rischio di avere sacerdoti che si innamorano e poi magari lasciano figli in giro». Infatti. Ci sono pochi figli di preti in giro. E molto lavoro per i reporter investigativi di Spotlight.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. giovanna scrive:

    Trollona , qui Luigi Lupo, sei proprio un avvoltoio coi fiocchi e i contro fiocchi !
    Tra i tanti “stili diversi” che hai, come hai ammesso in quanto “giulia”, quello del poro Luigi Lupo è dei più insulsi.
    Certo che confezionare personaggi così ferocemente monotematici , fissati su un aspetto della realtà e solo su quello, fa capire di quanto tu, trollona, sia carente umanamente.

    • giovanna scrive:

      E vabbè, se censurate le scemenze in serie della trollona, cancellate anche la mia replica : ve lo chiedo da qui all’eternità, perché della trollona non ci libereremo mai !

      Articolo molto interessante, che non chiude le domande, ma ne apre altre.
      Ce ne fossero di giornalisti, e/o intellettuali in generale, che non si accontentano della pappa pronta.

      • Luigi Lupo scrive:

        Per la precisione non so neppure chi sia la trollona e neppure giulia
        Come puoi vedere sono stato censurato pur non avendo scritto niente di offensivo mentre permettano a te di dire che la mia richiesta, perchè di richiesta si trattava, è una scemenza.
        Perchè vedi cara giovanna, minuscola voluta, quando mi capita di leggere una tua risposta a commenti che non condividi, le tue risposte sono sempre offensive, ma a te tutto è permesso forse perchè sanno che non sei capace di argomentare ma solo di offendere,
        Complimenti censurate pure questo
        .

        • Nino scrive:

          per favore Luigi non darle corda, alimenti solo le sue ossessioni

          • giovanna scrive:

            Brava, trollona, qui luigi lupo-nino, continua a fare questi siparietti ridicoli, tra te e te stessa, tanto non ti rendi conto di quanto sei ridicola : proprio non ci arrivi a capire l’ effetto patetico che fai.
            Cordialmente !
            ( E perché non argomenti in tema, dato che ti piace tanto argomentare, con tutti i tuoi horror nick ? No, a te non importa un fico secco di argomentare…a te importa solo trollare, trollare, trollare, trollare…..e dare sfogo alla tua cattiveria, avvoltoio)

  2. Au da Roma scrive:

    Credo che, ponendo attenzione al film ci si possa accorgere che viene esplicitato chiaramente che il fatto che le vittime di molestie siano prettamente maschi non é da rapportarsi all’omosessualità del prete, quanto piuttosto al fatto che i bambini si vergognino di più e che sia quindi meno probabile che sporgano denuncia

    • giovanna scrive:

      Certo, trollona qui “audaroma”, certo, hai ragione tu, è vero, ok, d’accordo, senz’altro…
      Cordialmente !

      • giovanna scrive:

        Trollona, qui “giovanni”, “nino”, “luigi lupo”, “au da roma ” piantala !
        Sei ridicola e patetica, ma il guaio è che non te ne accorgi.
        Cordialmente !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

La coupé nipponica, attesa al debutto nel 2018, condividerà con la futura spider BMW Z5 pianale e materiali compositi. Potrebbe adottare un powertrain ibrido o, in alternativa, un V6 biturbo benzina da almeno 400 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana