Google+

Il Papa: «Per conoscere di più Dio dobbiamo prestare attenzione al suo silenzio»

marzo 7, 2012 Benedetta Frigerio

Nella catechesi del mercoledì Bendetto XVI ha ricordato che Dio ascolta anche quando non sembra. E che occorre fare silenzio per accoglierlo e conoscerlo: «Noi quasi tutti conosciamo Dio solo per sentito dire e solo quanto più siamo aperti al suo silenzio, al nostro silenzio, tanto più cominciamo a conoscerlo realmente».

Non bisogna avere paura del silenzio, perché, ha ricordato oggi il Papa nell’Udienza generale, il silenzio di Gesù è «importante nel rapporto con Dio». Ma non bisogna temere nemmeno quello di Dio, che pare, come ha più volte detto il Pontefice, caratterizzare la nostra epoca. «La croce di Cristo – afferma Benedetto XVI – non mostra solo il silenzio di Gesù come sua ultima parola al Padre, ma rivela anche che Dio parla per mezzo del silenzio: il silenzio di Dio, l’esperienza della lontananza dell’Onnipotente, del Padre è tappa decisiva nel cammino terreno del Figlio di Dio, Parola incarnata. Appeso al legno della croce, ha lamentato il dolore causatogli da tale silenzio: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato”». Come Gesù, che ha parlato tutta la vita con il Padre, anche noi dobbiamo «misurarci anche con il silenzio di Dio, espressione importante della stessa Parola divina».

Il Santo Padre ha prima spiegato che la dinamica di parola e silenzio «tocca anche la nostra vita di preghiera in due direzioni. La prima è quella che riguarda l’accoglienza della Parola di Dio. È necessario il silenzio interiore ed esteriore perché tale parola possa essere udita. E questo è un punto particolarmente difficile per noi nel nostro tempo. Infatti, la nostra è un’epoca in cui non si favorisce il raccoglimento; anzi a volte si ha l’impressione che ci sia paura a staccarsi, anche per un istante, dal fiume di parole e di immagini che segnano e riempiono le giornate». Il Papa ci ha tenuto a precisare che questo principio deve arrivare a toccare non solo la preghiera personale, ma anche la liturgia della Messa: «Per facilitare un ascolto autentico, esse devono essere anche ricche di momenti di silenzio e di accoglienza non verbale. Vale sempre l’osservazione di Sant’Agostino: Verbo crescente, verba deficiunt – “Quando il Verbo di Dio cresce, le parole dell’uomo vengono meno”». Il silenzio è poi l’unica possibilità attraverso cui ricavare «uno spazio interiore nel profondo di noi stessi per farvi abitare Dio perché la sua parola rimanga in noi, perché l’amore per Lui si radichi nella nostra mente e nel nostro cuore e animi la nostra vita».

Ma che dire del silenzio di Dio che riguarda la nostra vita e la nostra epoca? «Spesso – ha proseguito il Santo Padre – nella nostra preghiera, ci troviamo di fronte al silenzio di Dio, proviamo quasi un senso di abbandono, ci sembra che Dio non ascolti e non risponda. Ma questo silenzio di Dio, come è avvenuto per Gesù, non segna la sua assenza. Il cristiano sa bene che il Signore è presente e ascolta, anche nel buio del dolore, del rifiuto e della solitudine». Gesù, infatti, rassicura i discepoli: “Il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate”». Benedetto XVI ha portato ad esempio la vita di Giobbe: «Quest’uomo in poco tempo perde tutto: familiari, beni, amici, salute; sembra proprio che l’atteggiamento di Dio verso di lui sia quello dell’abbandono, del silenzio totale. Eppure Giobbe, nel suo rapporto con Dio, parla con Dio, grida a Dio nella sua preghiera, nonostante tutto, conserva intatta la sua fede e alla fine scopre il valore della sua esperienza e del silenzio di Dio. E così alla fine, rivolgendosi al Creatore, può concludere: “Io ti conoscevo solo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti hanno veduto”. Noi quasi tutti conosciamo Dio solo per sentito dire e solo quanto più siamo aperti al suo silenzio, al nostro silenzio, tanto più cominciamo a conoscerlo realmente». Il Papa quindi ha sottolineato che la preghiera deve essere piena di «fiducia audace e filiale, che va al di là di ciò che sentiamo e comprendiamo».

Infine il Papa ha messo in guardia dalla cultura efficientista: «A noi, spesso preoccupati dell’efficacia operativa e dei risultati concreti che conseguiamo, la preghiera di Gesù indica che abbiamo bisogno di fermarci, di vivere momenti di intimità con Dio», perché «tutte le angosce dell’umanità di ogni tempo, schiava del peccato e della morte, tutte le implorazioni e le intercessioni della storia della salvezza il Padre le accoglie e, al di là di ogni speranza, le esaudisce risuscitando il Figlio suo». Benedetto XVI ha quindi ricordato le parole di san Paolo «sulla vita cristiana in generale che valgono anche per la nostra preghiera: “Io sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né principati, né presente né avvenire, né potenze, né altezza né profondità, né alcun’altra creatura potrà mai separarci dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù, nostro Signore”».
Twitter: @frigeriobenedet

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana