Google+

Il McDonald’s secondo Massobrio (che elogia il gastrofighettismo)

maggio 17, 2012 Elisabetta Longo

La catena di fast food McDonald’s userà nel suo menù italiano 10 prodotti Dop. Intervista all’esperto enogastronomico Paolo Massobrio: «Se mettessero nel menù più insalate e il vino, forse ci andrei».

Se pensiamo al fast food e al suo re, McDonald’s, certo non viene in mente un’immagine di salute e qualità. Eppure la catena insiste da sempre nel dire che tutto il cibo da loro servito è rigorosamente controllato e sicuro. Ma la ricchezza del sapore di un prodotto a filiera breve o italiano è di sicuro altra cosa. Ora il re dei fast food fa sapere che a breve debutteranno nei menù dieci prodotti a denominazione di origine protetta (Dop), simbolo del made in Italy. Su quali tra l’infinita varietà di prodotti italiani cadrà la scelta verrà reso noto a fine maggio. Tempi.it ha chiesto un parere sull’iniziativa a un esperto in materia enogastronomica, Paolo Massobrio, presidente dell’Associazione Club di Papillon e autore del Golosario, giunto ormai alla tredicesima edizione.

Pensa che questa scelta sia un passo in avanti per il fast food o un passo indietro per la qualità italiana?
L’iniziativa non va a intaccare il made in Italy, non fa venire meno la sua qualità. Allo stesso tempo non vedo come le porzioni mastodontiche tutti i giorni servite da Mcdonald’s possano stare al passo con i nostri prodotti, mantenendo i loro prezzi bassi, visto che si tratta di una catena per tutte le tasche. Sicuramente è un’attenzione in più, un miglioramento generale, ma non mi straccerei le vesti dalla gioia, ecco.

Cosa proporrebbe allora alla catena per migliorarsi?
Se si sfruttasse la stagionalità dei prodotti del nostro territorio, se ad esempio mettessero in menù più insalate, più verdura, pur mantenendo i prezzi competitivi che li contraddistinguono, sarebbe un grandissimo passo avanti. Allora potrei anche andare un giorno a sedermi ai loro tavoli. Inoltre mi faccio sempre questa domanda, riguardo alle proposte di McDonald’s: perché il vino viene discriminato? Con l’hamburger preferisco un calice di vino a un bicchierone di Coca cola annacquata.

Oggi il fenomeno degli hamburger di qualità sta prendendo molto piede in Italia.
Sono assolutamente favorevole a questa nuova tendenza. La prima hamburgeria italiana l’ho trovata proprio io a Rivoli, in provincia di Torino. Si faceva denominare “agrihamburgeria di qualità a filiera corta”. L’avevano chiamata MacBun, dove “bun” in dialetto torinese vuol dire “buono”. Poi McDonald’s li ha scomunicati e gli ha impedito di usare il loro prefisso così noto e allora l’hanno chiamato ironicamente M**Bun. Ma la loro fama non è cambiata, anzi. È uno slow fast food, la cura degli alimenti deriva innanzitutto dalla cura degli animali da cui proviene la carne. Non dobbiamo però pensare che l’hambuger sia qualcosa di americano. La svizzera, la carne macinata cotta nel sugo bianco o rosso, la polpetta fatta di avanzi come i mondeghini, sono tipici della nostra tradizione.

L’hamburger di qualità rientra in pieno diritto nella lista del cosiddetto “gastrofighettismo”. Il “gastrofighetto” segue ad esempio certi chef come se avessero arti divinatorie o il procedimento di alcune ricette della tradizione italiana in maniera più che rigorosa, sbava per il sale rosa dell’Himalaya o il lievito madre.
In questo “gastrofighettismo” c’è del buono se suggerisce la riscoperta del procedimento antico per impastare il pane e fare una pizza di un certo livello, buona in bocca e digeribile in un paio d’ore e non in una notte di sofferenza. Guarda caso i posti di culto della pizza attuali sono spesso in periferia, come Pizza da re a Verona, Pizzarium di Gabriele Bonci a Roma, che addirittura propone pizza al trancio, o Pizza Big a Milano. Esattamente il contrario del fighettismo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana