Google+

«Il mare grosso è colpa loro». A processo il trafficante musulmano che annegò i migranti cristiani

settembre 21, 2016 Redazione

In Spagna hanno chiesto 90 anni per il capitano musulmano Alain N. B., che nel 2014 ha buttato a mare sei cristiani durante un viaggio su un barcone dal Marocco alla Spagna

C’era mare grosso e il barcone carico di migranti, salpato dal Marocco, rischiava di ribaltarsi prima di raggiungere le coste della Spagna. Un gruppo di cristiani si mise a pregare perché le onde si calmassero e il trafficante musulmano che guidava il barcone, accusandoli di causare la burrasca con le loro invocazioni, li buttò a mare dopo averli alleggeriti dei loro beni.

LE PREGHIERE. Il capitano musulmano Alain N. B. si trova ora a processo in Spagna per l’omicidio di sei migranti, uccisi solo perché cristiani, scrive il Telegraph. Secondo i 29 sopravvissuti, «il capitano ha accusato il pastore cattolico che guidava le preghiere di causare il mare grosso che agitava la barca». Credeva che «ogni volta che una preghiera veniva pronunciata il tempo peggiorasse».

SEI CRISTIANI UCCISI. Prima di gettare fuori dalla barca il pastore nigeriano, Alain e il suo secondo l’hanno picchiato con delle assi di legno. Poi hanno perquisito i passeggeri alla ricerca di simboli cristiani e trovatoli su cinque migranti, li hanno derubati e poi buttati a mare. Secondo il pm, «Alin N. B. sapeva che le vittime non potevano essere sopravvivere e che sarebbero morte o affogate o di freddo». L’accusa ha chiesto per il trafficante 15 anni per ogni uomo ucciso con l’aggravante della «motivazione religiosa», per un totale di 90 anni di carcere. Il suo secondo, invece, è deceduto prima dell’inizio del processo.

SUPERSTITI. I superstiti sono stati trovati il 5 dicembre 2014 mentre andavano alla deriva vicino alla costa spagnola. Almeno 21 persone sono morte nel viaggio, tra cui sette neonati. I due camerunensi sono stati indicati come trafficanti dai sopravvissuti. Nelle tasche avevano 1.500 euro, la somma sottratta dalle tasche dei cristiani.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Filippo81 says:

    Vorrei sapere quanti scafisti sono stati arrestati e condannati,secondo me ben pochi,purtroppo !

  2. Menelik says:

    Se li avessero arrestati in Italia, li avrebbero scarcerati in tempo record.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download