Google+

I prezzi dei parrucchieri danesi sono discriminatori. Lo dice la Commissione pari opportunità

gennaio 28, 2013 Paola D'Antuono

In Danimarca sono state dichiarate illegali le differenze di prezzo tra i tagli maschili e quelli femminili. Ora i parrucchieri saranno obbligati ad applicare lo stesso listino per evitare multe per “trattamento discriminatorio”

Una cosa a cui le donne non riescono proprio a rinunciare è il parrucchiere. Magari in tempi di austerity ci vanno meno spesso, qualcuna azzarda anche un tentativo per così dire orientale, altre si tolgono lo sfizio di una piega dal parrucchiere dei vip. Ma i capelli si sa, sono un vezzo tutto femminile. Per questo, storicamente, i parrucchieri femminili hanno sempre avuto un costo diverso rispetto ai colleghi che si dedicano alle sobrie scelte maschili. Va detto anche che gli uomini prediligono quasi sempre tagli corti – quando ancora ci sono capelli su cui lavorare – che richiedono meno tempo e meno creatività.

NORD. Capita però che in Danimarca i tagli da uomo e da donna finiscano addirittura al vaglio della Commissioni pari opportunità. Tutto è nato dalla lamentela di una cliente di un salone danese che ha protestato per la differenza tra i prezzo del taglio da uomo, attorno ai 48 euro,  e quello da donna, superiore di circa dieci euro. Il proprietario del salone, per il suo “trattamento discriminatorio”, si è visto recapitare una multa di duecentottanta euro. A nulla sono valsi i tentativi di spiegare che la diversità di listino prezzi non ha niente a che vedere con il razzismo ma è causata dalle esigenze diverse delle due tipologie di clientela.

PARI PREZZI. Il proprietario intanto è ricorso in appello, ma la Commissione Pari Opportunità ha già giudicato illegali le differenze di prezzo tra i tagli maschili e femminili. Difficile capire cosa succederà adesso, se i prezzi maschili verranno equiparati a quelli femminili o si creerà una nuova “discriminazione”, non di genere ma di lunghezza. Uomini e donne con i capelli corti pagheranno meno rispetto a uomini e donne con i capelli lunghi. E i bambini? Si attendono nuove lamentele.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana