Google+

I fan di Einaudi ci pensino due volte prima di espellere la Thatcher dal Pantheon liberale

agosto 1, 2017 Luca Tedesco

Confrontando i due statisti, non convince il tentativo di liquidare la Lady di ferro come un corpo estraneo alla storia del liberalismo europeo. Ecco perché

thatcher-ansa

La Lady di ferro è passata a miglior vita quattro anni fa. Dopo la prima, inevitabile, fiammata di giudizi polemici, panegirici estemporanei e disquisizioni stucchevoli sul se e sul quantum di liberalismo contenesse la sua azione di governo, ci saremmo aspettati riflessioni più ponderate e distaccate, nutrite di analisi fattuali e meno condizionate da slogan quali liberismo estremo, liberalismo temperato e simili, slogan che spesso fanno credere a chi li agita di essere esentato dal fornire ulteriori chiarificazioni.

«Sei un liberista!» oppure «sei un comunista!» e oplà il gioco è fatto; non ho certo bisogno di dimostrare perché, in quanto liberista, e quindi nell’opinione comune ovviamente estremo, o in quanto comunista, e quindi nella vulgata evidentemente stalinista, hai perciò torto; se sei quelle cose lì, hai ipso facto torto. Punto e basta.

Bene, vogliamo allora provarci noi, a proposito della Thatcher, a sviluppare, senza iattanza ma sine ira et studio, qualche considerazione, non finalizzata a verificare se il personaggio possa o meno essere inserito nel Pantheon liberale, ché dei Pantheon, dei numi tutelari e dei Padri della tradizionale liberale ci importa poco. Non vogliamo distribuire pagelle e patenti, ché d’altronde non ne abbiamo l’autorità.

Vorremmo soltanto iniziare a capire se la rosa, secondo alcuni, o la gramigna, secondo altri, spuntate e cresciute negli anni Ottanta a di là della Manica siano state un fatto eccezionale o meno. La politica e, ancor prima, l’universo intellettuale di Margaret Thatcher sono stati o no il frutto di una darwiniana mutazione casuale del tessuto genetico liberale, una crociana invasione degli Hyksos, degli inquilini abusivi del condominio liberale?

Certo, si potrebbe liquidare la faccenda ricordando come neanche il meno progressista dei liberali di casa nostra nel secondo Novecento, Giovanni Malagodi, amasse il premier britannico. Eppure fu proprio Malagodi a creare negli anni Sessanta a Roma la fondazione intitolata a Luigi Einaudi, e proprio mettendo a confronto Thatcher ed Einaudi la liquidazione del “thatcherismo” quale corpo estraneo alla storia del liberalismo europeo non ci sembra persuasiva.

Certo, non vogliamo stilare giudizi definitivi ma solo mettere in fila alcuni elementi.

«Punto critico nel programma di governo era il bilancio preventivo. La nostra impostazione generale era ben nota. Era necessario un fermo controllo del circolante per abbattere l’inflazione. Occorrevano tagli nella spesa pubblica e prestiti per alleviare il peso sul settore privato, che era il creatore della ricchezza»; così annotava la Thatcher nel 1993 nel suo Gli anni di Downing Street a proposito del piano di politica economica adottato agli inizi del suo primo mandato di governo (1979-1983).

Negli anni successivi, proseguiva l’ex primo ministro inglese, «la battaglia si sarebbe svolta su tre argomenti connessi l’uno all’altro: la politica monetaria, la spesa pubblica e la riforma sindacale». Nell’ottobre del 1979 al congresso del partito tenutosi a Blackpool aveva d’altronde detto a chiare lettere: «Noi prenderemo qualunque misura si renda necessaria per contenere l’aumento del circolante». E nell’autobiografia, la Thatcher chiarisce la filosofia di fondo che sorreggeva quell’indirizzo di politica economica (che si sarebbe tradotto nell’incremento del tasso d’interesse): «Noi cercavamo di assicurare una maggiore stabilità finanziaria, nella quale imprese e individui potessero operare con fiducia. Sapevamo che potevamo farlo solo controllando i fenomeni che il governo era in grado di controllare, ossia il circolante e il debito pubblico. Al contrario la maggior parte della pianificazione economica del dopoguerra cercava di controllare fenomeni come la produzione e l’occupazione, che alla fin fine il governo non poteva controllare, mediante una quantità di regolazioni sugli investimenti, sui salari e sui prezzi che distorcevano l’attività economica e minacciavano la libertà personale».

Quale era l’accusa mossa dai detrattori di tale impianto economico? Quella di «dogmatismo», lo ricorda la Thatcher stessa, che imponeva di ridurre l’inflazione «solo con un’energica stretta monetaria, […] comprimendo l’economia nel bel mezzo di una recessione», quando, invece, argomentava l’opposizione, occorreva sostenere keynesianamente la domanda finanziando la spesa pubblica in deficit.

luigi-einaudi-ansaEbbene, quale fu la stella polare che guidò Einaudi nel secondo dopoguerra nella sua attività da governatore della Banca d’Italia e ministro del Bilancio? Giudicate inapplicabili le ricette keynesiane in quanto, secondo l’economista cuneese, in Italia non esisteva una capacità produttiva inutilizzata, Einaudi impegnò le sue energie nella battaglia antinflazionistica, procedendo nel corso del 1947 ad aumentare il tasso di sconto dal 4 al 5,5 per cento e a contrarre così il credito bancario. Avversari? Le sinistre e i sindacati. Lo scotto da pagare? Una iniziale impennata della disoccupazione, proprio come sarebbe accaduto nei primissimi anni Ottanta in Gran Bretagna.

Ma è ancora una volta sul terreno della Weltanschauung sostanziante le politiche economiche che è possibile rintracciare consonanze e affinità tra la statista d’oltremanica e il Nostro.

Il socialismo, sentenzia secca nel suo diario The Iron Lady, «aveva letteralmente demoralizzato comunità e famiglie, offrendo dipendenza dallo Stato in luogo dell’indipendenza e sottoponendo i valori tradizionali a prolungata derisione».

Nel nostro paese, osservava Einaudi nell’aprile 1948 sul Corriere della Sera in un articolo intitolato “La terza via sta nei piani?”, dove «i ceti professionali non dipendono dallo Stato, ma dal favore della clientela; dove gli agricoltori sono ancora re in casa propria e portano i propri prodotti al mercato e non sono costretti […] a consegnarli a prezzi fissati ad un padrone anonimo detto Stato; dove esistono ed esisteranno sempre, ove non siano aboliti per legge, artigiani e commercianti ed industriali piccoli e medi, non è possibile […] la tirannia […]. Vivono nelle nostre società milioni di uomini appartenenti a ceti indipendenti dal monopolista privato o dal leviatano statale. Questi ceti indipendenti sono ancora, per fortuna, la grandissima maggioranza del popolo italiano, come degli altri popoli di civiltà occidentale; ed in questi ceti indipendenti sta il presidio ultimo della libertà civile e politica».

Temiamo allora che se in casa liberale qualcuno oggi volesse mandare in soffitta il busto di Margaret, qualcun altro un domani potrebbe concludere che anche quello di Einaudi meriti lo stesso trattamento riservato alle innumerevoli statue di Lenin dopo il 1989. Simul stabunt simul cadent, come usa dire.

Luca Tedesco, autore di questo articolo, è professore associato in Storia contemporanea all’Università degli studi Roma Tre

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download